Messico: spiagge, maya e natura

Tra il mare dell’isola di Holbox, le splendide cascate di Agua Azul e i siti di Palenque, Chichen Itza e Uxmal

  • di Mister66
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 2000 a 3000 euro
 

Dopo oltre 5 mesi di preparativi Io e Iris oggi partiamo destinazione Messico. Stazione di Faenza ore 12. 37, regionale x Bologna. Arrivati in stazione prendiamo il bus x l'aeroporto, l'impazienza questa volta ci ha giocato un brutto scherzo,siamo arrivati con 5 ore di anticipo. Il primo aereo x madrid parte alle 19,dove alle 23. 55 decolleremo nuovamente x Città Del Messico con arrivo previsto alle ore 5 per ripartire alle 8. 05 via x la nostra destinazione Cancun, dove atterreremo alle 9. 40. Ritiriamo la macchina quanto prima e senza perdere tempo ci dirigiamo verso il primo sito Ek alam. Il sito risulta essere molto bello e poco frequentato dai turisti. Saliamo sulla piramide nonostante Iris abbia un pò di febbre, mal d'orecchi e se non bastasse giramenti di testa dovuti al gran caldo. A malincuore saltiamo il cenotes e ci rechiamo all'hotel per buttarci in piscina anche se più che una piscina sembra una pozza d'acqua ma con il caldo che fa ,va bene così. Domani Cenotes e Chichen Itza. Prima di cena scatto due foto alle iguane e ci spariamo due corona in attesa di sapere se avremo o meno i biglietti dello spettacolo di luci proiettate sulle piramidi. Purtroppo non troviamo posto e allora torniamo al nostro Hotel "Dolores Alva"e ceniamo a bordo piscina.

Sveglia presto e facciamo colazione e via a visitare il sito di Chichen Itza (battere sul tempo i pullman carichi di turisti è fondamentale e ci riusciamo). Appena entrati il Castillo la piramide Agradoni, ti riempie gli occhi e preso dall'emozione inizio a scattare foto come un forsennato senza riuscire a smettere. La visita prosegue con il palazzo dove si praticavano i sacrifici umani (peccato che non possiamo salire da sopra si potevano ammirare delle belle statue scolpite). Proseguiamo passando vicino ad un colonnato e dopo una lunghissima camminata arriviamo all'osservatorio. Qui vengo illuminato dal ricordo dell'astronauta e comincio a chiedere a tutte le guide,dove si trovasse. Non trovando nessuna risposta,chiedo a Iris di controllare su internet e scopro così che x vederlo dovrò aspettare la visita di un altro sito, Palenque. Completiamo quindi la visita con il gioco della Pelota se non fosse stato che il mio ginocchio potesse fare "crack" anche qui,serebbe stato il mio posto ideale. Guardo Iris che ormai è color paonazzo, così mi decido a scattare le ultime foto di questo posto bellissimo. Visto il caldo forte ci dirigiamo verso il cenote x cercare un pò di refrigerio. Dopo pochi km arriviamo al cenote "Kil Kil". Nel parcheggio ci mettiamo il costume e infradito come dei nomadi e via. Arrivati al bordo del cenote guardiamo di sotto e scopriamo la bellezza di questo posto. La natura fa delle cose fantastiche. Facciamo un centinaio di scalini e arriviamo sotto,Iris mette il giubbotto di salvataggio e entra in acqua dagli scalini, io invece mi tuffo con uno stile tutto mio. Facciamo una nuotata rinfrescante e rilassante in un posto bellissimo. Il cenote oltre che il corpo rinfresca anche l'anima. Riprendiamo il nostro viaggio destinazione Merida. Iris leggendo la nostra guida scopre che ci sono delle saline naturali e che possiamo vederle allungando il percorso di 20 km,così,visto che siamo in anticipo decidiamo di visitarle. Andiamo in direzione Progreso un paesino che si trova vicino a questa biosfera,popolata da fenicotteri rosa. Riusciamo a vederne alcuni insieme a pellicani e altri uccelli acquatici;adesso però è ora di andare,Merida ci aspetta. Trovato il nostro hotel Plaza Mirador ci rilassiamo un attimo e decidiamo poi di farci una bellissima passeggiata notturna e dopo aver cenato nella caratteristica piazza,siamo di corsa andati a nanna ormai distrutti.

10/5/15

Via da Merida ci dirigiamo verso Uxmal, altro sito di cui le guide parlano bene e, arrivati a destinazione, notiamo l'assenza di grandi folle. Paghiamo il biglietto e iniziamo la nostra visita. Ci imbattiamo subito in una bellissima piramide molto diversa dal Castillo e molto imponente. Visitiamo il sito con tutta la calma del mondo e saliamo inoltre su una piramide "il palazzo degli uccelli" da dove abbiamo una vista del sito spettacolare! Diamo poi una sbirciata alla guida e scopriamo "Kabah"un sito di secondaria importanza che decidiamo di visitare. All'ingresso i visitatori si contano sul palmo di una mano e con un biglietto di sole 5 euro passiamo 2 ore stupende. Si sono fatte le 14, è ora di andare, passeremo la notte a Campeche. Facciamo una stancante pesseggiata nel centro di questa coloratissima città, cena e poi via nel nostro hotel "Maria Isabella"

  • 8277 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social