Da Città del Messico all'isola di Holbox

Partenza da Bologna il 19 luglio alle 7-volo Iberia Bologna Madrid-Città del Messico.A Madrid aspetto 4 ore per prendere il volo per Città del Messico , gironzolo per l’aeroporto un po’ stordita , mi ero svegliata presto e prima di ...

  • di Maria Luigia
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: fino a 6
 

Partenza da Bologna il 19 luglio alle 7-volo Iberia Bologna Madrid-Città del Messico.A Madrid aspetto 4 ore per prendere il volo per Città del Messico , gironzolo per l’aeroporto un po’ stordita , mi ero svegliata presto e prima di partire avevo fatto mille cose , in attesa di incontrare i miei amici spagnoli. Finalmente ci incontriamo, ognuno di noi veniva da città diverse. Altri due amici del gruppo ci avrebbero raggiunto a Città del Messico il giorno dopo. Viaggio lungo 11 ore di volo ma arriviamo a Città del Messico in orario. Per fortuna tutte le valigie arrivano con noi. A nostra insaputa ci viene a prendere all’aeroporto la nostra amica messicana Vichi , carichiamo valigie e arriviamo a casa dei nostri amici messicani, mi sento subito a casa.

Arrivati a Città del Messico, la sera andiamo con i nostri amici messicani a mangiare al Salon Corona- Casa Fundada en 1928- , situata al centro Bolivar 24 , ottima birra e specialità tacos. Il giorno dopo iniziamo a girare per la città, abitavamo a 15 minuti dal centro , quindi a piedi raggiungiamo la Piazza della Cattedrale, piazza enorme che comunica il senso dell’immenso, circondata da palazzi storici dove è possibile salire sulle terrazze e mangiare e bere godendosi un panorama fantastico. Poi lo Zocalo e il centro storico, il Palacio National di fronte al quale per settimane si accampano indiani danzanti e inferociti che chiedono che termini la loro miseria. Imperdibili sono: il Museo Nacional de Antropologia, la casa di Frida Kalho, un sito prezioso come dicono i miei amici spagnoli. La casa è piena di quaderni, lettere fitte di appunti sulla sua tormentata relazione con Diego Rivera, foto e schizzi disegnati da lei, donna passionale e curiosa, sempre pronta a rischiare. Poi assolutamente da vedere sono i Murales di Diego Rivera.

E’ una città in ebollizione, il centro di un importante meticciato, il crocevia dell’identità nazionale , un insieme di opposti e di contrasti stridenti, fra miserie e ricchezze.Una sterminata distesa di case e palazzi di ogni forma e dimensione, gli scenari barocchi si alternano alle architetture coloniali e al liberty.Migliaia di automobili, camion e autobus. Sulle pendici delle colline si estendono a vista d’occhio baraccopoli senza servizi, qui la povertà si arrampica sulle colline.Ma la povertà nelle grandi megalopoli si assomiglia in tutte le part del mondo.La sera del giorno dopo andiamo a Piazza Garibaldi a vedere i Mariachi e a mangiare al Salon Tenampa , Piazza Garibaldi n.12. Passeggiando per la città per bere e mangiare qualcosa vi consiglio il Cafè dell’opera, ampio caffè-ristorante che sfoggia con fierezza sul soffitto i fori della pallottola sparata , pare, da Pancho Villa una sera di particolare ebbrezza.Per bere un caffè migliori degli altri, vi consiglio di andare nelle caffetterie EL Jaracho.

Altra idea originale : è possibile fare anche un bagno in vasche termali, individuali o collettive, e fare dei massaggi in un posto vicino all’aeroporto , un sito veramente originale con una cappella di architettura coloniale del secolo XVII (massaggio e bagno termale individuale per soli 250 pesos). Indirizzo: “Aguas Termales Banos Medicinales del Penon “ Calle Boulevard Puerto Aereo esq.Quetzalcoati- Av.Del Penon Frente al Aeroporto a 4 cuadras. Per telefonare conviene acquistare una targhetta , mi sono trovata molto bene con una targhetta che si chiama “Saludo” da 100 pesos. La città si gira facilmente con peseros ,metropolitatana e taxi, quest’ultimi più costosi. Quelli autorizzati hanno la scritta taxi sulla targa e il numero del taxi è scritto al lato dei taxi ed è preceduto dalla lettera A o B, c’è comunque la possibilità di rivolgersi alla centrale di radio taxi per i taxi sicuri

  • 4907 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social