Messico: Yucatan e Quintana

E' domenica 2 Luglio e dal prossimo Week end sono in ferie, sono ancora senza una metà anche perchè partirei da solo ed i supplementi singola sono costosissimi: ecco come nasce questo viaggio. Incontro un amico che, come me, "è ...

  • di Marco_l74
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro

· Il terzo episodio è relativa ad una cosa successa direttamente a noi. Una notte dovevamo partire con la ns. Auto a noleggio alle 02.30 per arrivare a prendere un traghetto che partiva da oltre 300 km di distanza alle 06.00, la vigilanza ci ha fatto un sacco di storie e ci ha trattato (in termini di controllo) come due che volessero scappare senza pagare il conto !!! (E pensare che siamo tutti clienti all inclusive, che quindi hanno pagato in anticipi al Tour Operator !! e che al massimo alla struttura devono pagare qualche extra) ... No comment .. Abbiamo perso 30 minuti e poi quasi perso il traghetto !! Qui hanno toccato veramente il limite della ns. Pazienza quando ci hanno fatto l’ultima contestazione all’uscita del complesso, al ripetersi quindi della scena io sono sceso ho preso lo zainetto e stavo andando a tirare giù dal letto il direttore ... ma per fortuna il personale della reception è arrivato dicendo ok andate anche se non erano molto convinti ma solo intimoriti da quanto ci stavamo arrabbiando !!! (Faccio presente che se prendevi la macchina alle 09 del mattino potevi uscire senza che nessuno ti chiedesse dove andassi chi eri o altro ... fatto più volte personalmente !!! )

VOLO Il volo è lo stesso che presi a Luglio dell'anno scorso per andare in Honduras, un Blu Panorama operato su Boeing 737-300. L'aereo infatti è un vecchio carcassone, nessun problema in termini di servizio e di sicurezza ma, come l'anno scorso, per chi ha i posti dietro alle ali (post-motori), il rumore è molto forte al punto di non riuscire a sentire le cuffie.

Partiamo abbastanza in orario (circa 30 minuti di ritardo che poi recupererà) e quando siamo a 9 ore di volo ... colpo di fortuna ! Il comandante ci avvisa che l'aeroporto di Roatan (quello in Honduras in cui sono sceso l'anno scorso) è chiuso agli aeromobili di grossa "taglia" e pertanto si va direttamente a Cancun ... Niente scalo !! Gioia per 260 persone e delusione per altre 13 ! ;) ... I 13 li porteranno da Cancun con un aereo piccolo ma per noi significa solo 11 ore e non le 13 previste con lo scalo ! A Roatan l'aeroporto è molto piccolo e probabilmente con il caldo gli aerei grossi scavano l'asfalto, ricordo infatti che l'area di manovra a fine pista era in cemento.

Arriviamo a Cancun, l'aeroporto è moderno e ben organizzato, il controllo dei visti credo sia uno dei migliori che abbia mai trovato con molti sportelli (ho notato una marea di telecamere, in pratica è impossibile passare senza esser filmati in volto) e ben informatizzati (fanno persino una scansione ottica del passaporto).

Il ritiro bagagli è nella norma, diciamo una decina di minuti e poi metal detector per uscire con il famoso semaforo ... Consegni la scheda rossa con la tua dichiarazione che non importi armi, soldi, droghe, semi etc ... E premi il pulsantino ... Se viene verde esci .. Se viene rosso ti smontano la valigia “per controlli” ! ;) (Il semaforo viene rosso non di rado, diciamo almeno 1 persona su 10 se non anche meno ... avrei voluto vederli con la mia valigia a risistemare tutto ad incastro per chiuderla !)

STRADE In un oretta arriviamo ad Akumal, la strada da Cancun è tutta abbastanza veloce seppure non delle più sicure. Le strade sono quasi tutte fatte in cemento armato invece che in asfalto (costa meno la manutenzione e durano di più) quindi, soprattutto quando piove, rendono poco sicura la circolazione.

Una cosa curiosa è che lungo la strada si incontrano delle carcasse di auto che sembrano essersi appena ribaltate e sono presenti anche dei manichini che rappresentano "i cadaveri" ... Eh eh .. Il mio amico quando le ha visto per la prima volta dal bus con il buio è saltato per aria gridando "guarda guarda ! ... Un incidence ... C'è il cadavere lì !!!" ... Hi hi Attenzione invece quando si lascia la strada principale perché le strade, talvolta anche in asfalto, presentano spesso grosse buche ma soprattutto, ogni volta che vi avvicinate ad un centro abitato, trovate decine di DOSSI per farvi rallentare. I dossi sono veramente un incubo perchè sono veramente tanti (messi anche a solo 10 metri uno dall’altro), perché sono male o per niente segnalati e perché sono fatti “alla buona”, quindi se li prendete in velocità rischiate di spaccare tutto o farvi male ..

  • 1130 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social