Penisola dello Yucatan e Guatemala in 15 giorni

Penisola dello Yucatan e Guatemala in 15 giorni – in bus e zaino in spalla! Avevamo da tempo il desiderio di visitare il Messico, ma l’aggiunta del Guatemala all’itinerario originario è stata una vera scoperta! Premetto: abbiamo seguito un itinerario ...

  • di denste
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Penisola dello Yucatan e Guatemala in 15 giorni – in bus e zaino in spalla! Avevamo da tempo il desiderio di visitare il Messico, ma l’aggiunta del Guatemala all’itinerario originario è stata una vera scoperta! Premetto: abbiamo seguito un itinerario serrato, senza tempi morti, piuttosto faticoso, ma di grande soddisfazione per chi, come noi, non poteva disporre di molto tempo; questo itinerario è fattibile, nei tempi, da un gruppo di 2 al massimo 4 persone.

Non si può partire senza: lo zaino, possibilmente trolley, da trascinare quando è possibile; Lonely Planet (in italiano ce ne sono due, una per Yucatan e Chiapas e l’altra per Guatemala e Belize, ma ne sta uscendo una unica per tutta la zona); pile, pantaloni lunghi e scarpe chiuse per i percorsi in bus e per la zona degli altipiani (se portate vestiti vecchi potete abbandonarli quando diventano troppo sporchi per usarli o quando la valigia è troppo piena di souvenir!), costume, telo mare e maschera. Importante: oltre alla carta di credito un bel po’ di contante in dollari americani, meglio se di piccolo taglio, la carta non è praticamente mai accettata per gli acquisti e le commissioni sui prelievi sono salate.

Cominciamo: - 4/08 partenza da Venezia per Atlanta dove dobbiamo necessariamente passare una notte di sosta (hotel prenotato via internet tra quelli segnalati nei pressi dell’aeroporto).

- 5/8 arrivo a Cancun, ma troppo tardi per riuscire a visitare Chichen Itza in giornata ed arrivare a Merida, decidiamo di lasciare questo sito per la fine del viaggio, prima di ritornare a Cancun. Arrivati all’aeroporto prendiamo una corriera ADO (mezzo di trasporto affidabilissimo in Messico e per niente costoso, se volete informarvi su tratte e percorrenze il sito lo trovate sulla Lonely alla voce “trasporti”) fino a Cancun centro ed acquistiamo immediatamente un biglietto per Merida, dove arriviamo nel tardo pomeriggio. Prima di andare a cercare un hotel prenotiamo la corriera notturna per Palenque che parte alle 21,00 del giorno dopo. Alloggiamo al bellissimo Hotel Trinidad, sembra di essere dentro al film su Frida Kahlo! - 6/08 Merida è molto graziosa la domenica, quando la gente si riversa nelle strade e nella piazza principale fanno spettacoli folcloristici con danze e musiche maya – molto belli, altrimenti durante la settimana le agenzie offrono escursioni in giornata per Chichen Itza e Uxmal: noi abbiamo bighellonato tutto il giorno, provate assolutamente un sorbetto al mango o al melone nell’antica sorbetteria Colon, in piazza, non ve ne pentirete. Dopo aver cenato prendiamo l’ADO per Palenque: in questi autobus di lusso si dorme benissimo e alle 5,00 del mattino arriviamo un po’ assonnati, ma riposati.

- 7/08 il sito di Palenque è bellissimo, ma il paese è piuttosto squallido. Pertanto acquistiamo subito il biglietto del bus per S. Cristobal de Las Casas. Non provate ad arrivare a Palenque a piedi: secondo la Lonely sono solo 7 km, ma saranno almeno il doppio, alla fine ci siamo arresi e abbiamo fermato un bus collettivo. Alle 15,00 partiamo per S. Cristobal: il viaggio è tutt’altro che riposante, con curve e contro curve non se ne parla di dormire, ma alla fine arriviamo alla meta, e nel frattempo il paesaggio è da mozzare il fiato. Prima di farci portare all’Hotel Casa Margherita (tutti gli hotel sono presi dalla Lonely), compriamo un biglietto per il 9/08 per Ciutad de Cuatemoc, prima tappa per arrivare in Guatemala.

- 8/08 S. Cristobal è a ragione considerata la più bella città del Messico, ci perdiamo nelle stradine, nei mercati (sia quello dell’artigianato che quello municipale sono bellissimi), nel pomeriggio prendiamo un bus collettivo per il villaggetto di San Juan Chamula con la sua chiesa più maya che cristiana, il cimitero, e le sue atmosfere

  • 3970 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social