Mauritius, senza troppo entusiasmo

Siamo rientrati qualche giorno fa da una breve vacanza a Mauritius, sette giorni + 2, scelta anche questa in base a un’ottima offerta last minute Reliance (1.069 euro a testa incluse tasse) e alle insistenze dei nostri amici Giusy e ...

  • di Maria grazia Perazzo
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: fino a 6
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Siamo rientrati qualche giorno fa da una breve vacanza a Mauritius, sette giorni + 2, scelta anche questa in base a un’ottima offerta last minute Reliance (1.069 euro a testa incluse tasse) e alle insistenze dei nostri amici Giusy e Nicolò che ci hanno distolto per una volta dal nostro amato Brasile (il che spiega anche il titolo del testo), comunque almeno una volta vale la pena andarci e poi una vacanza è sempre una vacanza e si deve goderne appieno come abbiamo fatto noi: riempirsi gli occhi di mare, di sole e di natura lussureggiante, possibilmente poter capire come vivono e cosa fanno gli abitanti e se i loro sogni sono come i nostri.

Partenza da MI MXP con scalo a Mombasa per un totale di 13 ore, un po’ troppe per una sola settimana, peggio per chi parte da VRN che fa in più uno scalo a Roma.

Aeromobile Air Italy, personale gentilissimo, trattamento buono, data la fame abbiamo mangiato tutto ma è meglio non fare commenti sul cibo, posizione comodissima in quanto adiacente le uscite di sicurezza, ideale per mariti alti.

Dall’aeroporto il trasferimento all’Hotel Calodyne Sur Mer dura circa 1 ora, è situato a Nord dell’isola, che, secondo il mio modesto parere è anche la parte più bella, perché ricca di insenature e con una splendida vista su Coin de Mire, Ile Plate, Gabriel, Ile Ronde e in questo periodo meno battuta dal vento e senza pioggia, in tutta la settimana ci sono stati, verso sera, due o tre scrosci di 5 minuti; piena estate, caldo umido ma non troppo.

L’Hotel è molto carino, ha un ristorante a buffet sul mare e un bar, una piccola spiaggia dove l’acqua è bassa, ideale per i bambini, un isolotto attrezzato dove si può andare con una barchetta, una bellissima piscina (per bagni serali in quanto l’acqua è calda e l’illuminazione circostante rende tutto molto suggestivo, se poi c’è anche la luna piena...); servizio diving, canoe, asciugamani, pesca d’altura. E’ formato da casette a un piano con quattro appartamentini ciascuna dotati di angolo cottura, soggiorno, 2/3 camere, frigobar, micro-onde, aria condizionata e asciugacapelli; la cassaforte è alla reception; praticamente la “camera doppia” è un appartamento. Animazione non invadente con tre giovani simpatici e carini: Alessio, Ilaria e Domenico. Il personale è molto gentile ma non troppo perspicace e un po’ lento (se finisce qualcosa è meglio chiederlo altrimenti passa mezz’ora prima che portino il piatto da portata pieno e se non volete il ghiaccio nelle bevande diteglielo almeno in due lingue) ma siamo in vacanza ed è meglio scordarsi i nostri ritmi abituali.

Trattamento AI con cibo discreto, pesce fresco sempre uguale, un po’ monotono nella varietà e nei sapori.

Per spostarci, essendo in quattro, (ma anche in due può essere conveniente) abbiamo scelto di organizzarci da soli le nostre escursioni, risparmiando così circa il 50% rispetto ai prezzi praticati dal tour operator. Abbiamo utilizzato il servizio dei taxisti assegnati al nostro hotel, con i quali si può contrattare e pattuire programma e prezzo, parlare un po’ di francese o inglese, si sa, aiuta.

Per essere un po’ sintetica mi limiterò a citare solo i nomi dei luoghi poiché in rete si trovano tutte le informazioni possibili e alla fine si rischia di deludere le aspettative.

Dopo il primo giorno di riposo, la nostra prima escursione aveva come meta il sud: Venerdì: - Sosta in banca per il cambio: 1 euro = 35 rupie. (in hotel 32).

Sosta al cratere del vulcano Trou aux Cerfs, visita ai negozi di Arsenal per un po’ di shopping; visita ad un laboratorio dove producono bellissimi modellini di imbarcazioni; sosta a Grand Bassin, il lago sacro agli Indù e il tempio di Shiva (l'insieme, anche perchè lontano dalla nostra cultura, merita la visita), dove però credo sia meglio recarvisi la domenica per assistere alle offerte di cibo e fiori, alle preghiere e ad eventuali matrimoni; Cascate di Black River Gorges; Terre colorate di Chamarel; spiaggia di Flic en Flac, descritta da alcuni molto bella ma per noi deludente, è lunga e fiancheggiata dai filao, molto frequentata dai locali

  • 1125 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
,
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social