Viaggio di nozze tra Sud Africa, Mauritius e Dubai

Vi racconto il nostro viaggio di nozze attraverso tre differenti culture: quella africana in Sud Africa, quella indiana nell'isola di Mauritius e quella araba della scintillante Dubai

  • di biacinapa
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Oltre 3000 euro
 

Dall'Africa ci siamo portati dietro la meraviglia del safari, del ruggito dei leoni una sera a cena; dalle Mauritius le splendide spiagge di sabbia bianca; e da Dubai gli splendidi grattacieli e il richiamo del deserto.

1.GIORNO: ITALIA - CITTÀ DEL CAPO 18/06/12

Partenza con volo di linea Emirates.

18/06/12 Milano Malpensa – Dubai 15:20 – 23:25 (Boeing 777-300)

19/06/12 Dubai – Cape Town 3:50 – 11:40 (Airbus Industrie A340-300)

Pasti e pernottamento a bordo.

2.GIORNO: CITTÀ DEL CAPO 19/06/2012

Siamo arrivati a metà mattina a Città del Capo, la “città madre”, dove un taxi ci ha prelevato e portato in albergo. L’hotel era il The Westin Cape Town, un bellissimo albergo con la facciata in vetro, situato vicino al Waterfront. Al 19° piano dell'hotel c’è una suggestiva SPA con piscina riscaldata da cui si gode la vista sul porto e sul mare, una vasca idromassaggio, sauna e bagno turco. Nel pomeriggio abbiamo incontrato Gisella la guida parlante Italiano che ci ha condotto in una prima visita panoramica del centro della città detto City Bowl in pullmann: abbiamo visto il castello, il colorato quartiere malese di Bo-Kaap, i Company Gardens, l’House of Parliament. La città è circondata da montagne: Table Mountain, Lion’s Head e Devil’s Peak. Situata all’estremità settentrionale della penisola del capo, è la capitale legislativa del Sudafrica e la terza città più popolosa con circa 3 milioni di abitanti. Successivamente ci siamo recati al Victoria & Albert Waterfront, antica zona portuale completamente ristrutturata e riqualificata, con tantissimi negozi, cinema e ristoranti. Lì abbiamo cambiato i nostri Euro con i Rand Sudafricani: 1€ = 11,82 ZAR (Nota: la Guida ci ha spiegato che è più conveniente cambiare gli Euro piuttosto che i Dollari). Successivamente abbiamo visitato un laboratorio d’intaglio del diamante, con annesso museo e gioielleria. Lì ci siamo lasciati con la guida ed abbiamo cenato in un grazioso locale del centro commerciale. Festeggiavo quel giorno il mio trentesimo compleanno!

3. GIORNO: CITTÀ DEL CAPO 20/06/2012

La mattina dopo siamo partiti con Gisella ed il resto del gruppo per un’escursione nella Penisola del Capo, percorrendo la meravigliosa strada panoramica che si snoda lungo il mare, con scorci meravigliosi. Abbiamo attraversato le cittadine di Camps Bay, Clifton, Llandudno. Arrivati ad Hout Bay abbiamo preso il battello per raggiungere l’Isola delle Foche. Appena fuori dal porticciolo, abbiamo cominciato a “ballare” (saggiamente la nostra guida aveva preferito rimanere sulla terra ferma). L’oceano era agitatissimo e il battello andava su e giù come i nostri stomachi. Sembrava di essere dentro un romanzo di Kipling “Capitani Coraggiosi”. Dopo aver visto l’isola, dove si ammassavano un numero impressionante di graziosissime foche, e tornati sani e salvi al porto, abbiamo ripreso il pullmann e proseguito verso la Riserva Naturale del Capo di Buona Speranza. Dal faro di “Cape Point” abbiamo potuto ammirare il luogo d’incontro dell’oceano Atlantico e di quello Pacifico. C’era un vento pazzesco, dovevo tenermi gli occhiali, altrimenti rischiavo che mi volassero via. Sulla strada abbiamo pranzato a base di pesce e successivamente abbiamo visitato un Ostrich Farm, una fattoria di allevamento di struzzi dove abbiamo effettuato un interessante tour guidato. Nel pomeriggio ci siamo recati alla colonia dei pinguini di Boulder’s Beach. Infine, in serata, abbiamo fatto rientro a Città del Capo

  • 17136 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social