Mauritius,l'isola colorata

Dopo aver valutato se era il caso di effettuare un viaggio in un villaggio tutto incluso, oppure in fai da te in piccole pensioni, abbiamo optato per quest’ultima opzione, e, trovato un volo conveniente con Eurofly, non ci restava altro ...

  • di pelo78
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: 3500
 

Dopo aver valutato se era il caso di effettuare un viaggio in un villaggio tutto incluso, oppure in fai da te in piccole pensioni, abbiamo optato per quest’ultima opzione, e, trovato un volo conveniente con Eurofly, non ci restava altro che valutare attentamente le zone e le strutture da utilizzare come basi alle quali appoggiarsi per la scoperta di questa meravigliosa isola. Con l’aiuto essenziale della Lonely Planet, abbiamo cominciato a studiare già da 3 mesi prima le varie opzioni di alloggio, e le innumerevoli attrattive di Mauritius. Abbiamo così deciso di passare la prima delle 2 settimane a disposizione presso Villa Kissen, a Trou aux Biches, struttura molto carina ed economicamente assai vantaggiosa. La seconda settimana la passeremo da Asso, nella sua Villa in località Belle Mare, quindi una settimana a nord-ovest, e una ed est, scelta rivelatasi “azzeccatissima” per la comodità di visitare tutte le zone costiere e per le gite verso l’interno dell’isola. Partiamo da Milano Malpensa alle 19:15 del 04/10/2008, volo Eurofly puntualissimo sia in partenza che all’arrivo. Siamo primi al chek-in, benissimo, così mi faccio dare due posti al finestrino e magari anche un po’ larghi, vista la mia stazza! Grandi sorrisi da parte della gentilissima addetta, che ci augura buon volo. Saliamo e mi ritrovo in un posto strettissimo, e senza finestrino. Che simpatia, mi faccio subito spostare, spiegando le mie ragioni e mentendo sulla mia finta fobia di dover avere il finestrino per non stare male. Sul pranzo a bordo non mi dilungo, si sa. 2 parole sul famigerato joystick e sugli lcd che a volte vanno e a volte no; stanno provvedendo ad aggiustare il tutto e i comandi li stanno attaccando alla sedie, onde evitare le frequenti rotture. A noi funzionava tutto. Purtroppo non mi andava però giù il sedile, e quindi mi sono fatto tutto il viaggio praticamente sveglio, non potendo nemmeno utilizzare il mio cuscinetto, poiché col mio sedile eretto, e quello abbassato della persona davanti, mi ritrovavo a fissarla negli occhi... Una volta arrivati a destinazione il tempo è magnifico, un gran bel sole ci da il benvenuto. Subito dopo aver varcato l’uscita, l’autista del nostro primo alloggio ci accoglie con un cartello con scritti i nostri nomi. Saliamo sul van, e senza proferire parola arriviamo dopo poco più di un’ora a Villa Kissen, la nostra casa per una settimana. La struttura è molto carina, pulita con cambio asciugamani giornaliero. Firmiamo una carta di informazioni sulle nostre generalità, ci cambiamo e decidiamo subito di prendere conoscenza della zona. Ci accorgiamo ben presto che il posto è indicatissimo per un viaggi come il nostro, con molti ristoranti, fermate del bus e pasticceria nelle vicinanze. Il mare poi, a due passi sulla spiaggia pubblica, è tra i più belli dell’isola. Compriamo una stuoia e 2 asciugamani da spiaggia per 7 euro senza contrattare, siamo stanchi e infatti dopo una lunga passeggiata in spiaggia e il primo pranzo consumato lungo la strada di Mont Choisy, decidiamo che è meglio fare un riposino. 2 ore di sonno e siamo di nuovo in strada, smaniosi di tuffarci anima e corpo in questa nuova avventura. Cena all’Assiette du Nord, ottimo ristorante a 30 metri dall’alloggio. Spesa media calcolata anche nelle successive visite 10-12 euro in 2 persone, con antipasto, secondo piatto e 3-4 birre Phoenix, veramente ottima. E’ domenica e le spiagge sono uno spettacolo di pic-nic variopinti e di bimbi Mauritiani che corrono e giocano nell’acqua. Infatti nei week-end è usanza per loro riversarsi in massa lungo i litorali, ma non ci sono problemi di spazio come si scrive e si dice, anzi, le spiagge sono immense e lunghissime, non si vede né inizio né fine. Il lunedì sveglia di buon’ora, colazione abbondante con 2 ottime brioches a testa, un succo, una bottiglia d’acqua e due cappuccini con spolveratina di cacao al modico costo di 180 rupie, poco più di 4 euro totali e poi via ci facciamo il tour del nord, con visita a Grand Baie, dove acquistiamo il tour delle isole del nord per giovedì e ci dirigiamo sempre in bus pubblico, molto comodo, verso le spiagge di Pereybère e Cap Malheureux, dove si trova la famosa chiesetta dal tetto rosso. Ci siamo fermati quasi tutti il pomeriggio a fare il bagno e a godere della splendida giornata di sole. Verso sera siamo ritornati a Trou aux Biches per ammirare uno degli splendidi tramonti che allieteranno la nostra permanenza li

  • 1148 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social