Dodo, Séga e tanto mare: magica Mauritius

Primo anniversario di matrimonio. Dopo il viaggio di nozze in Australia e a Hong Kong, per festeggiare questa ricorrenza serviva una meta esotica. La scelta è caduta sulle Mauritius. Le Mauritius comprendono Mauritius Island, la piccola isola di Rodrigues e ...

  • di La Redazione
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Primo anniversario di matrimonio.

Dopo il viaggio di nozze in Australia e a Hong Kong, per festeggiare questa ricorrenza serviva una meta esotica.

La scelta è caduta sulle Mauritius. Le Mauritius comprendono Mauritius Island, la piccola isola di Rodrigues e le altre minuscole di Agalega Islands e Saint Brandon. Noi siamo rimasti sull’Ile Maurice.

E’ maggio e la voglia di mare-bagno-spiaggia-caldo si fa sentire.

Partiamo con Air Mauritius da Milano Malpensa in ritardo e arriviamo a destinazione dopo 10 ore di volo... pesantissime! Anche se per i voli transoceanici generalmente si viaggia di notte, io non riesco MAI a dormire, presa come sono dai miei moti d’ansia.

Comunque, tutto bene.

Senonché a destinazione piove a dirotto.

Tristezza.

Abbiamo scelto una vacanza “stanziale”, nel senso che all’albergo abbiamo preferito il villaggio turistico. Così ci viene a prendere Furio che, sul pulmino, ci rasserena: non preoccupatevi, domani ci sarà il sole.

Arriviamo al villaggio. Bellissimo. E ottima, avremmo scoperto poi, la compagnia e la professionalità di Furio ed Elisa. Ma le attività del villaggio, a parte il viaggetto in canoa che si è fatto SuperTechMan sullo specchio di mare che fronteggiava la spiaggia, non erano di grande interesse. Così, come prevedevamo, ci siamo fiondati ad acquistare le escursioni, per andare alla scoperta dell’isola.

La prima cosa che scopriamo è che l’isola non è così esotica come pensavamo. Fatta eccezione per la cosiddetta “Isola dei Cervi” (che noi non abbiamo visitato per mancanza di tempo e perché l’escursione che portava qui si effettuava su “Barca Pirata” con tanto di rhum a partire dalle prime ore del mattino –troppo trash!-). Quest’isola, che si trova di fronte alla costa orientale, ci hanno poi raccontato avesse spiagge di sabbia finissima, bianca e stelle marine che arrivano fino a riva. Il resto del litorale, invece, non è “da fare invidia”. A sud ci sono scogliere a strapiombo su un mare in perenne agitazione, con onde altissime che però non possono essere cavalcate dai surfisti, che altrimenti, a fine corsa, sarebbero sbalzati su spiagge troppo brevi da non lasciar loro quasi via d’uscita. A ovest il mare è calmo, ma niente di speciale. A nord c’è la capitale dell’isola, Port Louis, con il suo porto abitato da un centro commerciale interamente costruito su una piattaforma artificiale galleggiante.

La gente è metà africana e metà indiana. Sono creoli e parlano un sacco di lingue: creolo, indiano, inglese, francese... alcuni anche l’italiano senza difficoltà. Ci sono i ricchi-ricchissimi con ville da urlo e proprietari di interi villaggi turistici, e i poveri-poverissimi, che vivono in capanne di latta lungo le strade ad alta percorrenza o nei pressi del mare.

Abbiamo visto bambini scalzi camminare tra le baracche, mercanti trascinarci alle loro bancarelle offrendoci merce di ogni tipo (tessuti, borse, spezie... tantissime spezie), due tra i francobolli più rari del mondo conservati al Blue Penny Museum di Port Louis, l’unico esemplare di Dodo esistente sulla faccia della terra (lo scheletro rimontato, come si fa con i dinosauri faceva bella mostra di sé al Natural History Museum), splendide case coloniali, le ninfee giganti al Jardin de Pamplemousses di Port Louis e donne portare sacchi enormi sulla testa. Abbiamo conosciuto un calciatore del Lecco (di cui ho dimenticato il nome) con fidanzata, una coppia di Novara (Marco ed Eloisa) e una coppia di Fucecchio (Andrea e Monica) che era in viaggio di nozze

  • 1291 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
, , , ,
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social