Matera... la magica

Fra i Sassi di Matera

  • di battirena
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Fino a 500 euro

I Sassi sono stati abitati dalla notte dei tempi fino agli anni cinquanta-sessanta del XX secolo e dopo anni di abbandono e dopo ristrutturazioni e riconversioni sono tornati a vivere come suggestivo e inimitabile documento storico ambientale fino a diventare patrimonio mondiale dell’umanità. Non per niente qui sono stati girati molti film di successo. Per godere il fascino di questo luogo basta passeggiare senza meta nel dedalo di scale, scalette, scivoli, vicoli, stradine, tra case grotte, casupole, palazzetti un po’ più pretenziosi, camini che spuntano anche dalle pavimentazioni, tetti a botte o a capanna con i muretti laterali e spesso merlati per raccoglier l’acqua piovana… Il colore dominante è quello del tufo chiaro che conferisce a tutto l’insieme un caldo aspetto. Insomma questo è un ambiente magico, e la magia diventa suggestione quando si fa sera e cominciano ad accendersi le luci: spettacolo da non perdere! Nel Sasso Barisano sono da visitare la Chiesa di S. Pietro Barisano, anch’essa ipogea con facciata aggiunta nel XVII secolo e le chiese della Madonna delle Virtù e quella di S. Nicola dei Greci, tutte rupestri. S. Pietro presenta affreschi e un percorso sotterraneo con sepolture dette “a scolare”. Interessante e ben tenuto è anche il centro della città che si sviluppa in alto, sopra i Sassi, lungo l’asse che collega p.zza Pascoli alla grande P.zza V. Veneto. In questa zona ci sono molte chiese “ con le pareti” di varie epoche che meritano una breve visita. Da P.zza S. Francesco si raggiunge facilmente p.za Sedile e il Duomo. Fuori Matera (verso Potenza) merita assolutamente una visita la Cripta del Peccato Originale, anch’essa ipogea e situata ai margini di una gravina, presentata ai visitatori in modo veramente originale e interessante. La visita è obbligatoriamente guidata.

IL VOLO DELL’ANGELO e ALTAMURA

Lunedì mattina (molte chiese sono chiuse) decidiamo di visitare Pietrapertosa un paesino abbarbicato tra le rocce delle Dolomite Lucane in un ambiente verdeggiante dominato dalle guglie di arenaria che assumano forme inconsuete. Si raggiunge percorrendo la Basentana per Potenza con deviazione sulla sinistra. Da Pietrapertosa si effettua il Volo dell’Angelo: imbracato in posizione supina e collegato a un cavo d’acciaio voli sopra la vallata fino al paese di Castelmezzano, situato dall’altra parte del versante con il solo aiuto della forza di gravità. Con il solito sistema puoi ritornare a Pietrapertosa, se ti regge il cuore! Non adatto a tutti! In ogni modo Pietrapertosa è un caratteristico paese dominato dall’alto dal castello mimetizzato tra le rocce. Facciamo anche una breve escursione ad Altamura, per la statale verso Bari. Visitiamo il centro e la Cattedrale e compriamo il famoso pane, che però ci ha un po’ deluso.

Note finali

- Munitevi di buone scarpe e prendetela con calma perché i Sassi sono tutti in salita (e in discesa !)

- C’è la possibilità di effettuare visite guidate (vedi Internet e agenzie in sito). Noi abbiamo preferito “ il fai da te “.

- Sul versante opposto (al di là della gravina) si estende il Parco delle Chiese Rupestri con interessanti itinerari (in parte guidati).

- Non si può rimanere indifferenti alla vista di questo singolare ambiente che offre al visitatore un’esperienza veramente unica. Matera e i suoi Sassi meritano assolutamente un viaggio.

  • 8336 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social