Martinica mon amour

Si parte da Linate lunedì 7 agosto con un volo Easyjet (www.easyjet.com) per Parigi Orly dove il giorno dopo è prevista la transoceanica Parigi Orly – Le Lamentin (Martinica); soggiorniamo per la notte all’ Euro Hotel nei pressi dell’aeroporto (€. ...

  • di MP 61
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: fino a 6
    Spesa: 3500
 

Si parte da Linate lunedì 7 agosto con un volo Easyjet (www.Easyjet.Com) per Parigi Orly dove il giorno dopo è prevista la transoceanica Parigi Orly – Le Lamentin (Martinica); soggiorniamo per la notte all’ Euro Hotel nei pressi dell’aeroporto (€. 60,00 la tripla) e dopo un salto in centro per sentire un po’ di “profumo” parigino nel quartiere di Montmatre, eccoci pronti al terminal del nostro volo nell’area dell’aeroporto riservata ai voli diretti da Parigi ai possedimenti d’oltreoceano; già si respira aria “caraibica”, infatti ben presto ci accorgiamo di essere fra i pochi bianchi contornati da una marea di creoli di ritorno nelle loro terre con appresso ogni sorta di bagagli. Espletate le formalità d’imbarco, con un volo Corsair (prenotato su www.Expedia.It) €. 745,00 a cranio a/r, atterriamo alle tre e mezza del pomeriggio all’aeroporto Le Lamenten a Fort de France capoluogo della Martinica dove ci accoglie il tipico clima estivo dei Caraibi con acquazzone e raffiche di vento e temperatura di 30°. Ad aspettarci il nostro padrone di casa che ci aveva affittato l’alloggio a Diamant nel sud dell’isola (prenotato su www.Homelidays.Com). Raccogliamo i nostri bagagli e ci dirigiamo a ritirare l’auto, una Renault Scenic 7 posti che ci scorazzerà fra le tortuose strade dell’isola (prenotata su www.Jumbocar.Com). La jumbocar è risultata essere la compagnia più economica e tutto sommato risulta affidabile nel suo genere. Ricordatevi che al ritiro dell’auto vi verrà chiesta una cauzione (tramite carta di credito) che verrà poi restituita quando ritornerete l’auto; attenzione a verificare al momento del ritiro gli eventuali danni già presenti sulla carrozzeria in quanto le auto hanno in media uno/due anni e non vengono riparate ogni volta. A proposito andando in giro per l’isola noterete diverse carcasse d’auto abbandonate sui cigli delle strade, evidentemente costa meno lasciarle lì che ripararle. L’alloggio è risultato piacevole, immerso in un complesso residenziale con piscina dove sorgono fabbricati di 4 unità abitative, il luogo risulta molto silenzioso e l’alloggio dotato di aria condizionata. Unico inconveniente è stata la mancanza di energia elettrica al nostro arrivo che si è protratta fino al mattino successivo; questo inconveniente capita alcune volte all’anno al sud dell’isola durante le tempeste tropicali. Nelle guide già presenti in rete sono ampliamente indicati i luoghi più belli da visitare, qui voglio solo dare indicazioni di carattere pratico e descrivere qualche avvenimento del viaggio per far comprendere le bellezze di questo paradiso naturale. La località dove alloggiavamo, Diamant, è famosa per i suoi tramonti da gustare dal molo, il quale come in tutte le località dell’isola si estende dal centro del paese dove peraltro è situata anche la Chiesa parrocchiale. Purtroppo per le correnti marine molto forti presenti a Diamant questa non è la spiaggia ideale per fare bagni. Poco distante da Diamant, da non perdere il piccolo centro di Anse d’Arlet con le case dei pescatori affacciate sulla spiaggia ed un fondo marino ricco di pesci tropicali anche a poche decine di metri dalla spiaggia. Potrete fare il bagno e mangiare direttamente sulla spiaggia. Evitate il sabato e la domenica in quanto sulle spiagge si riversa tutta la popolazione locale. Durante la settimana, apprezzerete la tranquillità di questo posto. A proposito di questa tranquilla località due avvenimenti hanno caratterizzato il nostro soggiorno: un funerale di un giovane dove si è potuto vedere la grande religiosità che accompagna gli abitanti di quest’isola, che non dimentichiamo è una provincia francese a tutti gli effetti; ed una gara di regata con le tipiche barche usate un tempo dotate di 12/15 uomini di equipaggio e vele coloratissime, una vera festa popolare. La spiaggia per antonomasia che vale il viaggio è “Les Salines” qui ti senti davvero immerso in una “cartolina”. Alcune precauzioni: attenzione alle piante cerchiate di rosso che rilasciano una sostanza velenosa e quindi non dovete ripararvi sotto durante gli acquazzoni, il posto migliore per ripararsi è dentro il mare, questi acquazzoni durano 15/20 minuti e poi tutto ritorno come prima sole e caldo, a proposito la temperatura è pressoché costante durante tutto l’anno 25/30 gradi con maggiore umidità in estate ma tutto sommato sopportabile. Da gustare il gelato al cocco fatto in casa, i succhi con tutte le varietà possibili di frutta tropicale ed un aggiunta di ghiaccio, sublimi!

Sempre nella parte sud dell’isola una bella località è Sainte-Anne piccola ma caratteristica per i negozietti di souvenir

  • 954 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social