Long weekend alternativo: Marrakech

Viaggio di coppia per scoprire la cultura araba e perdersi tra le vie della medina

  • di MelissaPii
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Fino a 500 euro
 

Bergamo-Orio al Serio, ore 6:00. Controlli fatti, colazione fatta, ora non resta solo che imbarcarsi sul volo Ryanair: meno di 4 ore ci separano da Marrakech e dall'Africa. Arrivati in aeroporto come prima cosa decidiamo di cambiare i contanti che ci eravamo portarti, per poi dirigerci alla fermata dell'autobus. Preferiamo i mezzi pubblici sia per il costo (circa 3€ andata e ritorno), sia perché siamo stanchi e non abbiamo voglia di contrattare sul prezzo del taxi: i mezzi sono sempre puntuali, puliti e dotati di wifi (indispensabile per i social addicted). In meno di mezz'ora siamo nel cuore della città, a pochi passi dalla piazza Djemaa El Fna, pronti a cercare il nostro Riad nel cuore della medina. Ci accorgiamo subito che google maps non è così affidabile dentro questo labirinto, mancano molte vie sulla cartina e sopratutto mancano i nomi! Per nostra fortuna troviamo un gentilissimo signore di un altro Riad che ci fa da guida, sarebbe stato impossibile trovarlo, nascosto com'è. Moltissimi riad sono indicati da cartelli, ma non il nostro. Il proprietario si rivela una persona gentilissima e ci offre il tradizionale tè di benvenuto alla menta. Posate le valigie e sistemate alcune cose, partiamo subito alla scoperta della città, partendo proprio dalla piazza. Che folla! Turisti, venditori ambulanti, commercianti, animali, c'è davvero di tutto, compreso un localino perfetto per pranzare e gustare finalmente il cous cous. Continuiamo poi diretti verso la moschea Koutoubia e i suoi giardini e proseguiamo il cammino costeggiando le mura della medina, attraversiamo il Bab Agnaou, uno dei tanti portoni, e ci perdiamo (di nuovo). Senza sapere dove fossimo, decidiamo di entrare in quello che a prima vista sembra un giardino, per rivelarsi poi uno dei luoghi più incredibili mai visti: il palazzo Bahia. Coi suoi marmi bianchi quasi ci acceca sotto il sole di Ottobre, ma i suoi giardini sono un'oasi di pace e ti senti distante anni luce dal caos e dalla frenesia della città. Nel tornare al Riad passiamo tra le vie del souq, lasciandoci inondare dai suoi odori e profumi. Capiremo poi che è impossibile camminare per la medina e pretendere di non camminare trovarsici in mezzo.

Il secondo giorno decidiamo di visitare i giardini Majorelle, dedicati al famoso stilista Yves Saint Laurent: una collezione di più di 300 specie di piante, perfettamente posate, in armonia con laghetti e aiuole. Impossibile non notare la famosa villetta blu e gialla, assediata da turisti pronti a scattare la foto perfetta. Scopriamo che il nuovo museo dedicato allo stilista aprirà il 19 Ottobre, mentre noi saremo già tornati a casa: un vero peccato. Dopo pranzo anzichè tornare in taxi preferiamo camminare tra le vie della nuova Marrakech tra vialoni, aree residenziali con le tipiche case rosse e centri commerciali: un' ambientazione distanti anni luce da quella che è la parte storica. Dopo il tramonto e dopo cena andiamo a divertirci in piazza ma... è irriconoscibile! Dove prima c'erano animali, ora ci sono banchetti e ristoranti all'aperto saltati fuori dal nulla, venditori di frutta, succhi, spezie e quant'altro. Uomini che trainano carretti pieni di ciabatte, sandali e borse. Una frenesia di persone, un brusio che sembra quasi una melodia e le luci beh, rendono il tutto un luogo da mille e una notte. Di sera in piazza si accende la magia! E prima di metterci a letto decidiamo di goderci questa meraviglia dal terrazzo del nostro Riad

  • 5807 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social