Marocco: info a caso!

Consigli pratici e pronti all'uso.

  • di preco
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Programma di viaggio: 25-26/7 - visita Fes; 27/7 - trasferimento a Casablanca in treno e visita della moschea Hassan Il, trasferimento in auto con amici a Khourigba; 28/7 - visita a Marrakech in auto; 29/7 - Khourigba; 30/7 - da Khourigba trasferimento in taxi + treno a Rabat; 31/7 - visita Rabat; 01/8 - trasferimento a Meknes in treno e visita di Volubilis e Moulay Idriss; 02/8 - visita di Meknes e trasferimento in treno a Fes per rientrare in Italia.

Premessa: una parte del viaggio, quella dedicata a Khourigba è stata dedicata ad una festa di matrimonio, in realtà la città non ha attrattive.

Passiamo ai consigli pratici

Fes: la Medina è intricatissima, consiglio vivamente di prendere una guida: il proprietario del ns Riad l'ha contattata personalmente, per €25 per due ore abbondanti abbiamo percorso gli stretti vicoli con spiegazione in italiano. La guida era ufficiale, quelle "false" che si propongono, alla vista della polizia fuggono lasciando il turista tutto solo e costretto a rivolgersi a qualcun altro per uscirne, sperando che sia onesto e lo porti dove desidera per la strada più breve. Tutte le guide, anche quelle ufficiali, hanno accordi con vari negozi, perciò durante il Tour vi porteranno in laboratori di pelletteria, tappeti, argento, cosmetici e tessuti che praticano prezzi ben più alti che nel resto della Medina (pur riconoscendo che si tratta di merce migliore) poco trattabili, quindi se non siete intenzionati a fare acquisti preparatevi le scuse più disparate. In ogni caso la Medina di Fes è di gran lunga la più bella fra quelle che abbiamo visitato. Appena fuori la Medina consiglio di visitare il quartiere ebraico, un paio di sinagoghe ed il cimitero. In realtà in questa zona non vivono più ebrei in quanto si sono spostati nella città nuova ma, seppur decadenti, sono riconoscibili le loro abitazioni diverse da quelle degli altri quartieri. Il palazzo Reale non è visitabile all'interno, dovrete accontentarvi di fotografarne il portale.

Casablanca: dopo aver letto le guide turistiche, e dato il poco tempo a disposizione abbiamo deciso di visitare solamente la moschea Hassan II, l'unica aperta ai non musulmani. È bellissima, ne vale la pena, con i 120 dirham del biglietto d’ingresso potrete vederla con l’ausilio di una guida che parla italiano. Orari di visita: 8 - 9 - 10 - 11 - 13 - 14 - 15 – 16, durata 40 minuti circa. La moschea è situata sul mare pertanto è piacevole godere della brezza marina che spira sulla spianata antistante. Casablanca è molto trafficata, se ci andrete in auto fate attenzione, i marocchini alla guida sono un po’ indisciplinati: se, come noi, arrivate in treno e la vostra sosta in città è mordi e fuggi senza pernottamento, appena fuori dalla stazione ferroviaria Casa-Voyageurs, sulla sinistra, c’è un deposito bagagli dove è possibile lasciare le valigie fino alle ore 19.

Marrakech: ci siamo stati la mattinata di venerdì ed era poco animata a causa della preghiera che ha tenuto lontano i marocchini dalla Medina. Considerando le mie aspettative, devo dire che nel complesso la famosa piazza e la Medina mi hanno un po' deluso, ma credo sia dovuto al momento particolare della nostra visita, sicuramente di pomeriggio e di sera la città dà il meglio di sé stessa.

Rabat: la capitale insieme a Casablanca offre un clima eccezionale, il caldo è mitigato dalla vicinanza del mare. È una città moderna con alcuni punti di interesse: la Kasbah des Oudaias, piccolo borgo con case bianche costruito dagli esuli islamici in fuga dalla Spagna. In fondo alla via principale c'è un bastione da cui ammirare l'oceano, la città di Sale' e la spiaggia sottostante

  • 4132 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social