Tour-avventura in Marocco

Più di 3.000 km di cui oltre 250 di piste! Partenza in 4x4 da Fes fino al deserto di Merzouga, dall'Erg Chebbi all'Erg Chegaga, solcando le piste impervie della Parigi-Dakar; attraversando villaggi dimenticati da Dio, esplorando siti rupestri, grotte ...

  • di Mara Agostini
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Più di 3000 km di cui oltre 250 km di piste! Partenza in 4x4 da Fes fino al deserto di Merzouga, dall'Erg Chebbi all'Erg Chegaga, solcando le piste impervie della Parigi/Dakar; attraversando villaggi dimenticati da Dio, esplorando siti rupestri, grotte e sorgenti; giungere poi nell'affascinante costa Atlantica battuta dal vento ed immersa nelle nebbie; proseguendo nella colorata Tafraout con le sue rocce di granito rosa, risalire a 2000mt il Tizi-nTest e poi scendere alla città rossa di Marrakech... le sensazioni provate sono indescrivibili bisogna viverle!

1° giorno (km 210)

Arrivo all’aeroporto di Fes alle 21.00 circa in una ventosa serata di ottobre, Ibrahim di SaharaDreamTours, la nostra guida, è venuto a prenderci e in via del tutto eccezionale partiamo subito alla volta di Midelt, dove passeremo la notte. Lungo la strada a Zaida ci fermiamo affamati in uno dei tanti ristorantini, nonostante l’ora tarda, mezzanotte passata e il vento freddo il proprietario ci ha preparato una squisitissima grigliata. Consiglio ai viaggiatori di fermarsi nei ristorantini lungo la strada, la pulizia non è il massimo ma si mangia veramente bene e con poco! Arriviamo a Midelt alle 03.00 stanchi ma carichi di adrenalina per l’inizio del nostro viaggio.

2° giorno (km 240)

Sveglia nel bellissimo Riad provvisto di piscina e dopo una abbondante colazione si parte in direzione di Merzouga. Arrivati alla catena montuosa del Saghro attraversiamo la Valle dello Ziz, un polmone verde circondato dall’ocra della terra. Altra tappa poco prima di Erfoud a Aïn el Ati per assistere allo spettacolo del geyser freddo. Arriviamo a Rissani, visita all’ancora autentico mercato settimanale, prendiamo una piccola deviazione e ci inoltriamo nel “circuit touristique” un percorso ad anello che attraversa villaggi e kasbah e incontri con la popolazione, visita al mausoleo Moulay Cherif e finalmente si mangia! Una squisita pizza berbera che ancora oggi me la ricordo. Raggiungiamo Merzouga, in tempo per andare al Riad, lasciare i bagagli e prepararsi per attraversare le dune a dorso di dromedario per raggiungere il campo tendato per la notte. Qui le parole sono sprecate bisogna viverli certi momenti, il silenzio… solo il rumore del vento e i passi felpati dei dromedari. Tramonto da togliere il cuore, cena di Tajine accompagnata dai canti berberi, notte trascorsa fuori dalla tenda sotto un manto di stelle…

3° giorno

Partenza dall’accampamento dopo avere visto il sorgere del sole dalle dune dell’Erg Chebbi. Arrivo in albergo colazione “colorata” a bordo piscina poi con il 4x4 andiamo a esplorare i villaggi intorno: il giro delle dune dove ci fermiamo anche a prendere un thè da una famiglia berbera, il lago Jasmina sfortunatamente asciutto, il deserto nero con il villaggio semiabbandonato alla miniera, Il villaggio Kamlia dove assistiamo ad uno spettacolo di musica gnawa. Dopo circa 3 ore rientriamo e il pomeriggio lo dedichiamo ad un meritato relax.

4° giorno (290km - 90 strada asfaltata - 160 pista)

Partenza direzione Zagora. Via Ouzina e Er Ramlia. A Taouz ci fermiamo ad esplorare un sito di invasioni rupestri. Da qui l’avventura comincia a farsi emozionante in quanto le piste sono per la gran parte quelle della famosissima Parigi/Dakar. Piccolo contrattempo fortunatamente risolto: ci siamo insabbiati! Arriviamo a Zagora, quasi al tramonto, una luna gigante fa capolino da una parte e dall’altra la palla infuocata del sole che scende

  • 2083 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social