In Marocco tra le città imperiali

Rabat, Meknes, Fez e Casablanca

  • di Ltaibi
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 4
    Spesa: Fino a 500 euro
 

Un bellissimo regalo quello dei nostri figli per le nostre nozze d'argento. Certo che, ricevuto il dono, io e mio marito fummo un po' scettici, in primo luogo per la nostra età e poi per l'evoluzione della "situazione libica". Nonostante tutto decidemmo lo stesso di partire, rassicurati da una coppia di amici appena tornati da un indimenticabile viaggio in Marocco. E' stato così che siamo riusciti a metterci in contatto con la guida di un tour operator del luogo, con cui i nostri amici si sono trovati benissimo. Terminati i preparativi, tra cui qualche farmaco (come l'imodium!!!), prendiamo il volo da Milano direzione Casablanca. Qui incontriamo la nostra guida Ibrahim (della MoroccoKeyTravel) per portarci in albergo .

I giorno : visita della citta di Casablanca

Dopo esserci rinfrescati un po in albergo Ibrahim ci mostra la città. Casablanca grande capitale economica del marocco, non ci colpisce tanto per il suo patrimonio storico-artistico, ma per il fortissimo contrasto tra palazzi moderni accanto a misere abitazioni diroccate. Dopo un giretto a piedi tra i quartieri più caratteristici e qualche sosta tra le varie bancarelle della medina, si è già fatta ora di pranzo e decidiamo di fermarci in un ristorantino tipico dove servono ottimo taijine. Soddisfatti dell'ottimo pranzo, ci rechiamo alla moschea Hassan II, l'unica del Marocco che è possibile visitare pur non essendo musulmani, e la Place des Nation Unites. Terminata la visita decidiamo di tornare in albergo, esausti e affascinati da questo primo incontro con la civiltà araba.

II giorno: visita della città di Rabat

Sveglia prestissimo e in marcia verso Rabat. Appena arrivati ci sistemiamo subito in albergo e anche stavolta decidiamo di visitare subito la città. Capitale del Marocco, Rabat è il simbolo dell'immortalità del Paese. Abbracciata da chilometri di mura color ambra e ornata da ibiscus, Rabat mescola nella stessa raffinata eleganza il suo cuore storico e la città attuale. Da visitare il palazzo reale, ma soprattutto la casbah degli Oudayas, un quartiere caratterizzato da vie strette e piene di case bianche con le tipiche finestre azzurre. Anche la necropoli di Chellah ex porto romano situato poco fuori Rabat merita attenzione. Infine se siete fortunati (noi purtroppo nn siamo riusciti a vederlo) una volta la settimana si tiene una bellissima asta di tappeti, dove è possibile acquistarne qualcuno di buona fattura a prezzi ottimi.

III giorno: Volubilis e Meknes

Convinti ormai che nulla più ci avrebbe affascinato come fino ad ora, Meknes, invece conquista il nostro cuore, coi suoi bellissimi giardini e sfarzosi palazzi custodi di suggestivi musei al loro interno, con le sue mura perimetrali rimaste incomplete e il Bab Mansour, una delle porte del nord-Africa più belle. Estasiati da questa stupenda cittadina e soddisfatti del cous cous marocchino, Ibrahim ci sorprende ancora facendoci da cicerone a Volubilis una antichissima città romana, ad una trentina di Km da Meknes, il sito archelogico più famoso del Marocco.

IV giorno: Fez

Partenza per Fez, nei nostri ormai ultimi giorni. La città è il centro spirituale e culturale del Marocco; si presenta divisa in una città nuova (el Jedid) ed in una vecchia (el Bali), al cui interno si trova la medina, che con le sue fitte strettoie è la più grande del Marocco ed anche quella in cui è più facile perdersi. Di essa ci ha molto colpito il caos, gli odori fortissimi, ma sopratutto la sensazione che questa medina fosse diversa da tutte quelle che avevamo visitato fino a quel momento: sembrava che lì il tempo si fosse fermato, impreziosita dal lavoro artigianale di giovani ragazzi intenti nel lavorare il legno , sopratutto quello di cedro, diffondendo così nell'aria questi insoliti aromi. Una delle immancabili tappe a Fez sono le concerie, difficili da raggiungere perchè circondate da palazzi diroccati al cui interno si trovano botteghe specializzate nella vendita del cuoio e delle pelli maleodoranti. Infatti nelle concerie, in delle grandi vasche rotonde dei giovani vi si immergono fino quasi al ginocchio, procedendo alla tintura delle pelli grezze. L'odore è insopportabile sopratutto se ci si va nelle ore più calde, poichè i coloranti contengono guano di piccioni per il fissaggio. Stanchi per le lunghe passeggiate, torniamo in albergo dove ci aspetta una succulenta cena. Il giorno dopo contenti di questa magica vacanza e del fatto che, checchè se ne possa dire, la situazione che sta affligendo il mondo arabo non sta coinvolgendo il Marocco, riprendiamo tristemente il volo per Milano.

  • 3417 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
, , , ,
Commenti
  1. mariliza
    , 9/5/2011 16:48
    **********Messaggio della redazione***************
    Per piacere niente inserzioni promozionali nei commenti, grazie
    *********************************************
  2. mariliza
    , 9/5/2011 16:48
    **********Messaggio della redazione***************Per piacere niente inserzioni promozionali nei commenti, grazie
    *********************************************

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social