Attenti all'osso

SABATO Siamo in 4 io (EMILIANO), KATIA, ALESSIO, VALENTNA: la partenza è prevista alle ore 13,00 dall'aereoporto di Verona alle ore 13,00, arrivo al villaggio VALTUR di AGADIR, MAROCCO alle ore15.30 locali (2ore di fuso orario). Ci svegliamo di buon ...

  • di emy-riccione
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: fino a 6
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

SABATO Siamo in 4 io (EMILIANO), KATIA, ALESSIO, VALENTNA: la partenza è prevista alle ore 13,00 dall'aereoporto di Verona alle ore 13,00, arrivo al villaggio VALTUR di AGADIR, MAROCCO alle ore15.30 locali (2ore di fuso orario). Ci svegliamo di buon mattino e dopo 4/5 ore di treno arriviamo a destinazione, ma hai noi il volo ha 2 ore di ritardo, così che arriviamo In Marocco quando è ormai il tramonto.

Facciamo in tempo a visitare il vllaggio (che in un primo momento ci appare, si nuovo ed immerso nel verde, ma un po' freddino) e la spiaggia che si raggiunge tramite un tunnel, non é niente di chè ma d'altronde sapevamo che era l'oceano e non il mar dei caraibi. Insomma non siamo troppo entusiasti della scelta ma come spiegherò nei giorni successivi ci dovremmo ricredere. Ia cena è, come anche la colazione ed il pranzo, a buffet e neanche troppo malvagia, anzi si mangia molto meglio che in altre esperienze. La sera, come le seguenti, vista la poca vita notturna della città la passiamo tra il casinò, affianco al villaggio ed il teatro.

DOMENICA Dopo colazine decidiamo di andare avedere lo sporting club LE PALMAREE, una parte distaccata del comprensorio, raggiungibile in navetta, dove si possono praticare svariati sport: nuoto in una bella piscina,tiro con l'arco, tennis, calcetto, bocce, equitazione e golf ( ci sono due campi da 18 buche). Alle Palmaree è possibile anche pranzare dal lunedì al venerdì. Il pommeriggio prendiamo parte alla nostra prima escursione (visita di Agadir 19 €):visitiamo per prima la CASBAH o per meglio dire le rovine visto che un terremoto negli anni sessanta a letteralmente raso al suolo tutto. Qui ci sono numerosi e insistenti TUAREG pronto a farsi fotografare con i loro cammelli e altri animali, noi rifiutimamo e ci limitiamo al paesaggio ( essendo il sito in alto é bellissimo), quando uno di essi mi mette letteralmente come sciarpa un serpente e si inpossessa di una nostra macchina fotografica e scatta, così che dobbiamo dargli 2 €.

Finita la dissavventura, ritorniamo in bus per poi fermaci, dopo un giro panoramico della città, a visitare una moschea: purtoppo solo da fuori poichè una legge dello stato (solo in Marocco, anche se uno dei paesi islamici più laici e moderati, ed in Arabia Saudita, ci spiega la guida) vieta ai non musulmani di entrare nelle moschee. Altra tappa il Suk dove vediamo e sentiamo i veri colori e sapori del paese che ci ospita.

LUNEDI' Visto la giornata precedente decicidiamo di tornare alle Palmaree, mattina di sole e poi escursione a cavallo: non ero mai stato ma dopo 5 minuti sapevo i comandi minimi e governavo da solo l'animale, peraltro docilissimo. Gli istruttori, molto simpatici e disponibili, specie con le ragazze, ci dicono che i nostri cavalli hanno partecipato nientemeno alle riprese del film IL GLADIATORE. L'ora, hai noi, passa in fretta e ci pentiamo di non avere prenotato per più, unica controindicazione il male all'interno cosce e soprasella ma ne vale veramente la pena.

MARTEDI' decidiamo di dedicare l'itera giornata alla spiaggia, il tempo però ci si mette contro annuvolandosi, così che dopo un veloce bagno nelle freddine acque dell'oceano, dopo pranzo decidiamo di girare a piedi per la città, ci facciamo un bel pezzo di lungomare, poi visitiamo un piccolo zoo, una passeggiata sulla spiaggia (la sabbia è marrone, ma finissima) poi toniamo al villaggio con il trenino.

MERCOLEDI' sveglia alle 5,00 per l'escursione a Marrachesh, 80€. Potevamo spendere molto meno andando con una agenzia privata ma fidandoci poco preferiamo andare con gli accompagnatori ufficiali del villaggio, anche loro molto disponibili alle nostre numerose domande. Dopo quattro ore di viaggio (per fortuna è RAMADAN ed il traffico è poco) arriviamo a destinazione, visitiamo il palazzo del gran visir, il quartiere ebraico, quello musulmano ed un fabbrica di tappeti, poi preanzo in un lussuoso albergo; riprendiamo con la visita della antica scuola Coranica (una vera e propria università dei tempi), una farmacia berbera poi ci tuffiamo nel SUK

  • 844 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social