Un luogo in cui non ci sono gli orologi

Insha’Allah….”se dio vuole”…e probabilmente dio ha voluto che io andassi in Marocco. In realtà la mia amica Noemi ed io volevamo andare in Alaska, ma poi complice un’esitazione nella prenotazione del volo e conseguente notevole incremento, difficilmente comprensibile, nel breve ...

  • di catiasan
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Insha’Allah...”se dio vuole”...E probabilmente dio ha voluto che io andassi in Marocco. In realtà la mia amica Noemi ed io volevamo andare in Alaska, ma poi complice un’esitazione nella prenotazione del volo e conseguente notevole incremento, difficilmente comprensibile, nel breve lasso di tempo di due giorni, del costo del biglietto, abbiamo dovuto cambiare meta. A questo punto entra in gioco la nostra comune amica Silvia che abita a Siviglia con il suo meraviglioso marito Quico e che ci propone di incontrarci in Marocco. Detto fatto: noi si prenota il viaggio da Roma a Casablanca ed il ritorno da Siviglia e si cominciano a studiare le guide del Marocco. Poi all’inizio di luglio la Silvia si accorge che il suo passaporto deve essere rinnovato, ma non ha tenuto conto del suo stato di cittadina italiana residente all’estero che complica un po’ il processo del rinnovo e quindi nonostante i nostri tentativi di smuovere cielo e terra per accelerare la questione, Silvia e Quico non saranno con noi in questo viaggio. La partenza è prevista per il 5 agosto ore 20.35 con i potenti mezzi della Royal Air Morocco. La mattina mi sveglio con un vago mal di testa e notevole nausea, derivati dal banchetto per le nozze di mio cugino a cui ho partecipato la sera prima, ma, donna tosta, penso che passerà e parto da Ancona per Roma. Viaggio da contorsionista, in uno scompartimento con famiglia dotata di cane e arrivo a Termini. Leonardo Express e vado direttamente in aeroporto dove aspetto la mia amica Noemi. Il mal di testa aumenta dopo che il suo arrivo mi arreca anche la notizia di un ritardo nella partenza dell’aereo, ma vogliamo perdere il buon umore per due ore di ritardo?!

Tralascio la coda kilometrica al check in, al controllo passaporti e il vagare errabondo nella zona dei gates...Si sale a bordo. Non l’avessi mai fatto: un misto di odori umani, quello che con felice locuzione dialettale si chiama “cristianì”, unito al tipico odore delle cene pre-cotte che vi servono in aereo, potenziato dall’apporto di spezie, dà il colpo di grazia alla mia nausea. O il colpo di grazia glielo dà la notizia che dovremo aspettare ancora prima di partire? Non so, perché a questo punto decido di cadere in catalessi e quindi mi appisolo. Arriviamo all’aeroporto di Casablanca con due ore e mezzo di ritardo e fila per il controllo passaporti. Per fortuna una magnifica parete con acqua che scorre ed una tipica fontana araba ci ristora e ci consola e cominciamo a guardarci attorno e a pensare ad avvisare l’hotel che avevamo prenotato. Chiamiamo con il cellulare di Noemi e assicuriamo il portiere di notte, che stava dormendo visto che oramai era passata l’una e mezza di notte, che stiamo arrivando. OK: Taxi, ma non abbiamo dirham. Chiediamo al taxista, probabilmente abusivo, di portarci all’hotel Maamounia dietro pagamento in €. Disfatte dal viaggio tralasciamo la fase di contrattazione...Ci va bene qualsiasi prezzo, ma direi che 25 € sono comunque un costo sopportabile. Sonno ristoratore, prima colazione marocchina cucinata con l’olio d’argan, paracetemolo, e pronte per esplorare in poche ore Casablanca. Il nostro programma prevede il trasferimento in treno a Marrakech. Ci infiliamo quindi in una agenzia di viaggi e ci prenotiamo il viaggio: 14.50 partenza da Casa Voyagers. Il riad l’avevamo già prenotato dall’Italia: era indicato nella Lonely e avevamo cercato informazioni anche attraverso internet e ci era piaciuto, il Jnane Mogador ( 38 € la doppia). Un’osservazione sulla Lonely: questa volta non si è rivelata così affidabile ed anche un paio di ragazzi che abbiamo incontrato ci hanno confermato questa cosa, anzi a loro erano capitate anche delle cartine sbagliate.

Casablanca: cemento e souq. E’ una città che vive tra questi due estremi: ci sono moltissimi cantieri edilizi, una bellissima aria che arriva dal mare e poi la medina ed i souq che a me hanno ricordato Palermo e la Vucciria, bancarelle al sole e odore di decomposizione. A Palermo, però, non ci sono i vecchietti che vendono fasci e fasci di menta. Intendiamoci: a me piace questa atmosfera, avevo anche superato l’hang-over da cena nuziale, ma ho visto ed odorato pesce che sta sotto il sole delle 13 su un letto di ghiaccio ormai acquoso, e mi sembra giusto informarvi che nei souq di Casablanca e di altre città marocchine troverete anche questo. Un kebab, molto buono, al volo e via verso la stazione. Il treno per Marrakech arriva ed è una bella sorpresa: lunghissimo, bello pulito con scompartimenti che ti permettono di allungare le gambe senza prendere a calci il tuo dirimpettaio

  • 711 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social