Marrakech in famiglia

Marrakech evoca in molti il fascino della città mitica, un po’ come Samarcanda o Katmandu. Così quando siamo partiti con la bambina, con un volo low cost ed una prenotazione in un riad nel souk, fatta tramite internet, abbiamo visto ...

  • di sabrasta
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: fino a 6
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Marrakech evoca in molti il fascino della città mitica, un po’ come Samarcanda o Katmandu. Così quando siamo partiti con la bambina, con un volo low cost ed una prenotazione in un riad nel souk, fatta tramite internet, abbiamo visto molti amici e parenti guardarci con la faccia perplessa. Invece abbiamo trovato una metropoli che conserva il proprio fascino pur mettendo a disposizione tutte le comodità ed i servizi di una città ricca ed in piena fase di rinnovamento. La cosa che più ci ha colpito è l’enorme quantità di energia che riesce a metter in movimento, dal primo richiamo del muezzin, all’alba, sino a notte fonda, una massa di uomini, donne bambini, muli, cavalli, è in continuo movimento. Si finisce col rimanerne coinvolti e vagare senza meta dentro la medina, e nel souk in particolare, fermandosi a parlare con gli immancabili venditori, imbonitori, accompagnatori, senza per altro che nessuno ti infastidisca; è una esperienza inattesa e estremamente coinvolgente. A questa umanità ricca e chiassosa fanno contrappunto la quiete ed il fascino dei riad, dei caffe, dei palazzi signorili sparsi nella medina, in cui si riscopre una dimensione intima, si assaporano i colori del tramonto e le splendide vedute delle montagne dell’Atlante coperte di neve. Da Marrakech ci si sposta facilmente per Essaurira, per la valle dell’Ourika, per le montagne dell’Altante. Avendo poco tempo a disposizione abbiamo rinunciato ad Ourzazate, che richiede invece almeno due giorni. Marrakech ti lascia la voglia di tornare, anche solo per un fine settimana o per un the alla menta.

Noi abbiamo volato con atlas-blue, la prenotazione del riad l’abbiamo fatta tramite il sito www.Terremaroc.Com, invece per i pasti e le escursioni abbiamo preferito organizzarci sul posto, risparmiando molto e senza nessun tipo di problema. Un consiglio: evitate i ristoranti più turistici, come l’Argana, si mangia male, si spende molto ed i camerieri sono le uniche persone indisponenti che ho trovato a Marrakech. Sinceramente eviterei anche i club alle palmeraie, che, per l'impatto ambientale che stanno avendo sull'acqua stanno paradossalmente facenso seccare uno dei palmenti più importanti e noti del Magreb

  • 1189 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social