2300 km di colori, gente e polvere

Prima di tutto alcune info tecniche. Ho prenotato volo e macchina dall’italia approfittando di una promozione del cts ( 9 posti disponibili!!!) Eravamo in 2: volo + macchina per 9 gg 750 euro (a coppia) + 250 a testa per ...

  • di angio
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Prima di tutto alcune info tecniche.

Ho prenotato volo e macchina dall’italia approfittando di una promozione del cts ( 9 posti disponibili!!!) Eravamo in 2: volo + macchina per 9 gg 750 euro (a coppia) + 250 a testa per mangiare,dormire e acquisti vari.

Il tragitto segue + o – quello proposto dai tour.

Casablanca-Fes-Merzouga-Ourazazate-Marrakesh-Essaouira-Casablanca Il Marocco è un paese davvero tranquillo , basta sapersi adattare alla mentalità araba.

Arriviamo a Casablanca e sotto un sole cocente prendiamo l’autostrada fino a Fes.

La città appare meravigliosamente caotica come tutte le città arabe.

Quando si arriva a Fes il colore che predomina è il bianco; la medina, annunciata da bellissime porte, è fatta da 350 vicoli spesso larghi meno di 2 metri in cui passano persone, carri trainati dagli asini , moto , e turisti spaesati.

Noi abbiamo conosciuto Omar una guida non ufficiale ( per sap. Di + leggete la lonely!) che in 2 ore ci ha fatto vedere il meglio di Fes compreso le tintorie al tramonto.

Passare dall’ambiente asettico dell’aeroporto all’autostrada deserta per poi finire nel bolgia di Fes è stato il modo migliore di affrontare il 1° giorno di vacanza.

Suoni, odori e il contatto fisico con le persone danno a questo paese, come del resto nella maggior parte dei paesi arabi, un valore aggiunto alla visita.

Troviamo una sistemazione molto spartana per la notte... Si parte alla volta di Merzouga.

L’attraversamento dei monti dell’atlante offre panorami mozzafiato.

Per ore si viaggia in mezzo al nulla , nel silenzio, senza incontrare altre auto. Solo il saluto dei bambini berberi che pascolano le greggi lungo i pendii ancora verdi dei monti interrompe questo nulla. In cielo stormi di decine di cicogne appaiono e poi spariscono.

Sosta per vedere le bertucce; consiglio il punto prima di Azrou perché quello successivo è tappa dei pullman turistici... A Rissani si ha la sensazione dell’ingresso nel deserto, il panorama diventa infatti arido e pietroso; la temperatura raggiunge i 45 gradi all’ombra alle 17.30... Dopo incontri e situazioni divertenti, irreali e assurde come capitano solo nei viaggi fai da te arriviamo sulla strade che conduce alla famose dune.

Purtroppo il cielo diventa grigio ( presagio di tempesta di sabbia...?) e il solo del sahara sembra quello della pianura padana a novembre quando c’è la nebbia. Abbandoniamo la strada principale all’altezza del cartello del hotel (che avevamo scelto) che punta la sua freccia verso un altro nulla. La pista come la chiamano i locali è una sterrata di sassi e sabbia; percorribile senza troppi problemi.

Il problema nostro, invece, è che stava per scatenarsi una tempesta di sabbia, il sole stava calando e la ns macchina altro non era che una vecchi fiat Uno! Nel nulla incontriamo un’altra macchina di turisti con guida locale a bordo, non basta... Ci insabbiamo entrambi. La sabbia si scatena, non si riescono a tenere gli occhi aperti, ci diamo un gran da fare per dissabiare le macchine ma dopo pochi metri siamo da capo.

Dal nulla sbucano 2 tuareg che senza aprire bocca si mettono ad aiutarci. Dopo circa mezzora di delirio e col buio incombente riusciamo a raggiungere l’hotel.

Il vento si placa e sorge una luna piena fantastica che rende il deserto un paesaggio lunare. Noi e gli altri 2 incontrati nella tempesta ( e che volano subito a letto) siamo gli unici ospiti; io e Elisa mangiamo a lume di candela a ridosso delle dune. Cibo ottimo.

A nanna sul tetto dell’hotel (che, va dett,o è un curioso incrocio fra una kasba e un fortino della legione straniera fatto di fango e paglia essiccati ) Il giorno dopo alba mozzafiato (poteva essere altrimenti?) e poi dopo un’ottima colazione (degna della cena) via verso Ourzazate

  • 660 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social