Quattro giorni nelle marche, Ancona, Pesaro, Urbino, Gradara passando da San Marino

Viaggio tra colline mare e cultura

  • di Enrico 9
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Fino a 500 euro
 

Quest'estate abbiamo deciso di vedere quacosa dell’Italia, noi che viaggiamo tanto all’estero, quindi dopo aver visto un po’ di Liguria 2 settimane fa (Genova,, Portofino e Cinque terre), partiamo per vedere qualcosa delle Marche: Ancona, Sirolo (Conero), Pesaro ed il suo mare, Urbino e Gradara. Dopo aver fatto una sosta di un paio d’ore a San Marino che già conosciamo, alle 12 siamo ad Ancona, hotel Milano (non consigliato), e dopo riposino, andiamo in piazza Roma dove saliamo sul piccolo bus n° 11 che in un quarto d’ora ci porta al Duomo di San Ciriaco, costruzione medioevale in stile romanico Il duomo non è molto distante da piazza Cavour e dal centro, ma la strada è tutta in salita. E’ una visita obbligata, anche perché da lassù si gode di un bel panorama sulla città e sul porto. Discendiamo a piedi passando da piazza Santa Maria e piazza del Plebiscito (o del Papa), piazzetta carina con ristoranti e la chiesa di San Domenico. Proseguiamo e vediamo l’arco di Traiano e la mole Vanvitelliana, nel porto, su isola artificiale a forma pentagonale. Poi andiamo in corso Garibaldi, la principale strada di Ancona, pedonale e ben strutturata, con tanti ristoranti e bar: i prezzi sono buoni, soprattutto se paragonati alla Liguria. Presso corso Garibaldi una famosa piazzetta con le “13 cannelle” ,13 bocche d’acqua di origine greca.

La mattina seguente ci avviamo verso il parco del Conero, strada panoramica, ed in 20 minuti siamo a Sirolo, grazioso paese in collina. Si può parcheggiare in centro e scendere con bus alle spiagge, oppure tentare di trovare posto in un parcheggio più a valle, quindi scendere a piedi. Noi rimaniamo 3 ore in una spiaggetta chiamata “Urbani”, dove vi è una scenografica caverna. L’acqua è calda, la vista sul conero, non sabbia ma piccola ghiaia. Ripartiamo per Pesaro, hotel Clipper, sul mare. Andiamo subito a fare un bagno. La spiaggia è piccola e la gente stipata come sardine, non un metro libero. Tornati in hotel, usciamo per la visita alla città, percorrendo il bel lungomare dove vediamo la “Grande sfera” di Arnaldo Pomodoro, poi la Rocca, invasa dai gazebo per la festa dell’Unità, poi piazza del Popolo con bella fontana al centro, che non sarebbe male, ma in questo periodo è deturpata dai palchi per la festa nazionale di un partito politico: quasi impossibile scattare foto. Vediamo il palazzo ducale, e percorrendo un tratto di via Rossini giungiamo appunto alla casa natale del compositore ed alla cattedrale, che non ci lascia una grande impressione. Su consiglio mangiamo una pizza al ristorante “C’era una volta”, tovaglia di carta, 22 euro, peccato per quei 4 euro di coperto (?).

La mattina seguente in mezz’ora siamo ad Urbino, bella cittadina rinascimentale. Parcheggiamo a 2 passi dal centro in piazza Mercatale (euro 1,20 all’ora), non usiamo l’ascensore (50 cent.) per salire al centro città, ma lo facciamo a piedi (200 metri). Subito notiamo che mentre a Pesaro è tutto uno sfrecciare di biciclette, anche nel corso principale con rischio d’investimento, qui a Urbino, poichè tutte le strade sono in salita e discesa, di biciclette nemmeno l’ombra. La città si visita in un paio d’ore, musei esclusi. Dalla piazza centrale prendendo a sinistra si arriva alla statua di Raffaello passando per la sua casa natia, quindi alla fortezza, vuota internamente, ma si vedono i tetti della città. Poco prima della piazza con la statua dedicata al pittore, un bar ci invoglia ad un bel gelato al prezzo di 1 euro. Se dalla piazza centrale si và a destra, si arriva al duomo dedicato a Santa Maria Assunta, ricostruito dopo il terremoto del 1789, ad alcuni vicoli caratteristici ed alla chiesa di Sant’Agostino. Dalla piazza, girando dietro al palazzo centrale, dopo 300 metri vi troverete al bellissimo palazzo ducale, che dicono essere uno dei più interessanti esempi architettonici del Rinascimento, ed è sede della galleria nazionale delle Marche. Davvero di grande impatto

  • 22713 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Giada Marino
    , 29/11/2012 17:32
    Io ho in programma di trascorre il ponte dell'8-9-10 dicembre a Pesaro perchè ho letto questo articolo http://www.turismopesaro.com/eventi-a-pesaro-candele-a-candelara/ su un mercatino di candele piuttosto rinomato. Per caso qualcuno lo conosce o ci è già stato?? Ne vale la pena?? Grazie!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social