Un nuovo viaggio in Asia, attraversando Singapore, Indonesia e Malesia

Un viaggio affascinante dove culture, popoli e religioni diverse si incontrano

  • di Evenly
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Devo decidere dove trascorrere le settimane di ferie stabilite a giugno – luglio. Devo ammettere che a seguito del viaggio in Giappone e dopo aver letto i libri di Tiziano Terzani che mi affascinano completamente e che raccontano le storie dell’Asia, non posso scegliere una meta diversa: si va in Asia; ma in due settimane dove posso andare? Questa volta non sono sola ma porto con me il fidanzato che è abituato alla vacanza comoda, quella con il trolley e il letto cambiato tutti i giorni, con i Mcdonalds e negozi Apple ad ogni angolo. Vado un po’ per esclusione e decido per queste due mete: Indonesia e Malesia facendo però tappa obbligata a Singapore. Non facciamo una vera e propria scelta perché alla fine includiamo entrambi i paesi nel nostro itinerario: Singapore, Bali (Indonesia), Malacca e Kuala Lumpur (Malesia). Sono sincera.. la cosa più sensata sarebbe stata quella di visitare un paese o l’altro ma per disguidi vari è andata così. Non chiedetemi altro per favore.

Prenotiamo con qualche mese di anticipo il volo Emirates che arriverà a Singapore il 29 Giugno e ripartirà da Kuala Lumpur l’11 luglio (circa €550 a testa a/r). Non abbiamo bisogno di alcun visto, se come al solito, non rimaniamo nel paese per più di 90 giorni: siamo perciò liberi di circolare tra questi tre curiosi paesi. Decidiamo di non cambiare i soldi anche perché dovremmo metterci in tasca tre diverse monete: il dollaro di Singapore, la rupia indonesiana e il ringgit malesiano. Il fuso orario con Singapore è di 7 ore e il clima.. beh, Singapore non conosce stagioni essendo praticamente all’equatore, ha una sola costante tutto l’anno: l’umidità. L’Indonesia in questo periodo dell’anno è perfetta, mentre la Malesia è a rischio monsoni ed è quindi più consigliato recarsi sulla costa che si affaccia sul mar cinese.

Per quanto riguarda assicurazione e vaccinazioni varie, decidiamo di acquistare una polizza con coverwise e non sottoporci ad alcun tipo di vaccinazione: non andiamo nella foresta pluviale. A parte Bali, staremo solamente in centri cittadini medio-grandi. L’unica cosa che decidiamo di fare è una cura di fermenti lattici da una settimana prima della partenza.

Dopo gli USA, l’Australia, il Giappone, è la prima volta che visito paesi non occidentali (a parte Singapore). Malesia e Indonesia sono paesi piuttosto poveri, che stanno subendo ora una lenta trasformazione e modernizzazione. Da un punto di vista religioso ed etnico incontriamo una varietà incredibile: Singapore così come la Malesia sono paesi estremamente multiculturali, dove convivono etnie (cinesi, malesi, indiani ed europei giunti durante il periodo coloniale) e religioni diverse (buddisti, induisti, musulmani, cattolici); la loro convivenza non è sempre stata semplice. Bali invece è di fede induista anche se l’Indonesia tutta è di religione musulmana.

Nonostante questo non fosse l’itinerario da me inizialmente pensato, devo ammettere che il vedere e mettere a confronto questi paesi, con le loro culture e religioni, è stato estremamente costruttivo e arricchente da un punto di vista culturale e ora vi racconterò perché.

1st stop: Singapore

Arriviamo a Singapore che sono le 8.30 di mattina circa. Il Changi airport di questa città-stato è immenso ed è anche uno dei più efficienti al mondo e all’inizio ci sentiamo un po’ spaesati. Chiediamo informazioni su come arrivare nella zona dove abbiamo prenotato l’albergo... ci consigliano di prendere il taxi ma noi vorremmo prendere la metropolitana che sicuramente costa un po’ meno

  • 42232 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. iceman-1987
    , 13/8/2016 17:49
    ciao ho letto con interesse il tuo viaggio.
    mi piacerebbe fare un viaggio simile volevo chiederti un paio di cose:

    ma secondo te due settimane facendo solo singapore e kuala lumpur è troppo? in questo caso mi potresti consigliare una terza tappa intermedia?

    grazie

    Federico

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social