Malesia total fai da te (o quasi)

Un viaggio tra la Malesia peninsulare e il Borneo, in giro per giungle selvagge e isole paradisiache

  • di benny1979
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Sarà perché lo ritengo la quintessenza dell'esotismo e della spiritualità, sarà per i prezzi relativamente abbordabili, sarà perché il livello di sicurezza è ottimo quasi ovunque, sarà anche per i racconti di Terzani, ma su di me l'estremo oriente ha sempre suscitato un fascino particolare. Dopo aver visitato in passato Thailandia e Cina, per quest'anno ho scelto la Malesia.

Prenotiamo il volo, come al solito, con alcuni mesi di anticipo e, con grande piacere, scopriamo che la compagnia aerea Turkish Airlines, che leggo sia in costante espansione, ha un volo Torino – Kuala Lumpur con scalo ad Istanbul, il che ci consente di risparmiare parecchio tra autostrade, benzina, parcheggio ed evitare cosi l' aeroporto di Malpensa.

Districandomi fra guide cartacee, blog e siti internet vari, decido quindi di suddividere la vacanza in tre grandi tappe:

  • Kuala Lumpur e dintorni per i primi 3 giorni
  • il Borneo (Sabah in particolare) per l' intera settimana successiva
  • le isole Perhentian per gli ultimi 4 giorni

Cerco pertanto i relativi voli interni (ne aggiungeremo poi altri in loco e, in tutto, saranno ben 10 le tratte aeree che affronteremo durante il viaggio!) e opto per la compagnia low cost locale AirAsia, che si rivelerà ottima (bagagli da stiva da pagarsi a parte e check-in da farsi via web on con le apposite macchinette che ci sono nei principali aeroporti).

Partiamo pertanto la mattina del 13 agosto e giungiamo ad Istanbul nel primo pomeriggio: lo scalo sarà piuttosto lungo, ben 9 ore, per cui ne approfittiamo per una breve toccata e fuga in città. Il centro è facilmente raggiungibile dall'aeroporto Atataurk tramite la linea della Metro. Avevo già avuto modo di visitare la metropoli Turca, che peraltro adoro, alcuni anni prima, ma non mi faccio scappare l'occasione di una breve sosta a Sultanahmet fra la Moschea Blu e Agya Sophia.

Ripartiamo in tarda serata, il pomeriggio successivo raggiungiamo finalmente il futuristico Kuala Lumpur International Airrport (KLIA). Dopo aver ritirato i bagagli acquistiamo il biglietto del KLIA Express, il treno che dall'aeroporto consente di raggiungere la KL Sentral e da qui, con un breve tragitto in taxi, giungiamo al Radius International Hotel, dove pernotteremo per 3 notti. Situato a Changkat Bukit Bintang, in pieno centro, la zona della nightlife cittadina e a pochi passi dalle principali attrattive della città, ha un ottimo rapporto qualità/prezzo circa 20 euro a testa per notte), con una discreta piscina e stanze pulite, personale accogliente. A pochissimi metri vi è Jalan Alor, la via del cibo più famosa della città che, al tramonto, pullula di bancarelle e piccoli ristorantini caratteristici e molto economici. E' qui che ceniamo, prima di una birra veloce in uno dei numerosi pub di Bukit Bintang. Apro brevemente una parentesi per ricordare che la Malesia è un paese prevalentemente musulmano, per cui gli alcolici (che comunque si trovano abbastanza facilmente un pò ovunque) sono soggetti ad una forte tassazione e i prezzi tendono ad aumentare, anche di due o tre volte, di sera dopo il cosiddetto "happy hour", sino a raggiungere e, a volte superare, quelli occidentali; in pratica vi costeranno di più un paio di pinte dopo cena della cena stessa in un piccolo ristorantino!

Dedichiamo l'intera giornata successiva alla visita vera e propria della città. Il primo impatto con la capitale malese è sicuramente positivo e, al tempo stesso, un pò spiazzante: con poco più di un milione e mezzo di abitanti, se paragonata ad altre megalopoli asiatiche (Pechino, Bangkok) la città ha forse meno siti di interesse, ma appare decisamente meno caotica, più vivibile e pulita. Decisamente multietnica, sono numerosissime le comunità straniere in città, soprattutto cinesi, indiane, thai, ma molti sono anche gli occidentali che qui lavorano

  • 70066 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. fiore456
    , 19/10/2014 12:28
    ho apprezzato molto il vostro viaggio, anche perchè la Malesia è uno dei luoghi che vorremmo visitare. siamo innamorati del sud est asiatico e abbiamo già visitato Sri Lanka, Thailandia, Birmania, Cambogia e Vietnam. il prossimo febbraio faremo il Laos. ci riame la Malesia e po l'Indonesia, anche se mi sembra un po' più pericolosa per via dei fondamentalisti islamici. in Cina sono stati mio figlio e la sua compagna e ce ne hanno parlato molto bene. evviva Terzani e il sud est asiatico!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social