Selamat datang ke Malaysia

Tour della Malesia pensilure e soggiorno relax a Pulau Redang

  • di Ama
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 2000 a 3000 euro
 

Preparazione viaggio

Come al solito ho visionato il sito http://touroperator.qviaggi.it alla destinazione Malaysia e con mia piena soddisfazione ho “estratto” il tour operator Gorgonia Viaggi ed in particolare la signora Monica che mi ha aiutato. Organizzazione perfetta

Diario di viaggio

02.08.2014

Milano Malpensa ore 23.00 volo della Qatar Airlines, scalo a Doha e dopo quasi 15 ore di volo (al freddo e meno male che ci avevano fornito di calze e coperta) arriviamo a Kuala Lumpur (aeroporto si trova a Sepang, vicino alla pista di F1) in perfetto orario. Questa volta ) nessuna suoneria telefonica, ormai tutti hanno lo smartphone e naturalmente la prima cosa da fare è accenderlo (chissà perché abbiamo questa mania di accendere il cellulare ancora prima di scendere dall’aereo). Ho notato un altro spiacevole segno di maleducazione: buttare i rifiuti in terra di proposito: in aereo ci avevano fornito di coperta (sigillata), di un astuccio con tappi, calze, mascherina e spazzolino (sigillato) e delle cuffie per ascoltare i programmi a disposizione (sigillate). Beh tutti i sacchetti di plastica e la carta erano “spalmati” sul pavimento e quando abbiamo lasciato l’aereo gli assistenti di volo ci hanno pure “ringraziato” per il porcile creato!

Ci avviamo verso l’uscita e prima particolarità: il nostro volo prosegue per Puket e quindi prima di lasciarci “sbarcare” ci dobbiamo identificare con relativa spunta sulla lista passeggeri. Seguiamo il cartello Baggage claim e ………….camminiamo parecchio fra negozi, persone, banchi, fino a raggiungere una specie di piccolo metro (KLIA Express) che ci porta fino alla hall degli arrivi e al nastro bagagli che per fortuna ha “sputato” anche i nostri. All’uscita troviamo il nostro autista che ci accompagna al Prince Hotel & Residence http://www.princehotelkl.com/ dove ci viene assegnata una stupenda camera superior. Doccia e nanna.

04.08.2014

Kuala Lumpur è stata fondata nel 1857 alla confluenza dei fiumi Gombak e Kelang, e in lingua malese il nome significa "confluenza fangosa" ed `la capitale della Federazione della Malesia.

Mattinata a disposizione, usciti dall’albergo ci dirigiamo verso destra e di fronte a noi si “erge” un enorme centro commerciale il Pavillon con otto piani al suo attivo: incredibile. Per il momento lo evitiamo e proseguiamo la nostra passeggiata fino ad arrivare ad una passerella sopraelevata che oltre a proteggere i pedoni dal traffico li conduce in diverse direzioni. La nostra scelta, fatta a caso, ci porta davanti al Congress Center e al parco vicino che ci permette di ammirare per la prima volta le famosi Torri Petronas.

Rientriamo nello stabile del Congress Center dove troviamo un piano con piccoli bar/snack/ristoranti e visto che abbiamo un certo languorino ci mangiamo un Chicken & chip (da qui in avanti il fritto è quasi d’obbligo) poi imbuchiamo una galleria alla ricerca di un’ agenzia cambio che troviamo proprio all’interno di un altro centro commerciale (aria condizionata gelida) Suria Kl che guarda caso si trova sotto le torri e che ammiriamo da più vicino, Rientriamo verso l’hotel, la nostra guida ci aspetta alle 13.45 con gli altri membri del gruppo e con i quali partiamo verso la visita della città. Prima tappa il Thean Hou Temple, uno dei più grandi templi cinesi nel Sud-est asiatico. ll tempio sorge su una collina chiamata Robson Heights, a ridosso del cimitero cinese più grande di Kuala Lumpur. Il luogo di culto è dedicato alla divinità femminile del mare Mazu. All’esterno del tempio ci sono alcune statue che riproducono i dodici animali dello zodiaco cinese.Terminata la visita ci dirigiamo verso il Palazzo Reale dove sostiamo per un foto (non siamo autorizzati ad entrare). Fino al 2012, il Palazzo Reale aveva la propria collocazione in Jalan Istana, sede storica in un palazzo le cui origini civili risalivano agli anni ’20. Nel corso del 2011 un nuovo edificio è stato costruito in Jalan Duta, nei pressi di Mont Kiara,e l’attuale re della Malesia, ha spostato la residenza ufficiale della corona malese nella nuova dimora. Foto di rito e ci avviamo verso il National Monument, il monumento nazionale dedicato ai caduti della Malesia in guerra nella seconda guerra mondiale e durante la cosiddetta “Emergenza malese” (1948-1960), un periodo contrassegnato da instabilità politica e civile nel clima della guerra fredda. Nel 1960 venne posto un primo monumento ufficiale ai caduti della Malesia e del Borneo, sotto forma di una stele con un’iscrizione dedicata alla memoria di coloro che avevano dato la vita nel corso delle due guerre mondiali e durante l’Emergenza. Con l’indipendenza della Malesia, e in concomitanza di alcuni lavori urbani, la vecchia stele fu spostata al centro di una rotonda, mentre nel sito che occupava in precedenza venne costruito un nuovo monumento, ispirato a quello che l’allora primo ministro malese vide nel corso di una visita ufficiale negli Stati Uniti nel ’60 (l’USMC War Memorial, che ospita la statua dedicata ad Iwo Jima). L’opera venne commissionata nel 1963 al medesimo scultore. Vista l’ora e l’impossibilità di entrare nella Moschea di Masjid Jamek (ora della preghiera), facciamo tappa prima ad un orto botanico con diverse orchidee

Ripartiamo e sostiamo davanti alla Moschea di Msjid Jamek, tra le più antiche moschee della Malesia

  • 5767 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social