Borneo malese - fai da te - 2007

Un viaggio a stretto contatto con la natura più selvaggia circondato da acque cristalline ricche di vita.

  • di Morak14
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 3
    Spesa: Da 2000 a 3000 euro
 

Bologna-Roma-Kuala Lumpur Kuala Lumpur- Kota Kinabalu Kuching-Singapore Singapore-Kuala Lumpur- Amsterdam-Bologna Tot voli € 1595 a testa tasse incluse Più € 29 a testa per volo interno Kota Kinabalu-Sandakan; € 26 a testa per volo interno Kota Kinabalu-Miri; € 34 a testa per volo interno Miri-Bario A/R; € 40 a testa per volo interno Miri-Kuching. Tot. €129,00

Spesa complessiva circa € 2700 a testa (tutto compreso)

3 Agosto. Bologna-Roma, Roma-Kuala Lupur. Quasi 12 ore per raggiungere la Malesia. Una brevissima attesa e poi di nuovo in volo per raggiungere Kota Kinabalu, nella penisola del Borneo.

4 Agosto. Qui cominciano le nostre vacanze. Arriviamo a KK verso le 12.30 e cerchiamo subito un alloggio per dormire: il Gaya Hotel (€4 a notte a testa!!). Avevamo letto che qui si poteva viaggiare spendendo poco, ma non immaginavamo cosi tanto poco! Cominciamo subito con un giretto nella città,dirigendoci verso il mercato filippino adibito a bancarelle di carne, pesce, frutta e cibarie in genere. Gli spiedini cotti al momento gocciolanti di olio ci stuzzicano l’appetito ;). Decidiamo di cenare proprio qui, dove le donne nei loro vestiti colorati, ti preparano da mangiare al momento, e non è niente male. Spesa 6€ in 3 (bibita compresa). Il duro viaggio si fa sentire, ma visto che qui i prezzi sono davvero bassi, ci concediamo un bel massaggio prima di una bella dormita (€10 a testa x 1 ora).

5 Agosto. Oggi decidiamo di farci un giro nelle famose Isole Gaya, dove durante il week sono affollate di locali in cerca di relax e divertimento. La colazione qui non è stuzzicante…si parte già con riso o zuppe, oppure strane pastine colorate. Ma con 1€ a testa ci sfamiamo. Ci dirigiamo poi al porto per prendere la barca che ci porterà alle Isole. Le escursioni si sa, sono sempre le più costose. Questa ci costerà circa €15 a testa. A dire il vero siamo rimasti un po’ delusi: la prima isola è piena di gente e bambini …un po’ la Riviera Romagnola; l’ultima invece è più selvaggia (ci siamo solo noi), ma nulla di entusiasmante. Ci divertiamo un po’ a saltare fra le onde e poi rientriamo. Cerchiamo un agenzia per prenotare un volo interno diretto a Sandakan nel Sabah (€38 a testa). Cenetta per la strada (€5 in 3) e poi a letto.

6 Agosto. Si parte per il Sabah, una regione coperta dalla foresta pluviale e circondata da un meraviglioso mare. Arrivati a Sandakan cerchiamo un agenzia per organizzarci le escursioni per il Kinabatanga River (€70 a testa x 1 notte tutto compreso) e Danum Valley (€270 a testa x 3 notti tutto incluso).Poi prendiamo un taxi (abusivo €5) e ci facciamo portare a Labuk, base di partenza per il fiume. Qui alloggeremo una notte in un Lodge di legno molto accogliente,attorniato in una natura viva e selvaggia. €10 a testa.

7 Agosto. Sveglia presto. Si parte prima con la Jeep percorrendo una quarantina di Km su strada sterrata fino ad arrivare a Sukau. Lungo il percorso si vedono piantagioni di palme a perdita d’occhio . Arriviamo alle sponde del fiume, dove una piccola barca ci porterà al Riverside Lodge dove dormiremo questa notte. Questo corso d’acqua lungo quasi 600Km, offre rifugio a tantissime specie animale. Navigando su queste acque marroni , notiamo quanto la natura sia particolarmente suggestiva qui, con i grandi e fitti alberi che avvolgono il fiume. Ci sistemiamo nel nostro Bungalow messo su di una palafitta e ci accingiamo ad una scarpinata nella foresta. Dopo pochi passi iniziamo a sentire dei barriti… tra le fitte foglie scorgiamo una famiglia di elefanti a caccia di cibo. Che emozione!! Soli, durante una piccola escursione e già avvistati i primi animali selvaggi!! Wow. Ecco perché il Lodge è circondato da fili spinati!! Dopo una serie di scatti fotografici ci prepariamo per navigare il fiume a caccia di altri animali. Incontriamo subito un altro branco di elefanti che stanno per iniziare il loro bagno, e noi avremo modo di vederli da vicino. Sono davvero imponenti. Continuiamo la navigazione affiancando spesso la riva per osservare le tantissime scimmie, i coccodrilli nascosti tra le mangrovie, aironi,e tantissime altre specie di uccelli. Sugli alberi osserviamo le scimmie nasiche che non smettono di strillare. Qui è davvero un paradiso allo stato naturale. Fantastico. Rientriamo al Lodge per la cena, e poi si riparte per la navigazione notturna. Ci lasciamo sedurre dai rumori e dal buio della giungla.. Un fascino incredibile. Con la barca si và piano e accendiamo le torce per illuminare le sponde dove riusciamo ad avvistare: un pitone assetato, coccodrilli, martin pescatore dai colori accesi, un altro serpente a righe gialle che scende dall’albero, e tante tante altre specie di volatili. Che notte eccitante!!

8 Agosto. Un altro giorno qui ci sarei rimasta volentieri…adoro gli animali, però ci tocca fare rientro. La barca ci riporta indietro, e proseguiremo in Jeep verso Lahad Datu. Questa città è sporca e piena di volti ambigui. Cerchiamo di far passare il pomeriggio a zonzo, cercando dove dormire e visitando il mercato e un centro commerciale

  • 8401 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social