Viaggio in Malesia e Borneo

E sono 3: l’estate scorsa i numerosi attentati in alcune località turistiche della Turchia, a marzo il virus Chikungunya che pareva imperversare alle Seychelles e questa volta gli sventati attentati a Londra e le conseguenti ripercussioni negli aereoporti di tutto ...

  • di milanchamp
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

E sono 3: l’estate scorsa i numerosi attentati in alcune località turistiche della Turchia, a marzo il virus Chikungunya che pareva imperversare alle Seychelles e questa volta gli sventati attentati a Londra e le conseguenti ripercussioni negli aereoporti di tutto il mondo. Per la terza volta consecutiva la vigilia del mio viaggio è caratterizzata da qualche apprensione che riesce a sovrastare l’emozione tipica di chi sta per partire. E come non bastasse, ci si è messo pure quel buontempone di Natonga che nell’immediata vigilia mi augura il suo personale “buon viaggio” inoltrandomi un link in cui si segnalano alcuni casi di colera proprio nelle zone meta del mio viaggio. Rifletto sul fatto che ormai viaggiare è purtroppo diventato un hobby rischioso e mi manca l’eccitante euforia che anni fa cominciava già al ritiro del biglietto aereo, ma pongo fine ai miei pensieri foschi con una massima ormai inflazionata: andare in vacanza in posti esotici e lontani è un duro lavoro, ma qualcuno dovrà pur farlo! L’umore, del resto, volge subito al bello non appena metto piede a Malpensa: al terminal non noto infatti nessun segnale di particolare tensione, non ci sono grandi resse e, anzi, l’unico gate in cui non c’è nessuno in coda al check in è proprio quello della Singapore Airlines. Non solo: in aereo scopro che mi sono stati assegnati i posti a me prediletti (quelli vicino al finestrino e senza sedili davanti) e quindi mi dico che questa vacanza è nata sotto i migliori auspici e mi preparo a godermela come meglio posso.

Il volo intercontinentale fila via velocemente, grazie anche a Singapore Airlines che si conferma una delle migliori compagnie aeree in quanto a puntualità e servizi di bordo. Atterriamo all’alba, ma grazie a qualche pisolo schiacciato in aereo non sentiamo il jet lag e ci fiondiamo in hotel con l’intenzione di lasciare i bagagli, rinfrescarci e cominciare subito il tour della città. L’albergo (Emerald Hotel Fragrance, prenotato con Asiaroom) si conferma comodissimo da raggiungere e mi compiaccio che le mie ricerche abbiano dato buoni frutti: si trova infatti a 10 minuti scarsi di cammino dalla stazione della metropolitana Kallang Road, a poche fermate dal centro. In più anche la qualità della stanza si rileva superiore alle aspettative: avevo infatti letto giudizi pessimi su un hotel della stessa categoria proposto da Asiaroom a Kuala Lumpur e quindi temevo analoghe brutte sorprese, invece i 21 euri spesi per la stanza si rivelano un ottimo affare.

La prima tappa del nostro tour a Singapore è ovviamente Raffles Place, da cui in pochi minuti raggiungiamo il Riverside e la statua del Merlion (simbolo di Singapore, che significa infatti “la città del leone”). Sono circa le 10 del mattino, ma ci sono già parecchi giapponesi che fanno foto e devo un po’ farmi largo per riuscire a scattarne qualcuna in cui non ce ne sia qualcuno di mezzo! In seguito, ci dirigiamo verso Suntec City e poi a Muscat Street dove facciamo subito i primi acquisti: come resistere infatti a un pashmina di seta e cashmere che costa solo 4 eur? Ritorniamo verso il Financial District ed entriamo al Raffles Hotel, dove parecchia gente si sta gustando il famoso cocktail Singapore Sling! Noi resistiamo alla tentazione per evitare pericolosi abbiocchi e ci dedichiamo alla visita dell’hotel, in particolare alle sue balconate esterne perché nei locali c’è un’aria condizionata mortifera.

Poi scendiamo al Riverside, per ammirare gli eleganti palazzi che si affacciano sul fiume e per dare una prima occhiata a Boat Quay e Clarke Quay, in attesa di goderceli con più calma dopo il tramonto. Qui ci sorprende un breve acquazzone, che non offre però alcun sollievo a un tasso di umidità davvero arduo da sopportare

  • 19162 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social