Thudufushi Planhotel/Francorosso

Io e la mia fidanzata abbiamo prenotato questo viaggio a dicembre 2005, la prima data disponibile era la settimana di Pasqua di Aprile (2006). Dopo 4 mesi di attese, sogni, pensieri e informazioni raccolte nel web dai racconti delle persone ...

  • di Dario
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: 3500
 

Io e la mia fidanzata abbiamo prenotato questo viaggio a dicembre 2005, la prima data disponibile era la settimana di Pasqua di Aprile (2006). Dopo 4 mesi di attese, sogni, pensieri e informazioni raccolte nel web dai racconti delle persone che sono già andate...Arriva il momento di partire per la nostra meta: il resort Planhotel Thudufushi, prenotato tramite Francorosso. Il viaggio inizia facendoci frenare un po' l'entusiasmo...Avremmo dovuto volare con un aeromobile della compagnia Neos, invece ce n'è capitato uno della Iceland Air, affittato alla Neos. Un vecchissimo aereo, sedili bloccati, rotti, uno senza schienale ecc ecc... Pazienza...Siamo contenti comunque per l'imminente vacanza. Certo che 9 ore di volo (e 10 al ritorno), se son fatte con comodità non fanno schifo a nessuno.

Arriviamo comunque puntuali a Male, dove dopo poco tempo veniamo trasportati al micro terminal degli idrovolanti, i famosi Maldivian Taxi. Ci viene offerto un drink dal tour operator nell'attesa dell'ultimo trasferimento per arrivare all'atollo. Aspettiamo circa 1h30 e poi partiamo per un volo di 30 minuti circa. Confermo che è sempre favoloso volare sopra gli anelli colorati e gli atolli sparsi nel blu del mare, è fantastico vedere queste bellezze della natura.

Atterraggio perfetto come il decollo, arriva subito un dhoni con il capo staff della Planhotel che ci accoglie e ci trasporta sul pontile per poi accompagnarci nella hall dove tutto lo staff ci offre un cocktail e una salvietta rinfrescante mentre si occupano da soli di sbrigare le normali pratiche all'arrivo. Dopo pochissimo ci assegnano la camera nr.12, in una bellissima posizione. Peccato che i bungalows siano quasi tutti doppi, ovvero un bungalow ha 2 camere. Non c'è moltissima privacy e questo ci ha un po' delusi visto il tipo di resort. Non che uno debba fare chissà che...Però non si è liberi di fare ciò che si vuole al 100%. Pecato. Anche la camera in sé non è stata come ce l'aspettavamo; partiamo sempre dal punto di vista di una vacanza un po' sopra la media, visto soprattutto il costo del "pacchetto". La stanza è molto semplice, l'arredamento è anche datato e decisamente sfruttato, peccato che non si respirasse quell'aria "maldiviana" che c'è in altri villaggi. Il letto rumoroso, l'aria condizionata che non funzionava ad hoc e faceva vibrazioni poco piacevoli, la radio si accendeva ma non si sentiva nulla...Per questi ed altri dettagli è davvero un peccato che ci si perda in un bicchier d'acqua. C'è da dire che la pulizia delle camere e degli spazi comuni è veramente esemplare, nulla da dire, anzi solo complimenti allo staff maldiviano. A parte che inizino alle 6 di mattina a rastrellare la sabbia... Dalla verandina (condivisa), eravamo sulla parte di spiaggia che aveva di fronte l'isola deserta, bellissima vista e di sera avevamo la possibilità di godere di uno spettacolare tramonto, davvero bello. Era simpatico vedere che nonostante di giorno non ci fosse tanta gente a prendere il sole, all'ora del tramonto sbucavano fuori tutti per ammirarlo e fotografarlo. La nostra fortuna è stata quella di avere una simpaticissima coppia di persone molto simpatiche e di compagnia con cui abbiamo condiviso alcuni piacevoli momenti della vacanza e con cui non c’è stato alcun problema per il fatto di aver diviso questo spazio.

Per quanto riguarda il ristorante abbiamo mangiato sempre bene, 3-4 primi piatti sempre diversi, una buona scelta di piatti con carne e pesce (anche se personalmente non mi piacevano moltissimo) e 2-3 dolci buoni, anche questi ogni giorno diversi. Ottima la pizza, gran scelta di verdure e frutta e nel complesso pur non essendoci una grandissima scelta, la quantità non è mai stata un problema. E' capitato di trovare qualche piatto vuoto ma dopo pochissimo tempo veniva cambiato. Molto simpatico lo Chef italiano, abbiamo apprezzato molto il fatto che fosse spesso a relazionarsi con noi clienti, fa sempre piacere. Dimenticavo di dire che i tavoli sono "per camera", ovvero ognuno ha il proprio posto e se da una parte il vantaggio è quello di non dover cercare posto tutte le volte, chi arriva per ultimo si becca la posizione meno felice (quella lontana dalla vista del mare)...Parliamo comunque di 15 metri di differenza, niente di così diverso. Basta chiedere al cameriere che si occupa di noi dicendo che desideriamo avere un’altra posizione migliore per essere accontentati non appena qualcuno in partenza lascia il posto

  • 4674 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social