Maldive: un sogno infranto

Quando mia sorella ci invitò a fare una vacanza insieme a lei ed il suo compagno alle Maldive, mio marito ed io accettammo, quasi per scherzo. Avevamo infatti già programmato di andare in Thailandia: Phi Phi e Krabi, ma alla ...

  • di bircof
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Quando mia sorella ci invitò a fare una vacanza insieme a lei ed il suo compagno alle Maldive, mio marito ed io accettammo, quasi per scherzo. Avevamo infatti già programmato di andare in Thailandia: Phi Phi e Krabi, ma alla fine cedemmo alla tentazione di vedere le Maldive (per me era seconda volta, anche se Bandos Island a Male Nord non faceva testo). Dopotutto eravamo già stati in Malaysia, Sri Lanka, Fiji, India, Mauritius, e questa vacanza a Felidu Alimathà, quasi all’insegna del lusso per noi, ci attirava e non poco.

Siamo partiti quindi da Malpensa il giorno 10.03 alle ore 21.30 circa, con un volo che doveva essere della Neos ma che invece la Neos aveva appaltato ad Air Italy. Dopo un ora di volo, prima tappa a Fiumicino per caricare gli altri passeggeri. Dopo 5 ore di volo, seconda tappa a Dubai per fare rifornimento: siamo stati fermi per 2 ore. Alla fine della “fiera” siamo arrivati finalmente a Male alle ore 14 circa ora locale. Le formalità sono state sbrigate anche velocemente, peccato. Arrivati infatti al banco della Bravo, accolti dal referente locale, ci veniva detto di attendere e che presto saremmo partiti con la barca. Dopo un’ora di attesa, stanchi del volo lunghissimo, ma sopratutto non conoscendo le motivazioni di questo ritardo, tutti noi cominciammo a spazientirci e finalmente ci venne detto che dovevamo aspettare un altro volo (quello della Livingston) per caricare gli altri turisti sulla barca. Alle ore 18 circa finalmente partimmo con la barca: ci aspettavano 1 ora e 40 minuti di navigazione. Arrivammo ad Alimathà alle ore 20 c’era gia buio, non vi dico la difficoltà ad ormeggiare dovuta al vento ed al mare un po’ mosso. Il nostro primo giorno di vacanza se n’era già andato, pazienza. Il giorno successivo l’isola si presentava in tutto la sua bellezza, un mare stupendo una spiaggia molto bella e curata, tantissime palme che garantivano ombra, un bellissimo sole. Non vi dico il Resort, bello, i bungalows spaziosi, puliti, il ristorante con la colazione ricchissimo di tutto. Il cibo sarà il fiore all’occhiello della vacanza. Ma anche tutto il resto, i ragazzi dell’animazione, non troppo invadenti, insomma a parte il tempo un po’ capriccioso (2 giorni di coperto e uno di pioggia continua), che comunque non ha dato fastidio, perché c’è davvero molto caldo, a parte questo, la nostra vacanza stava procedendo benissimo, pace, tranquillità, snorkelling con pesci meravigliosi e tantissimi, relax, avevamo completamente dimenticato le fatiche per arrivare alle Maldive. Ma la vera avventura doveva ancora arrivare. Il penultimo giorno decidemmo di fare una escursione all’isola deserta, escursione che per altro, era stata spostata più volte per maltempo. Partimmo con la loro tipica imbarcazione in 20: 16 adulti e 4 bambini. Dopo 2 ore circa di navigazione, condotta senza problemi dal capitano (un ragazzino di poco più di 18 anni) e dal suo equipaggio (atri 2 ragazzi molto giovani), arrivammo sulla piccola isola stupenda, abbiamo fatto snorkelling, mangiato, siamo stati bene. Nel pomeriggio stava arrivando il brutto tempo, si vedeva nero all’orizzonte, il vento cominciava ad ululare ed alle 17 partimmo per tornare a “casa”. Durante il tragitto, dopo mezz’ora circa di navigazione, siamo entrati in una temporale molto violento, le onde erano altissime, entrava l’acqua nella barca. Abbiamo avuto paura: non si vedeva niente, venivamo sbattuti da una parte all’altra della barca, ci siamo seduti in mezzo perché ai lati entrava l’acqua sbalzata dalle violentissime onde. Abbiamo temuto il peggio, alle ore 18 eravamo in balia delle onde e del vento, ci eravamo persi, il capitano infreddolito come noi, non sapeva dove fossimo, d’altronde il suo unico strumento di navigazione era la bussola di Colombo, i due ragazzi dell’animazione che ci accompagnavano, hanno cominciato a telefonare al Resort

  • 1928 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social