Due pivelli a Maiorca

Due giovani ragazzi, turisti alle primi armi, capitati quasi per caso a Maiorca, rimangono incantati dall'isola

  • di Tabbi
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Fino a 500 euro
 

Ultimi giorni dell'ultimo anno liceo: tutti vanno al mare, e te sei chiusa in casa a studiare e ancora studiare, e ti consoli pensando alla vacanza post maturità per cui hai appena ottenuto il permesso. Si tratta della primissima vacanza insieme, e prima vacanza vera di entrambi, non avendo genitori viaggiatori. Totalmente impreparati, scegliamo la meta un po' a caso: Maiorca.

Senza grandi aspettative, e zero informazioni sulla meta, partiamo, e dopo uno scalo notturno di 10 ore a Barcellona, atterriamo a Maiorca, e ancora in aeroporto noleggiamo una macchina, (senza carta di credito, e ancora adesso ci chiediamo come sia stato possibile). Superato lo shock della cifra spesa (ingenui noi a non sapere che non costa poco e che se hai meno di 26 anni costa ancora di più), cerchiamo l'appartamento affittato per 4 soldi su Wimbdu a Palma di Maiorca, che poi scopriamo essere solo una camera dell'appartamento dove vive una simpatica e accogliente famiglia pronta a consigliarci e aiutarci.

Appena arrivati e siamo già in giro per Palma, le sue viuzze la città vecchia e l'imponente cattedrale ci stupiscono.

Il secondo giorno, preparati i panini, ci dirigiamo con la nostra "macchinina" (in realtà un coso brutto e grosso, non proprio l'ideale per le strade strette e piene di curve e turisti imbranati) verso Porto Cristo, dove più che la spiaggia, la vera attrazione sono le grotte del drago, che non abbiamo visitato per via del prezzo e della coda che non ci hanno incoraggiati. Dopo aver dovuto mangiare in uno dei localini in centro ( i panini preparati hanno deciso di rimanere in camera) andiamo a Es Trenc, una lunga spiaggia con l'acqua azzurra, unica pecca il vento molto forte che non ci ha permesso di godercela appieno, oltre alla strada stretta per arrivarci.

Il terzo giorno andiamo a Cap Formentor, punta più a nord dell'isola, una distesa di blu, blu e ancora blu che circonda un faro; ripercorrendo per tornare indietro la strada strette e piena di curve, notiamo una macchia di azzurro intenso nel mare blu in prossimità della costa, e riusciamo a trovare uno spiazzo dove parcheggiare la macchina e scendere e ancora scendere fino ad arrivare in questa bellissima spiaggetta fatta di poca spiaggia con la ghiaia e una capretta che mangia un panino rubato dalla borsa di un turista; l'acqua è davvero qualcosa di indescrivibile.

L'ultimo giorno andiamo a Sa Calobra,patrimonio Unesco! Anche per arrivare qua è necessario affrontare una strada stretta e tortuosa sotto il sole cocente, ma giunti in spiaggia ne vale le pena, ciò che ci si presenta è infatti davvero singolare e unico: un grosso spiazzo in cui arriva un torrente dalle montagne circostanti, e un mare verde acqua racchiuso da due rocce. Per fortuna siamo ragazzi mattinieri perchè la spiaggia si inizia ad affollare, perdendo un po' della sua magia.

Il momento di tornare a casa è arrivato, ma prima di partire riempiamo, riempiamo i panicini con l'ensainada, il tipo dolce dell'isola.

  • 4600 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
, , ,
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social