Vi racconto il Festival Cruzando Fronteras

Una settimana di musica, teatro, cinema e arte a Mahahual, Caribe messicano

 

Come descrivere un delirio di eventi in crescendo? Difficile, ma provo a darvi qualche particolare. Il Festival Cruzando Fronteras è arrivato al giro di boa, oggi siamo a metà percorso di questa entusiasmante settimana, e la generosità della gente di Mahahual è straordinaria. Tanto per cominciare, Mahahual ha circa mille abitanti, è l’ultimo avamposto abitato della costa yucateca sul Caribe messicano prima della frontiera con il Belize, e diversi italiani hanno deciso di vivere qui da anni, contribuendo (o adattandosi) alla coscienza ecologica dei mahahualeños che... per un capriccio o un brutto scherzo delle correnti, si ritrovano con la plastica che arriva sulla barriera corallina da almeno tre continenti, e puntualmente organizzano la raccolta dei “rifiuti altrui” per difendere la delicata biodiversità di questo pezzetto di paradiso terrestre, che ha davanti un mare di sette colori e alle spalle la sterminata selva di mangrovie.

Per esempio, poco tempo fa, il mare ha gettato sulla riva un pezzo di astronave 4 metri per 2, il frammento di un vettore o razzo per sparare in orbita satelliti, c’è sopra il nome della ditta, è pregata di venire a riprenderselo con tante scuse all’umanità (allego foto). Il festival è nato dalle chiacchierate di un anno fa su questa meravigliosa spiaggia tra me, Gloria Corica e Luciano Consoli: noi due eravamo qui di “passaggio”, lui ci vive e gestisce un hotel (che è uno dei più belli che abbia mai visto, veramente a “misura umana” e senza troppe colate di cemento), e... il sogno è diventato follia a tre, poi sfida che ha coinvolto tanti altri che qui ci vivono, e infine realtà.

Per la cronaca, l’inaugurazione domenicale è stata un tripudio, da lunedì si sono alternati teatro, cinema, incontri sul palco, marionette per i bambini, esposizioni d’arte (grande scalpore per le sculture di Pietro Alagna), laboratori (quello sulla scrittura di Gloria Corica ha spopolato per iscritti), concerti (il gruppo Caracol di David Sarnelli e Italia Migrante hanno conquistato locali e ospiti), l’arrivo di Paco Taibo II con Elmer Mendoza, Paloma Saez, Francesca Gargallo, Bernardo Fernández “Bef”, ha scatenato entusiasmi da delirio, Tomás Serrano come relatore-danzatore assieme alla voce struggente di Silvia María Zuñiga e la chitarra di Héctor Diaz ha stravolto il pubblico, e per finire, la presenza affabile e simpatica di Guillermo Arriaga, sul palco con Paula Chaurand, ha sconcertato alcuni giornalisti italiani che già prima di venirci chiedevano “ma davvero il premio Oscar Arriaga ci sarà?”. Sì, c’è, però deve riprendere un aereo per l’Australia perché sta girando e producendo un complesso film in vari continenti.

Il programma lo trovate qui: http://www.mahahualcruzandofronteras.com/

Ma tante cose non le troverete nel sito perché... l’improvvisazione che nasce dalla mescolanza di messicani e italiani rende infinitamente più ricco il cartellone!

Un saluto da Mahahual, pensateci per l’anno prossimo, qua si sta da favola.

Pino Cacucci

  • 633 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social