Madrid in "rotelle"

Madrid in rotelle.....

  • di ROTEX
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 3
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Si parte da Linate con Alitalia, con un volo prenotato a settembre al costo di € 124,00. Forse anche la nostra compagnia nazionale ha deciso di fare dei prezzi low cost, forse le conviene se non vuole perdere troppo sul mercato. Arriviamo a Madrid, inteneriamo un taxista per farci portare all’albergo, in quanto incastrare in auto tre valigie, tre persone ed una carrozzina, non è cosa da poco. Una volta completato il puzzle in auto, ci accorgiamo che non abbiamo l’indirizzo dell’albergo, sappiamo che è sulla Gran Via, ma è bella lunga. Ah quanto siamo sbadati!!

Va beh arriviamo più o meno nella zona dove pensiamo che possa essere, scendiamo ed entriamo in uno Starbuks per connetterci con internet, recuperiamo l’indirizzo e poi con i bagagli ci avviamo sotto la pioggia verso l’albergo: Hotel High Tech Italia Gran Via (www.hotelitaliamadrid.com), camera spaziosa, bagno ampio ed accessibilissimo ed economico. Siamo contenti della scelta.

Facciamo una capatina a Puerta del Sol, perché ci sono le campanades le prove dell’ultimo, ovvero i madrileni si trovano il 30dic, per mangiare l’acini d’uva e fare il countdown con i rintocchi della campane (campanades) della piazza, anche per il 31 ci sarà un grande caos…. Noi arriviamo alle 00:15 la gente sta ritornando a casa…ci siamo perse le prove generali e il pre capodanno!! Quello che apprezzo subito di Madrid è che è sempre in movimento, ma non caotico, non di corsa è una continua passeggiata. La gente è per le strade a qualsiasi ora del giorno e della notte (soprattutto la notte), che passeggiano, che girano, che vanno da un locale all’altro. Sembra quasi che non ci siano preoccupazioni. L’importante è uscire e stare con gli altri.

L’ultimo giorno dell’anno è usanza a Madrid (tradizione rispettata, credo, più che altro dai turisti) andare in giro con una “peluca”. Ci sono molte bancarelle che le vendono per pochi euro, non resistiamo alla tentazione, anche perché sono anni ormai che non sento più capelli sulla mia fronte, di acquistarcene una. Agghindati per le feste passeggiamo per Madrid, si mangia e si beve ogni ben di Dio al mercado de San Miguel, si passa per Placa Mayor illuminata con aureole, a me sembrano dei piccoli UFO, poi la cattedrale, il palazzo reale per poi finire nelle vie natalizie del centro. Le decorazioni natalizie sono veramente molte carine e originali, si respira molto l’atmosfera natalizia, l’anima festaiola la si percepisce sempre e comunque per le vie di Madrid. Siamo un po’ indecisi su come aspettare la mezzanotte dell’ultimo giorno dell’anno, sappiamo che a Puerta del Sol ci sarà la folla, quindi proviamo a recarci per le vie di Chueca sperando di trovare un locale in cui festeggiare. Ma con sorpresa notiamo che le vie sono totalmente vuote, molti locali sono chiusi. Le uniche persone che vediamo passeggiare si recano tutti verso Puerta del Sol. Non ci resta quindi che arrenderci all’idea di aspettare la mezzanotte in mezzo alla folla. Tutto è ben organizzato, prima di entrare nella piazza, si deve svuotare bottiglie e lasciare tutto ciò che è vetro o oggetti pericolosi, vengono dati in cambio bicchieri di plastica. Tutto sembra controllato e sicuro. La piazza nel giro di pochi minuti si riempie all’inverosimile, restiamo delusi dal countdown, a parte il rintocco delle campanades …qualche urlo…e buttarsi gli acini d’uva velocemente in gola entro la fine dei 12 rintocchi, non accade nulla. Mi aspettavo un po’ di fuochi d’artificio, musica… invece nada… solo una gran festa tra di noi, tra tutti... Che forse è anche il suo bello. Poi tutta la gente si sposta verso le vie a continuare la grande lunga notte. Mi sorprende come folle di persone si trovano a bere, in maniera tranquilla, nelle piccole piazze e nelle vie, chiacchierano tra loro. Mi sorprende anche che non ci sia musica in giro, mi manca non sentire la musica. Lisa prima di partire aveva trovato un sito molto carino (www.italianiamadrid.it) , sito che dà indicazioni più che altro agli italiani che stanno a Madrid, ma è utile anche a chi si reca per turismo. Il gestore del blog ha un locale il “Pepa Tencha”, visto che troviamo tutti i locali strapieni e siamo stanchi di girare, decidiamo di andare li. Bel locale, dove abbiamo potuto esprimere tutta la nostra italianità tra gli stranieri presenti cantando e ballando le canzoni tipiche del nostro Bel Paese da “il ballo del qua qua” a “volare” !! Facciamo mattina, brilli e stanchi ce ne torniamo in albergo

  • 2306 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social