Natura e avventura in Madagascar

Un viaggio ricco di emozioni tra escursioni in barca per fare snorkeling, paesaggi desertici e villaggi

  • di Jackass91
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Io, Jessica, e il mio fedele compagno di avventure, Paolo, abbiamo organizzato questo viaggio raccogliendo informazioni sui pochi diari presenti online, leggendo qualche recensione qua e là e affidandoci alla Lonely Planet, che stavolta si è rivelata più inutile del solito, al contrario della Routard che mi è sembrata molto più completa; entrambe le guide però sono state pubblicate parecchi anni fa… non che le cose siano cambiate poi tanto, ma vi consiglio di comprare la versione più recente!

In questo diario non vi racconterò tutto ciò che abbiamo visto in maniera dettagliata, perché voglio lasciarvi il piacere di viverlo in modo autentico in prima persona. Cercherò invece di darvi qualche consigli utile per la vostra organizzazione. In Madagascar le strade, se ci sono, sono in pessime condizioni, e i mezzi pubblici sono inaffidabili e lenti; quindi, se volete dare più tempo al viaggio e meno agli spostamenti, vi consiglio di noleggiare una macchina con autista. Dopo averne contattato qualcuno via email, la mia scelta è caduta su Gaby per numerosi motivi. Si è mostrato subito gentile e disponibile, e, cosa a cui tenevo molto, ha accettato l’itinerario che avevo delineato nelle settimane precedenti, dandomi comunque qualche consiglio da esperto della zona. La sua email è gabiturbo@yahoo.com e ve lo consiglio vivamente se volete fare un viaggio autentico, a contatto con la popolazione locale e non dedicarvi esclusivamente alle classiche attrazioni turistiche. Troverete una persona molto cordiale che cercherà di adattare il viaggio ai vostri interessi e alle vostre esigenze, e, se preferite, potrà anche occuparsi della prenotazione degli alberghi. Io e Paolo siamo appassionati di fotografia reportage e abbiamo costruito il nostro itinerario sulla base di questo interesse. Il nostro viaggio è tuttavia risultato molto vario dal punto di vista naturalistico e delle attività svolte, per cui lo consiglio a chiunque abbia la spinta verso la scoperta e verso l’avventura. Non è un viaggio comodo, non troverete comfort di nessun tipo, ma sarete immersi in un mondo che probabilmente è molto lontano dal vostro e questo vi arricchirà senz’altro.

Noi abbiamo scelto di fare un tour circolare che inizia e si conclude nella capitale. Ci siamo prima dedicati alla zona ovest imbarcandoci sul fiume Tsiribihina, e proseguendo verso sud, lungo la costa, in un percorso lungo e accidentato fino a Toliara. In seguito abbiamo imboccato la RN7, che ci ha riportati nella capitale attraversando gli altipiani centrali e le maggiori città. Per questo tour sono sufficienti 3 settimane, ma se avete più tempo a disposizione potrete anche fermarvi più giorni in qualche località balneare o visitare più parchi di quelli che abbiamo visitato noi.

Ecco a voi il nostro diario di viaggio, scritto durante i nostri spostamenti in auto.

Dopo un interminabile viaggio durato un giorno e mezzo, 15 ore di volo, e 4 scali, arriviamo finalmente ad Antananarivo. Se prenotate con un po’ di anticipo, potrete sicuramente trovare una soluzione più comoda e veloce della nostra. L'aeroporto è piccolissimo. Facciamo il visto e usciamo a cercare il mitico autista. E’ notte, fa freddo ed entriamo subito nella 4x4 che ci accompagnerà per circa 3000 km. Ci fermiamo in una triste stanza a Tana (Hotel Shangai: Sconsigliato) e ci addormentiamo, esausti

  • 24615 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social