Da New Orleans a Chicago lungo la via del Blues

Affascinante viaggio on the road lungo la Highway 61

  • di lauraccia
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 4
    Spesa: Da 2000 a 3000 euro
 
Annunci Google

15/03/2012

Partenza puntualissima ore 7:00 dall’aeroporto Marco Polo di Venezia, dall’aereo si vedono le bianchissime montagne delle Alpi Francesi, primo scalo aeroporto di Parigi. Per trovare il gate 76 ci abbiamo messo circa un’ora! E’ un aeroporto davvero grande con il treno per i vari spostamenti interni, ore 11:00 partenza per Atlanta. Il viaggio è durato 9 ore. Alle 15:30 locali siamo arrivati all’aeroporto di Atlanta …bellissimo… enorme .. ma molto ben organizzato, qui oltre a ritirare i bagagli per un ulteriore controllo ci hanno preso le impronte digitali di entrambe le mani e fatto una bella foto, nel frattempo abbiamo conosciuto un’interprete italiana di Milano che ora vive ad Atlanta. Ore 17:40 partenza per New Orleans, si inizia già ad avvertire l’atmosfera del sud nell’allegria che trasmette la gente. Finalmente arrivo a New Orleans ore localo 18:30.

Prendiamo un taxi che ci porta all’Hotel Pelham , qui avevamo già prenotato una camera per quattro, carino l’hotel ma soprattutto comoda la posizione vicino al French Quartier. Serata al Bourbon Street, la strada più famosa della città dove si riuniscono tutti per divertirsi e ascoltare musica. La stanchezza però ora si fa sentire perciò abbiamo cenato in un localino e poi a dormire.

16/03/2012

Sveglia senza troppa fatica alle 7:30, la nostra prima colazione l’abbiamo fatta da Starbuks, nostro punto di riferimento in ogni viaggio. La mattinata l’abbiamo dedicata al French Quartier incamminandoci per la Decatur Street, una strada molto bella in riva al Mississippi, ci accoglie subito la statua di Jean Baptiste le Moyne de Bienville, il fondatore di New Orleans. Proseguendo d si arriva alla Jackson Square, una grande piazza che si affaccia sul fiume, qui gli artisti espongono le proprie opere e i musicisti intrattengono i turisti con dei bei concerti. Dirigendosi verso il fiume si può passeggiare lungo la Moonwalk, una stradina che affianca per un lungo percorso il Mississippi e da qui il panorama è bellissimo. La mattinata l’abbiamo passata visitando il French Quartier, è un quartiere molto vivace anche alla luce del sole, con le sue caratteristiche terrazze in ferro battuto e l’architettura stile coloniale, sono tutte costruzioni a due piani oppure singole villette, la Esplanade avenue è un gioiellino, con case fatte di legno colorato, sottoportici e le immancabili sedie a dondolo, al piano superiore terrazze in legno, i giardini circoscritti da recinzioni ornamentali.

Alla fine di Esplanade avenue abbiamo girato a sinistra per la Rampart avenue. Questa è la via del jazz, è una strada molto larga dove durante il Mardi Grass, il carnevale di New Orleans, ci sono le sfilate dove tutto è concesso! Sempre su questa strada c’è il Congo Square, un ampio e curato parco la cui entrata è costituita da un arco bianco con scritto in grande Armstrong. Appena si entra ci accoglie una scultura con i musicisti della New Orleans Brass Band, è la prima di tante sculture che raffigurano Mahalia Jackson, Charles “Buddy Bolden”, Sindey Bechet, ma la più bella è quella di “Sacmo”, Louis Armstrong che da una parte tiene la tromba e dall’altra l’immancabile fazzoletto per asciugarsi la fronte.

Entriamo nel cuore del French Quartier dove già alle tredici c’è musica nei locali e la gente beve allegramente alcolici, ma l’atmosfera che si respira è di allegria e spensieratezza. Per pranzo andiamo al Maspero in Decatur St. più o meno vicino alla Jackson Square. Consiglio questo posto perché è un ambiente molto accogliente, i piatti vari, abbondanti e buoni, io ho preso il Bean and Rise il piatto preferito da Louis Armstrong. Nel pomeriggio facciamo un tratto della Moonwalk passando davanti all’Acquario, ma senza visitarlo per poi proseguire verso Warehouse District, un quartiere dai forti contrasti, con alti grattacieli accanto a dei ruderi, però ciò che lo caratterizza è la presenza di numerose gallerie d’arte, perciò è un quartiere in crescita

Annunci Google
  • 18679 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social