Work in London

Gli esami erano terminati, gli amici già in vacanza(traditori), non mi restava che una possibilità... Partirmene on my own... Ryan Air mi offriva il biglietto per London a soli E.19.90: che fare? ovviamente accettare... E mi ritrovo così in volo ...

  • di Jean Falgari
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: da solo
    Spesa: Fino a 500 euro
 

Gli esami erano terminati, gli amici già in vacanza(traditori), non mi restava che una possibilità... Partirmene on my own...

Ryan Air mi offriva il biglietto per London a soli E.19.90: che fare? ovviamente accettare...

E mi ritrovo così in volo per Stansted,con una valigia bella piena e senza uno straccio di prenotazione in ostello, e solo allora mi sono chiesto: ma a Londra che ci vado a fare...? Poco tempo prima un amico mi aveva raccontato, (per sentito dire), che nella zona di south kensington esisteva un'ostello, gestito da un simpatico australiano disposto ad assumere ragazzi alla pari: ossia lavoro per alloggio.

Prendo quindi la Circle line, direzione south kensington, e subito mi accorgo di una cosa; il Meltin Pot è persino più affascinante di quanto mi avevano detto; centinaia di persone diverse tra loro per origini ,cultura e stili di vita e cosa più bella, anche io ne sono entrato a far parte... La mia fermata! Scendo (non senza fatica) dalla metro e mi trovo catapultato, in una Londra un po' diversa, che ostenta ricchezza dalle immacolate facciate bianche di palazzi quasi tutti uguali... Mi incammino lungo Queen's Gate e finalmente giungo a quella che per i tre mesi successivi diventerà casa mia... Il mitico The Albert Hotel! E' stato amore a prima vista: uno splendido palazzo in stile vittoriano che si snoda con i suoi 5 piani verso il cielo inglese... L'interno non è da meno, una lunghissima scala a chiocciola, un'esplosione di stucchi, e una penombra invitante, il tutto in stile" very english".

Dopo essere riuscito a convincere William(così si chiama l'australiano) di essere la persona che stava cercando, mi installo in una cameretta all'ultimo piano insieme ad un ragazzo argentino e uno americano, prendendo subito coscienza di ciò che sarà il mio soggiorno... Un'escalation di nuovi incontri! Il lavoro non mi pesa, nemmeno cambiare moquette e preparare la colazione ad una comitiva di 19 bambini(6-7 anni) nigeriani, le giornate passano leggere, e le serate in compagnia di una ventina di ragazzi provenienti da ogni continente, rimarranno per sempre dentro me, come l'atmosfera anni '60 che ancora si respira a Camden Town e Portobello Road, e soprattutto la felicità di essere stato in grado di stare bene con gli altri, di oltrepassare le differenze e di essermi sentito veramente "cittadino del mondo".

Un'esperienza che consiglio a tutti, soprattutto a chi come me non smetterebbe mai di cercare qualcosa di nuovo.

  • 98 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social