Londra anomala

Weekend nella capitale inglese alla scoperta di alcuni dei suoi quartieri più interessanti: Soho, Brixton, la City, Shoreditch

  • di pannapanni
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 3
    Spesa: Fino a 500 euro
 

Londra, che dire di Londra, talmente grande e sfaccettata che è difficile trovare un modo semplice per descriverla. Come tutte le grandi città, non è nemmeno semplice visitarla tutta in una sola vacanza e per questo è meglio scegliere alcuni quartieri della città e goderseli a pieno, senza troppi rimpianti per il non visto. In questa storia di viaggio parleremo quindi solo di alcuni luoghi di Londra e, siccome non era la prima volta che la visitavo, vi dico subito che escluderemo Big Ben e Palazzo della Regina.

Il nostro giro infatti comincia da Brixton, quartiere comunemente noto per essere quello in cui si concentra maggiormente la comunità afroamericana-caraibica di londra. Per entrare subito nello spirito giusto del quartiere scegliamo di cenare in un locale caraibico all’interno del Brixton Village, un mercato coperto in cui potrete scegliere di assaggiare cucine da tutto il mondo. Nel nostro caso, abbiamo impugnato forchetta e coltello al “Fish, wings and tings” dove vi consiglio il chicken with rice annaffiato da salsa al tamarindo e marmellata di mango. Da bere provate la homemade ginger beer, ma astenetevi se non vi piace lo zenzero. A Brixton, come in tutta Londra, per spegnere la sete non si può far altro che affrontare l’imbarazzo della scelta ed infilarsi in un pub. Nel quartiere potete provare il The Blues Kitchen dove vi consiglio di provare il cocktail Hurricane. Sorseggiandolo, potrete notare le bellissime ceramiche che affrescano i muri e il pavimento in stile Loggia Nera di Twin Peaks in un angolo del locale. Nel pub si suona spesso musica dal vivo. Chissà se David Bowie, ex residente di Brixton, si è mai seduto qui, al mio posto.

Il secondo quartiere di cui vi voglio parlare, dall’altra parte del Tamigi, è Soho. Soho è un quartiere famoso per moltissimi motivi: è sede della China Town di Londra, fu quartiere a luci rosse, ospitò molti celebri artisti e oggi è al centro della comunità gay londinese. Trovarlo è facile, vi basterà partire da Piccadilly Circus ed entrare nel quartiere che è delimitato da quattro strade; Regent Street, Shafterbury Avenue, Charing Cross e Oxford Street. Perdetevi in questo quadrato londinese, alla ricerca delle porte di China Town… (sono almeno 3)… Non dimenticate di passare per Carnaby street, “love happens here”…Per chi non ha paura di osare a carnaby street potete trovare uno dei negozi di scarpe più strane al mondo. E infine semplicemente passeggiate per questo meraviglioso quartiere che sprizza voglia di dire, macché, di urlare che la vita è bellissima e va vissuta con gioia e senza troppo pudore. Se con tutto questo passeggiare vi viene fame potrete scegliere tra molti ristorantini o capitare in qualche market di streetfood, decisamente in auge nell’estate londinese 2017.

Il terzo quartiere in cui vi porto è Notting Hill. Famosissimo per le sue case colorate e per l’omonimo film con Julia Roberts, il quartiere è molto conosciuto anche perchè l’ultimo weekend di agosto vi si svolge una grande festa, il carnevale caraibico. Inaugurato nel 1961, il carnevale richiama visitatori da tutta europa. Per una settimana le strade di Notting Hill si trasformano in una festa a cielo aperto, con sfilate e musica dei migliori soudsystem del momento. Il paradiso per gli amanti della dub music. Un’altra ragione per cui Notting Hill è famoso in tutto il mondo è che al suo interno si trova la conosciutissima Portobello road. Lungo questa via si tiene quotidianamente un mercatino, che raggiunge il suo apice al sabato quando partecipano molti espositori di antiquariato. Qui potete trovare dei bellissimo souvenir del vostro viaggio a Londra

  • 1086 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
, ,
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social