My London 2008

Non ero mai stata in Inghilterra e avevo in progetto di andare per alcuni giorni a Londra, effettuando anche dei giri nei dintorni costieri; per questa ragione io ed un amico abbiamo viaggiato con la nostra auto fin dall’Italia. So ...

  • di uboot-72
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: in coppia
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Non ero mai stata in Inghilterra e avevo in progetto di andare per alcuni giorni a Londra, effettuando anche dei giri nei dintorni costieri; per questa ragione io ed un amico abbiamo viaggiato con la nostra auto fin dall’Italia. So bene che non è certo una scelta economica, ma mi sembrava l’unica che permettesse di improvvisare un po’ gli itinerari. Inoltre mi accattivava molto l’idea di arrivare attraversando la Manica con il ferry, e vedere l’Inghilterra avvicinarsi pian piano.

Così è stato, ho prenotato con internet l’hotel (booking.Com), scegliendone uno in una zona di Londra lontana dal centro, ovviamente per risparmiare un po’, il London Guest House (167, Horn Lane, zona Acton); il costo è stato di 59 sterline per una camera a 2 letti e comprendeva la notte e la colazione. Anche il traghetto l’ho prenotato on line (ferry.Com) per la tratta Calais-Dover A/R, per circa 150 euro totali. Prima di partire ho ordinato 2 Oyster Card, (visitbritain.Com) che mi sono arrivate per posta pochi giorni dopo; si tratta di tessere per una riduzione su metro e bus (molto costosi..). Siamo partiti il 16/8 e ci siamo imbarcati sul ferry a Calais il 17/8 (per nostra scelta abbiamo considerato tempi di viaggio lunghi e dormito la notte prima dell’imbarco in un’area di servizio). Forse sembrerà banale, ma io ho trovato davvero affascinante la traversata della Manica, lasciando l’imbarco nella nebbia piovosa di Calais e vedendo lentamente avvicinarsi le “bianche scogliere di Dover”. Siamo sbarcati in Inghilterra circa dopo 1,30 di traghetto, e con un’ora di meno di fuso orario. Non ci siamo soffermati a Dover ma diretti a Canterbury, per vedere la famosa cattedrale (siamo arrivati in mezzora circa). Il paese è carino, e la cattedrale molto suggestiva. Nel pomeriggio siamo ripartiti per Londra.

L’hotel era situato in quartiere decentrato ma carino e tranquillo, e la camera in buone condizioni. La colazione offriva biscotti, plum cake, pane tostato e cose simili, ovviamente non c’erano i croissant..E neanche il caffè espresso! L’unico neo era rappresentato dalla distanza dalla fermata della metro, che a piedi distava circa 20 minuti (District e Piccadilly Line). Nella strada passavano anche degli autobus (266, 70), ma non portavano in centro, ed il costo per tratta era comunque 0,90 sterline. La metro era davvero molto costosa, almeno se paragonata ai trasporti italiani; per noi, pur avendo la Oyster Card, una corsa per raggiungere il centro poteva costare anche 2,50 sterline. C’era la possibilità di effettuare abbonamenti giornalieri, a circa 5,90 sterline. Il nostro soggiorno è durato circa 6 giorni, in quanto il ferry per il ritorno era prenotato per il 23/8 dopo cena. Abbiamo cercato di scegliere degli itinerari che prevedessero un equilibrio tra visite a pagamento e attrazioni gratuite; così, abbiamo visitato il Westminster Palace e la Westminster Abbey, (circa 12-15 £ ognuna, a testa). Il primo (che è il palazzo del parlamento) non mi attirava molto da visitare internamente, ma poi, la visita guidata (in italiano) si è rivelata interessante e divertente, soprattutto per i complessi e tradizionali riti che si svolgono tra regina, Lord e Comuni, e gli aneddoti divertenti raccontati dalla nostra guida. Questa visita, e quella alla vicina Abbazia, in cui da un millennio vengono incoronati i sovrani, mi ha fatto entrare nel mondo e nell’atmosfera legata alla monarchia, molto distante da ciò a cui si è abituati in Italia. Il famoso Big Ben non è un campanile a sé (come io credevo..), ma una delle torri del Westminster Palace, e non vi si può accedere

  • 195 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social