London, first time

Un viaggio di Ale, Memy e Paola Eccomi … eccoci … pronte per la nostra prima volta a Londra. Siamo Paola, che poi sarei io, Alessandra e Clementina (Memy). Partiamo sabato 21/06, alle 05.00 a.m. Siamo già a Ciampino aeroporto, ...

  • di paola73
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: fino a 6
    Spesa: Fino a 500 euro
 

Un viaggio di Ale, Memy e Paola Eccomi ... eccoci ... pronte per la nostra prima volta a Londra. Siamo Paola, che poi sarei io, Alessandra e Clementina (Memy). Partiamo sabato 21/06, alle 05.00 a.M. Siamo già a Ciampino aeroporto, il volo parte alle 06.35 arrivo previsto a Stansted airport alle 08.15. Volo prenotato a febbraio, rigorosamente Ryanair, costo euro 115,67 a testa andata e ritorno. Se avessi prenotato il giorno prima avremmo speso circa 80,00 euro a testa, purtroppo non ho colto l’attimo ... vabè accontentiamoci.

Arriviamo a Stansted airport con 20 minuti di anticipo ... questi di Ryanair ... pistano di brutto co’ sti aerei.

Il recupero bagagli è molto veloce ... e soprattutto i bagagli ci sono ... io ho sempre il terrore che mi spediscano la valigia chissà dove.

Recuperate le valige ci dirigiamo verso l’uscita dell’aeroporto e ci mettiamo alla ricerca delle macchinette automatiche per stampare i biglietti dello Stansted express, il treno che in 45 minuti arriva alla stazione Liverpool Street al centro di Londra. Li abbiamo prenotati dall’Italia, dal sito di Ryanair e pagati in anticipo con carta di credito, costo per biglietto andata e ritorno circa 31,00 euro a testa. Ci sarebbe anche l’autobus che arriva, se non sbaglio fino alla stazione Victoria, costa meno ma ci mette 1 ora e mezza ... visto che abbiamo così poco tempo abbiamo preferito spendere un po’ di più e guadagnare tempo.

Abbiamo le indicazioni stampate dal sito di Ryanair per trovare le biglietterie automatiche e come da indicazioni, ne troviamo una proprio all’inizio dei binari. Basta inserire la carta di credito nella macchinetta e immediatamente ci vengono stampati 6 biglietti, sono utilizzabili nell’arco di un mese dalla data in cui li hai stampati. Comodissimo ... geniale ... è bastato inserire la carta di credito, senza dover neanche digitare codici, date, nomi ... Il treno è già pronto saliamo e aspettiamo che parta, chiediamo al controllore se dobbiamo obliterare i biglietti e lui GENTILISSIMO (testiamo subito la disponibilità e la gentilezza degli Inglesi), pur non parlando una parola di italiano ... (noi praticamente di Inglese ... mastichiamo quelle due ... tre cose che ricordiamo dagli studi scolastici ... che risalgono a “qualche annetto fa”), ci fa capire prima di tutto che abbiamo preso i biglietti sbagliati, cioè quelli per il ritorno, poi ci spiega che i biglietti li timbrerà lui una volta che il treno sarà partito. Poi senza che noi gli avessimo chiesto altro, ci spiega che il treno ferma alla Stazione di Liverpool Street, ci chiede dove dobbiamo andare, ci fa vedere quale metropolitana dobbiamo prendere, e ci spiega anche che il biglietto del treno non è valido per la metropolitana, e ci dice che una volta alla stazione possiamo fare i biglietti per 3 giorni. Tutte informazione che già avevamo, comunque davvero una persona gentilissima ... ah per la cronaca ci ha parlato in Spagnolo ... Arriviamo alla Stazione di Liverpool Street, andiamo immediatamente alle biglietterie e compriamo questi famosi biglietti validi per 3 giorni (ci sono anche per 5 o 7 giorni) validi per le zone 1 e 2 ... praticamente per il centro di Londra. Costo dei biglietti circa 22,00 euro a testa.

Per fortuna da dove siamo non dobbiamo fare cambi di metropolitana, da Liverpool Street infatti parte la linea rosa “Hammersmith” sulla quale si trova la fermata Paddington che è a 5 minuti a piedi dal nostro Hotel.

In circa 20 minuti arriviamo alla Stazione di Paddington e cartina alla mano cerchiamo di orientarci per capire dove siamo e quale strada prendere per raggiungere l’Hotel. Lo troviamo senza grosse difficoltà ... a parte la pioggia ... già ho dimenticato di dirlo ... abbiamo trovato il tipico clima Londinese, un po’ fresco, grigio e piovigginoso, ma io sono contenta così ... sembra che Londra debba essere vista proprio con questo clima e questi colori ... quindi va bene ... speriamo solo che la pioggia non aumenti, perché anche se siamo attrezzate di kw e ombrelli ... sarebbe davvero fastidioso. Comunque troviamo il nostro Stylotel in Sussex Gardens, 160. Il quartiere è molto carino, grande viale alberato, e i tipici edifici inglesi che ho visto tante volte nei films, è anche tranquillo. Su questa strada, praticamente gli Hotel sono uno attaccato all’altro. Hotel prenotato dall’Italia sul sito Booking.Com, che ormai per noi è un punto di riferimento, ci abbiamo prenotato già altri alberghi in altre località, i prezzi sono buoni, la descrizione dell’hotel, dei servizi, corrisponde sempre a quello che poi trovi davvero, puoi consultare i giudizi dei clienti che ci sono stati ... che poi è la cosa che ci interessa di più. Costo in una stanza tripla per 2 notti colazione (buona e abbondante) inclusa, euro 93,00 a testa. Facciamo il check in subito e ci fanno pagare anticipatamente la stanza ... curioso ... ma a volte capita ... il problema è che noi abbiamo il brutto vizio di non chiedere mai “prima” di vedere la stanza ... vabè speriamo bene, perché anche se i giudizi su questo hotel erano buoni, i commenti in generale che abbiamo letto sugli Hotels di Londra non sono certo incoraggianti. La stanza non è pronta naturalmente, lasciamo le valige e ci mettiamo subito in cammino destinazione Westminster Abbey, abbiamo letto sulla nostra ormai immancabile guida Routard, che il sabato è aperta fino alle 13.30 e la domenica è chiusa. Quindi ci dirigiamo subito lì. Riprendiamo la metropolitana da Paddington, e un addetto ci dice che la fermata di Westminster è chiusa e che dobbiamo prendere un’altra linea e fare un tratto a piedi... così facciamo ... ma in realtà quando arriviamo ci sembra che la fermata di Westminster sia aperta ... Mah ... Attraversiamo il ponte di Westminster a piedi e ci troviamo davanti a ... quello che di lì a una mezz’oretta, scopriremo essere l’House of Parliament, dopo averci girato intorno cercando invano l’entrata per la visita, chiedendoci: “come mai la nostra guida dice che l’abbazia il sabato è aperta fino alle 13.30 e invece è chiusa????” ... eh si avete capito bene .. Eravamo convinte che fosse l’abbazia di Westminster ... quando, dopo esserci allontanate sconsolate per la mancata visita dell’abbazia, ci mettiamo alla ricerca della House of Parliament e, leggendo la guida, ... ecco ... la descrizione ... edificio che si affaccia sul Tamigi ... di un bel giallo ocra ... ci sembrava familiare ... insomma ... mi decido a prendere in mano la cartina ... e capisco che avevamo appena visto il Parlamento ... dicendoci a vicenda ... che siamo delle cretine ... ci affrettiamo ad andare all’abbazia ... che ora ... sta per chiudere ... sono le 12.30. Il biglietto per entrare costa ... 12,00 pound (circa 15,00 euro) ... però ... un po’ cara! Comunque vale la pena, molto bella. Terminata la visita decidiamo di incamminarci verso la fermata di metropolitana di Charing Cross, a Trafalgar Square, e strada facendo troviamo ... l’immancabile MC e ci fermiamo lì a pranzo. Un menù large 3,99 p (circa 5,00 euro). Dopo pranzo, un’occhiata veloce a Trafalgar square e ci imbattiamo in una manifestazione ... stanno manifestando contro un partito fascista ... che non ricordo come si chiama ... BNP credo... C’è un servizio d’ordine incredibile ... e c’è un ordine incredibile nella manifestazione stessa ... mamma mia questi inglesi!!!! Prendiamo la metropolitana e scendiamo alla fermata Bank e per arrivare alla cattedrale di St Paul passeggiamo per la city ... emozionante ... anche se essendo sabato in realtà, uffici e banche sono tutte chiuse ... mi piacerebbe passarci lunedì per vedere la city in piena attività. Arriviamo alla cattedrale, ci giriamo intorno e nel giardino facciamo un incontro per noi insolito e emozionante ... alcuni scoiattoli che stanno tranquillamente mangiando dalle mani dei passanti. La cattedrale purtroppo è chiusa, non si può visitare, facciamo appena in tempo a vedere una quantità incredibile di gente ... TUTTA IN GHINGERI, alte uniformi, e naturalmente tutte le signore con cappellini sfiziosi ... che escono dalla cattedrale, non siamo riuscite a capire che tipo di funzione fosse comunque alcune delle signore imbellettate se ne vanno in Rolles Royce. Comunque non c’è niente da fare la cattedrale non si visita! Decidiamo di arrivare a piedi fino al Tower Bridge per la visita della Tower of London e del ponte

  • 969 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social