Castelli, Ville e Borghi della Valtellina e del lago di Como

A volte non bisogna andare lontano per trovare luoghi magici e affascinanti in grado di farci sognare isolandoci dal resto del mondo...

  • di alvinktm
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Fino a 500 euro
 

A volte non bisogna andare lontano per trovare luoghi magici e affascinanti in grado di farci sognare isolandoci dal resto del mondo del quale possiamo osservare la frenesia comodamente seduti su una panchina baciata dal sole e accarezzata da una brezza frizzante. E' il caso dei castelli, delle ville e dei borghi scovati in questo viaggio a pochi chilometri da casa sospeso tra la Valtellina e il Lago di Como, arricchito da tappe culinarie indispensabili per allietare il nostro girovagare. Avendo appena affrontato un viaggio all'estero, per la precisione nella 'capitale verde del presente: Copenaghen', per questi quattro giorni di ferie primaverili abbiamo deciso di rimanere nelle vicinanze, eliminando così il costo del pernottamento, per riscoprire e svelare anche a voi le nostre bellezze 'fuori porta' (per chi venisse da lontano consiglio di consultare e scegliere uno degli agriturismi elencati nel sito, nei quali oltre che dormire si possono gustare le ottime specialità valtellinesi: www.valtellina.it/iutil/115/dove_dormire_mangiare/120/agriturismo/index.html).

PRIMO GIORNO

Iniziamo dall'escursione al CASTELLO DI MANCAPANE, adagiato su un pendio solivo nel comune di Montagna in Valtellina a due passi dalla città di Sondrio, capoluogo di provincia. Lasciata l'auto nel parcheggio adiacente il cimitero del paese, saliamo lungo la strada che conduce all'abitato di Santa Maria e dopo pochi tornanti, incontriamo le indicazioni per la fortezza proprio all'inizio di un ripido ma ben segnalato sentiero. Il tracciato si snoda tra grossi tronchi dalla corteccia rugosa, piante che inseguono flessuose la luce proveniente dall'alto, antichi muri in pietra di contenimento e fiumiciattoli che a causa della pioggia zampillano tra le fessure della roccia. In circa mezz'ora raggiungiamo la piccola casetta in pietra del Mulino di Cà Zoia, recentemente ristrutturato e ancora funzionante, la cui visita però è da effettuarsi previa richiesta alla Comunità Montana. Ancora pochi minuti di cammino e su una sporgenza formata dai due rami del torrente Davaglione, scorgiamo le mura di Mancapane. ll castello è costituto da una cinta muraria da cui spicca la grande torre alta più di 20 metri. Grazie alla particolare configurazione lo si può definire come un chiaro esempio di torre con recinto che aveva la funzione di guardia, segnalazione e difesa per uomini e animali. Le origini risalgono tra la fine del XIII secolo e gli inizi del XIV secolo grazie al volere dei feudatari di parte Guelfa De Capitanei per controllare l'area sottostante. Da qui infatti si gode di una magnifica vista sui pendii che via via degradano fino al fondovalle. Purtroppo l'antico splendore è stato gravemente e irrimediabilmente danneggiato dai Grigioni durante la loro occupazione della Valtellina nel 1522. L'entrata al castello è consentito da un'apertura ad arco tutto sesto parzialmente ricostruita con sezioni in ferro e posta nel lato sud. Entrando ci si ritrova in uno spazio ristretto, piano, nascosto dalle possenti mura in sasso e dal quale si erge la slanciata torre. Anticamente, una scala in legno che si poteva retrarre per motivi di sicurezza (ostacolando così l'ingresso degli aggressori) conduceva alla porta ricavata a 6 metri di altezza. Le feritoie a forma di croce permettevano l'uso sia dell'arco che della balestra, mentre delle nicchie dotate di una piccola apertura permettevano di difendere la rocca tramite pietre, acqua e olio bollente, palle di ferro...Riposiamo sulla panchina in legno godendoci il piace tepore delle ore più calde della giornata e contempliamo le magnifiche tonalità che colorano le montagne. Il verde scuro dei pini compare qua e là come un'oasi tra quello più chiaro dei larici e tutto svanisce sotto una leggera coltre di neve sulle vette più alte

  • 21093 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social