VILNIUS, sempre più Europa, un anno dopo

E’ passato poco più di un anno dal mio pazzo viaggio in autobus da Venezia a Vilnius, 35 ore di prova di coraggio all’interno dell’autobus dell’Eurolines.. E da “turista per caso”, mi sono trovato ad essere “residente per caso”. Dopo ...

  • di mirko valongo
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: da solo
    Spesa: Fino a 500 euro

E’ passato poco più di un anno dal mio pazzo viaggio in autobus da Venezia a Vilnius, 35 ore di prova di coraggio all’interno dell’autobus dell’Eurolines.. E da “turista per caso”, mi sono trovato ad essere “residente per caso”. Dopo i dieci giorni di vacanza ad ottobre dell’anno scorso, sono ritornato in Lituania altre due volte e poi, a luglio, io e Danilo (ve lo ricordate?) abbiamo deciso di aprire una un’attività commerciale qui in Lituania che si occupa di servizi alle imprese ed import export. Questo vale a dire affrontare mille problematiche. Eccone alcune.

Burocrazia lituana: gli uffici lituani sono spesso lenti, chi vi ci lavora non sorride molto, soprattutto se davanti vi si presenta uno straniero, sono ancora un po’ di stampo sovietico. Lingua: il lituano è una lingua antichissima e difficilissima anche se bisogna dire che tutti i giovani parlano molto bene almeno l’inglese (altro che noi pelandroni italiani, che parliamo oltre all’italiano, forse il nostro dialetto). Caratteristiche lavorative del popolo lituano: anche se sono stati resi indipendenti da 15 anni, ancora rimane qualcosa di stampo sovietico, specie nelle persone dai trent’anni in su. Qua si potrebbe aprire un dibattito politico che potrebbe continuare per pagine e pagine, ma forse è meglio che torniamo a noi e al piacere del turismo.

Vi aggiorno sui nuovi locali da poter frequentare.

Prospekto Pub. Gestito con maestria da Piero, ragazzo italiano che è riuscito a mantenere alto il nome del nostro Belpaese, il Prospekto è riuscito in pochi mesi a diventare il posto più cool dove passare le vostre serate. Il Brodway rimane sempre un’ottima alternativa per la notte durante la settimana.

Alcune “in breve” per chi vuole venire.

Soldi. La Lituania, per fortuna è ancora un paese discretamente economico. Alcuni esempi: entrata in disco il sabato sera 7 euro, sigarette 1,20 euro, cena in un buon ristorante del centro (con donna a carico) 10-15 euro, biglietto dell’autobus 0,30 euro.

Fumare. Qui in lituania il fumatore è ben tutelato e ben privilegiato. Si può fumare praticamente ovunque, dal ristorante ai centri commerciali, dal bar e perfino in posta..

Mancia. E’ buon uso lasciare la mancia quando si va in ristorante. Non occorre essere eccessivi, basterà lasciare 1-2 litas per appagare il buon lavoro della vostra camerieradi turno (sempre che lo abbia fatto!).

Centri commerciali. Akropolis: il più grande e fornito. Non andate il fine settima, troppo pieno e caotico Un po’ distante dal centro, ma un giro è d’obbligo.

Europa: un’ottima alternativa. Più vicino al centro, ma meno grande e destinato ad un pubblico un po’ più “pretential”.

V CUP. Dalle dimensioni simili all’Europa, ancora più vicino al centro. Il piano terra è costellato di negozi di intimo femminile...Praticamente una piacevole sfilata ogni giorno. Andate al quarto piano, presso Jogy troverete il miglior espresso della Lituania ed una simpatica yogurteria italiana. Rimango come sempre disponibile per le vostre domande. Le mia e-mail è la stessa: valongo@gmx.Net.

Mirko

  • 1491 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social