Il freddo inverno della Lituania

Quattro giorni alla scoperta di alcune delle tappe più caratteristiche della Lituania: il fiabesco Castello di Trakai, il Museo Etnografico di Rumsiskes, la Collina delle Croci di Siauliai e Vilnius, la capitale lituana

  • di tus-operator
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 4
    Spesa: Fino a 500 euro
 

Un’idea per un breve viaggio fuori dai soliti itinerari? Noi quest’anno, durante il ponte dell’Immacolata, siamo andati nella fredda Lituania!

Prima di partire, qualcuno ci ha detto: “In Lituania? Ma non ci vanno nemmeno i lituani!”. Abbiamo sì trovato un paese ancora non del tutto invaso dal turismo di massa (che è un vantaggio), ma la Lituania è interessante da visitare grazie alle sue bellezze naturali ed architettoniche, alla sua ricca e travagliata storia ancora così palpabile e alle sue antiche tradizioni. Nei freddi mesi invernali tutto si tranquillizza, i tempi rallentano e ci si ritrova volentieri a bere qualcosa di caldo in un bar dai vetri appannati. Ma noi, sprezzanti delle temperature (per la verità non sono state particolarmente basse ma il vento era gelido), siamo andati alla scoperta di alcune delle tappe più caratteristiche della Lituania: il fiabesco Castello di Trakai, il Museo Etnografico di Rumsiskes, la Collina delle Croci di Siauliai e Vilnius, la capitale lituana.

I giorni a disposizione erano a malapena quattro ma, a bordo della nostra auto, sono stati sufficienti per farci un’idea di questa nazione dell’est europeo (per un giro più completo, che arriva fino alla zona costiera, sarebbe necessaria una settimana). Sembrano pochi ma la Lituania non ha moltissime attrazioni turistiche (ve ne renderete conto sfogliando le guide) e quelle poche si visitano piuttosto rapidamente. Con questo non voglio dire che il viaggio non ci sia piaciuto. Anzi, è stata una bella avventura!

La Lituania è anche un’ottima destinazione per coloro che hanno un budget limitato. A parte il volo (circa 100 euro), il costo della vita è molto basso. Si cena abbondantemente con 15 euro in bei locali e si pernotta in hotel discreti a circa 20-25 euro a persona per notte. Nel complesso, quindi, il viaggio è costato meno di 250 euro per persona (considerando volo, noleggio auto di due giorni, biglietti di ingresso, qualche piccolo souvenir, pasti e tre pernottamenti).

E i lituani come sono? Le ragazze sono sicuramente molto belle anche se non si può decisamente dire lo stesso per il genere maschile. Inoltre, per i nostri standard, non sono per nulla accoglienti. Provare per credere. E’ impossibile ricevere un saluto entrando in un negozio, in un ristorante o in un hotel! Certo, non lo fanno per maleducazione (in Lituani si usa così!) però per noi italiani risulta quasi sgarbato.

Veniamo adesso al programma di viaggio:

PRIMO GIORNO – sabato 5 dicembre

Raggiungiamo la Lituania a bordo di un volo Ryanair, partito dall’aeroporto di Begamo e atterrato a Vilnius (aeroporto principale della città a circa 10 km dal centro) verso le 17. Subito veniamo accolti da un vento gelido.

Ritiriamo l’auto presso Car Hire LT, che ha “sede” presso un hotel dell’aeroporto, e diamo inizio al nostro viaggio on the road. Inutile dire che qui è già buio da circa un’ora quindi riusciamo a vedere ben poco del paesaggio che ci circonda. Dopo appena 30 minuti, eccoci al b&b dove trascorreremo la notte: Kaimo Turizmo sodyba “Brazuoleje Pas Juoza”. Si tratta di una struttura tutta rivestita di legno (camera inclusa) che dista circa 10 minuti da Trakai. La proprietaria è molto cortese, la struttura carina e recente e spendiamo anche molto poco (33 euro a camera per notte). Peccato solo che, nonostante la pulizia sembri buona, troviamo una ciocca di capelli nel nostro letto (sgrunt!)

  • 15483 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
, ,
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social