Un weekend a Lione, la città delle luci

Per la famosa festa dell'8 dicembre, ma non solo. Con i consigli della guida per caso Roberto

  • di robyreg
    pubblicato il

ITINERARIO IN CITTÀ

Lione offre un'ampia gamma di eventi tale da rendere ogni periodo dell’anno adatto alla visita. Per chi, invece, preferisse vedere per la prima volta la città e volesse tralasciare tutti i vari eventi, anche solo per un problema linguistico, allora vorrei passare pochi e brevi consigli in modo da permettere a tutti di capire cosa vedere e come muoversi nella città.

Innanzitutto Lione è divisa in macro quartieri, ognuno dei quali rappresenta una sorta di città nella città. Alcuni di questi quartieri vanno assolutamente visti e, quando possibile, "gustati" attraverso l’ottima gastronomia locale:

La Vieux Lyon rappresenta un patrimonio dell’Unesco e la sua architettura Rinascimentale va ammirata insieme alla cattedrale di Saint Jean; non dimenticate poi di percorrere i suoi traboules [www.lyontraboules.net] per vedere gli edifici dall’interno.

La Confluence è un quartiere di recente rifacimento là dove, fino a 15-20 anni fa, non c’era praticamente nulla se non un passaggio ferroviario e qualche azienda. A farla da padrone sono degli edifici, sia civili che commerciali, estremamente moderni ed affascinanti fino ad arrivare al fantastico Museo delle Confluenze (tra le cose da non perdere).

La presqu’île (letteralmente significa "penisola") è disposta tra i 2 fiumi e la sua parte amministrativa è quella più interessante da visitare. Si va da place Bellecour fino all'Hotel de Ville, in place de Terreaux, passando nella via principale (Rue de la Repubblique) piuttosto che attraverso quell'agglomerato di ristoranti che è Rue Merciere, senza tralasciare la zona dell’Opera (place Louis Pradel).

La Croix Rousse è il quartiere sulla collina appena più a nord della zona amministrativa (la presqu’île). Rappresenta il quartiere più artistico della città e dalla quale si possono ammirare alcuni scorci dall’alto di Lione che vale la pena vedere. Consiglio di salire con la metropolitana, andare a vedere il Gros Caillous e poi scendere a piedi.

Le Brotteaux ed il Parco della Tete d’Or. Nel quartiere è possibile apprezzare l’eleganza architettonica del diciannovesimo secolo mentre il parco urbano più grande della Francia è una soluzione molto apprezzata per una passeggiata, una corsa o un pic nic domenicale con gli amici.

Per la visita della città sono sufficienti i mezzi pubblici (bus e metropolitana) oppure la bicicletta (quelle pubbliche possono essere comodamente affittate con una carta di credito in tutte le 300 stazioni di biciclette in giro per la città ad un prezzo molto basso) quindi, doveste raggiungere la città in aereo, non sarà necessario che prenotiate un’auto.

Per qualsiasi domanda, ci sentiamo sul forum… buon viaggio!

Roberto

Guida per caso di Lione

Parole chiave
, ,
  • 705 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social