La mia Limnos, un'isola per pochi

Chi ne ha saputo cogliere la bellezza ne è un po’ geloso; un signore greco conosciuto sul posto mi ha chiesto di non farle troppa pubblicità in Italia. Sono gelosi della loro meravigliosa isola a forma di farfalla...

  • di birillina87
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Scrivo questo diario a distanza di quasi un anno dal mio viaggio e riguardando le foto ogni minimo dettaglio è riaffiorato per permettermi di raccontarvi la MIA LIMNOS.

Il 4 Agosto io e Matteo, il mio paziente fidanzato, nonché compagno di avventure, partiamo da Roma con un volo ryanair per Salonicco. Appena fuori dall’aeroporto troviamo ad aspettarci il bus n 78 (biglietto 1 euro a persona) che ci porterà alla stazione dei pullman della KTEL MACEDONIA, che ci porteranno nella cittadina di Kavala dove ci aspetta il traghetto per Limnos.

Vorrei spendere due parole per Salonicco: durante il viaggio di andata, causa incastri per prendere il traghetto, siamo riusciti a vederla solo durante il viaggio dall’aeroporto fino alla stazione dei pullman. Ci ha dato la sensazione di essere una città molto sporca, e davvero poco affascinante.

Durante il viaggio di ritorno invece, ci siamo fermati per una notte all’ Hotel Pella, proprio in centro ma sporco e tristissimo, e siamo andati verso il porto e la parte più centrale di Salonicco. Ci siamo decisamente ricreduti, è una bellissima città, piena di vita, di giovani, di belle piazze e con un lungo mare davvero affascinante. Il poco tempo non ci ha permesso di visitarla, ma forse un paio di giorni bisognerebbe dedicarglieli.

Il viaggio con il pullman della KTEL dura circa 3 ore, e il biglietto costa circa 12 euro a persona. I pullman per Kavala partono ogni ora circa. Una volta arrivati a Kavala ci siamo fermati a mangiare la nostra prima Pita Souvlaki e abbiamo fatto un giro per il suo delizioso porticciolo. Infine ci siamo imbarcati per un viaggio che è risultato molto più lungo del previsto. Solitamente il traghetto da Kavala a Limnos ci mette 8 ore, noi saremmo dovuti arrivare alle 23 e siamo invece sbarcati alle 3 di notte.

A darci il benvenuto è il Kastro illuminato che domina Myrina, la capitale dell’isola. Lo spettacolo è mozzafiato.

Ad aspettarci al porto c’erano i proprietari del nostro studio “Limnos View” (www.limosview.gr), che si trova ad Agios Ioannis, piccolo paesotto ad un quarto d’ora da Myrina. Gli studios sono pulitissimi, ben attrezzati e soprattutto economici. Noi ci siamo trovati benissimo, i proprietari sono davvero disponibili.

Ci svegliamo l’indomani e di fronte a noi abbiamo la baia di Agios Ioannis con il suo mare blu cobalto e le sue poche casette sparse lungo le spiagge.

A mio avviso alloggiare ad Agios Ioannis è la scelta migliore, Myrina è leggermente più caotica. Agios Ioannis è un paesino proprio sul mare con pochissime case, un paio di taverne, un mini market e un delizioso bar scavato in una roccia con dei deliziosi tavolini a forma di barca che si affacciano proprio sul mare. Ci sono anche alcune spiaggette cittadine, abbastanza carine ma comunque un pochino affollate.

Myrina: è una cittadina deliziosa, con due porti, uno turistico in cui si susseguono una serie di taverne e bar molto carini e soprattutto piuttosto vivi la sera. L’altro, è il vero e proprio porto dell’isola, li troverete altre taverne, soprattutto per mangiare il pesce e non distante da li troverete la via principale di Myrina, ricca di negozi di ogni tipo. Entrambi i porti sono dominati dal suggestivo Kastro le cui mura di notte vengono illuminate per stregare i vostri cuori.

Il primo giorno abbiamo affittato uno scooter 125, fedele compagno di follie alla ricerca di posti sperduti, e ci siamo diretti verso la parte nord ovest dell’isola, in direzione Spiaggia di Gomati. La strada è tortuosa, di montagna, piena di curve, il paesaggio ci lascia piuttosto perplessi, non ci sono alberi, cespugli, nessun tipo di vegetazione. Tutto intorno a noi ci sono montagne e colline color senape, e null’altro… del mare nemmeno l’ombra. Un paesaggio lunare, disarmante

  • 20352 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social