Viaggio in Lettonia e Lituania tra natura e cultura

Raggiungiamo Riga con un volo Ryanair da Orio al Serio e, già dall’alto, la Lettonia ci presenta il suo biglietto da visita: l’immensa distesa verde delle sue foreste.

  • di angela29
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Raggiungiamo Riga con un volo Ryanair da Orio al Serio e, già dall’alto, la Lettonia ci presenta il suo biglietto da visita: l’immensa distesa verde delle sue foreste.

All’aeroporto ci attende l’autista del transfer all’hotel Riga: un’affascinante signorina alta e bionda che ci accompagna in centro della capitale lettone in una lussuosa BMW.

L’albergo è in una bella posizione, vicino al palazzo dell’Opera, a soli 5 minuti da Vecriga, la città vecchia.

http://hotelriga.lv/en/about-us

Trascorriamo i primi due giorni visitando la città: la chiesa di San Pietro con la splendida vista dalla guglia, la Casa delle Teste Nere, il grande mercato centrale nei vecchi hangar usati come ricovero dei dirigibili Zeppelin, l’elegante quanto ricco e straordinario quartiere art noveau, patrimonio dell’UNESCU, sito di molte ambasciate ed infine il toccante museo dell’occupazione lettone.

Piacevole la mini crociera per i canali di Riga e sul fiume Daugava al costo di 5 Ls, (al lunedì 3 Ls)

www.kmk.lv; ma il modo migliore per conoscere la città è gironzolare a testa all’insù per i suoi vicoli acciottolati.

Ceniamo specialità tipiche al Citi Laiki in Brivibas iela 41 e ci concediamo un drink allo Skyline bar al 26esimo piano del Radisson Hotel dove trovare un tavolo libero accanto alle vetrate è una vera fortuna visto il panorama di cui si gode.

Il tempo a Riga vola via veloce e al terzo giorno arriviamo con un taxi all’aeroporto dove ci aspetta la vettura noleggiata.

Proseguiamo verso ovest e ci fermiamo sulla rinomata costa baltica a Jurmala, il litorale di Riga, per un bagno corroborante e un’occhiata alle ex cliniche climatiche costruite a ridosso delle spiagge durante l’egemonia sovietica. Jurmala è tuttora luogo del jet-set lettone e molte residenze sono proprietà di magnati russi del petrolio e della finanza.

Successivamente raggiungiamo la prima tappa del nostro viaggio itinerante: la penisola di Kolka.

Un luogo spettacolare dove la corrente del Baltico incontra le acque del golfo di Riga, increspando il mare, dove gli alberi sradicati e disseminati sulla spiaggia creano un paesaggio selvaggio, a testimoniare la forza delle tempeste che sconvolgono il capo.

Dopo le foto di rito lasciamo Capo Kolka e ci dirigiamo a Kuldiga dove alloggiamo all’Hotel Metropol:

www.hotel-metropole.lv

Il più bell’albergo della città, nella piazza centrale, confortevole con una buona cucina.

Visitiamo il centro storico con la casa più antica della Kurzeme del 1670 e la piazza del vecchio municipio, edificio del XVII secolo, ora centro d’informazione e negozio di souvenir, ma tutta la cittadina testimonia la sua antica origine ben conservata fino ai giorni nostri.

Dalla zona del vecchio castello si gode una vista favolosa sulla Ventas Rumba, la cascata che con i suoi 275 metri è la più larga d’Europa ma con un salto di appena qualche metro.

Il quarto giorno raggiungiamo, con non poca difficoltà Karosta, l’ex base navale e città sovietica a nord di Liepàja, meta fissata per visitare la omonima prigione militare.

L’edificio in mattoni rossi, concepito per essere un ospedale, fu requisito dai sovietici e riconvertito in prigione militare ancor prima della sua ultimazione.

Le visite guidate a Karosta Cietums ( 2,5 Ls) sono in lettone, russo ed inglese, e un po’ troppo spettacolarizzate; i visitatori sono invitati a formare gruppi con il proprio leader a seconda della provenienza, durante le spiegazioni vengono stivati a decine nelle minuscole celle, e alcune delle quali sono state trasformate in camere di un improbabile albergo

  • 18339 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social