Lefkada meravigliosa: 9 giorni, 9 spiagge

Alla scoperta della spiagge più belle dell'isola

  • di mamy62
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 4
    Spesa: Fino a 500 euro
 

Agosto 2015, quest’anno per le nostre ferie abbiamo deciso di andare per la prima volta in Grecia. Nonostante le notizie preoccupanti che arrivavano da Atene, preoccupanti prima di tutto per i greci ma anche per noi turisti, non abbiamo disdetto e non ci siamo pentiti. Ho pensato a Lefkada perché tantissimi anni fa un collega, mi aveva parlato dell’isola, descrivendomela bellissima, e quel nome mi era sempre rimasto nel cuore. Naturalmente mi leggo tutti i pochi, preziosi diari dei TPC.

Dunque, a inizio anno prenoto con Grimaldi un’andata Brindisi/Igoumenitsa in posto poltrona e ritorno in cabina interna per 4 più macchina: 800 euro netti . Del viaggio parlerò brevemente: non lasciatevi ingannare da foto di giovani e bimbi che sguazzano in piscina e coppie romantiche al ristorante. La nave è un traghettone, essenzialmente trasporta tir e merci varie; porta direttamente nei Balcani una umanità varia che non si fa problemi a occupare di traverso 4 poltrone, mangiare e dormire per terra in ogni anfratto. Cosa che alla fine abbiamo fatto anche noi, maledicendoci per non aver pensato a un materassino e a un sacco a pelo da sistemare in una saletta gelida e illuminata al massimo per tutta la notte. Il ritorno in cabina molto meglio, pulita e con bagno, da considerare che era un upgrade gratuito per problema di prenotazioni.

Abbiamo prenotato, tramite Booking un appartamento bilocale in località Lygia, sulla costa orientale, Villa Meliti. Indipendente, luminoso, pulito, condizionato e con un bellissimo balcone vista orti. L’unico appunto è sul pentolame: è vero che non siamo andati in Grecia per cucinare ma quell’unica pentola, vecchia e rovinata, rendeva difficile anche cuocere un uovo! Le pulizie (che di solito sono a fine soggiorno e costose) e cambio biancheria fatto 3 volte in 10 giorni comprese nel prezzo: 700 euro in tutto. Trattamento molto amichevole e rilassato.

L’isola

Proprio un’isola non è in quanto è unita alla costa continentale da un piccolo ponte girevole che attraversa il tratto lagunare che caratterizza il nord di Lefkada. Lefkada Town è subito dopo il ponte con una bella e moderna marina, il centro storico con le caratteristiche case, con il piano sopra in lamiera colorata (soluzione antisismica artigianale tipica di Lefkada) e l’impianto urbanistico a stampo veneziano. Infatti le isole Ionie sono state a lungo dominate dai veneziani, inglesi e anche tedeschi. In città ristoranti per tutti i gusti e tutte le tasche (anche ottimi veri italiani), souvenir, poco artigianato, tante specialità culinarie tipiche tra cui il pregiato vino locale, miele di timo, olio di oliva, lenticchie e dolci dolcissimi. Per chi è in cerca di storia ci sono tante chiese, ortodosse dentro, ma a facciata italiana, con il campanile tipico (sempre originalmente antisismico!) e un piccolo museo sul folclore locale.

Ogni giorno abbiamo visitato una spiaggia diversa trovando sempre un mare meravigliosamente pulito e dai colori indescrivibili. Ci siamo mossi in macchina lungo la strada principale che segue il circolo dell’isola, trovandola facilmente percorribile. Le strade secondarie sono meno agevoli, a tratti strettissime, tortuose e in forte pendenza. L’isola infatti è attraversata da una piccola ma vera catena montuosa con boschi e panorami montuosi ma mai veramente lontani dal mare

  • 32113 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
, , , ,
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social