Vacanze a Lefkada

Un'isola dal sapore di miele e circondata da un mare i cui colori sono impossibili da descrivere a parole

  • di Giusi Balzano
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 7
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

8/02/2014

In un pomeriggio invernale in cui si nota già un minimo il naturale allungarsi delle giornate, ma sapendo che le spiagge e i tramonti estivi sono ancora lontani, provo a scrivere il mio diario di viaggio dedicato a Lefkada.

L'interessamento per questa meravigliosa isola è nato circa un anno fa, un po' per caso, un po' grazie ai suggerimenti di altri viaggiatori, e un po' anche per “convenienza”.

Si prospettava l'organizzazione di una settimana di vacanza in cui conciliare le esigenze di sette persone e quindi non una cosa semplicissima, ma sapevo che il risultato sarebbe stato ottimo visto che con le stesse persone (più o meno) avevo già viaggiato e “vissuto”.

E così, sfruttando la tecnologia abbiamo creato un gruppo di lavoro e abbiamo cominciato a sognare.

Prima di tutto il periodo di viaggio: 6/13 agosto 2013 (le esigenze lavorative di ognuno hanno influito sulle date e abbiamo dovuto adattarci).

Collegamenti: decisa la partenza da Roma, intorno a metà marzo abbiamo prenotato l'aereo per Preveza con Blu-Express. Abbiamo pagato circa 200 euro a persona (il prezzo è legato alla scelta di imbarcare il bagaglio o di viaggiare solo con quello a mano. Diciamo che con il solo bagaglio in cabina si risparmiavano 40 euro).

Pernottamento: sempre per facilitare le cose a tutti, abbiamo optato per un hotel che offriva anche la colazione (in fondo al racconto metterò la recensione che ho lasciato su trip advisor), HOTEL APOLLO (o Apollon) in località Vasiliki, prenotato su booking, (525 euro a settimana per ognuna delle due matrimoniali e 595 per la tripla).

Spostamenti: dal momento che l'aeroporto è sulla terra ferma e che dista circa 25km da Lefkada town e altri 25 da Vasiliki, abbiamo prenotato verso maggio due auto da ritirare e riconsegnare proprio in aeroporto. (Abbiamo utilizzato rentalcars.com spendendo 289 euro a macchina, avevamo una yaris e una micra nuove).

6/08/13

Bene, dopo tutte queste premesse, impegno, ricerche, letture e sogni durati per diversi mesi, finalmente dopo un viaggio piacevole e relativamente breve in areo, siamo atterrati in terra ellenica in una calda ma sopportabile mattinata di agosto.

Abbiamo ritirato velocemente le auto, sistemato i bagagli e siamo partiti pieni di aspettative (tutte confermate) verso un'isola a me fino ad allora quasi sconosciuta, ma che mi è rimasta dentro.

(Sono sincera, a distanza di mesi mi sfuggono nomi e luoghi esatti, ma cercherò di essere più precisa possibile in ciò che scrivo.)

Dopo diversi km sulla terraferma, siamo finalmente arrivati al ponte che unisce quest'ultima all'isola di Lefkada. Appena varcato il ponte ci sono dei ragazzi che distribuiscono gratuitamente la mappa dell'isola (ci siamo sentiti subito accolti), abbiamo quindi deciso di percorrere la costa ovest, che sapevamo essere la più selvaggia e infatti ci siamo trovati davanti a panorami stupendi!

Ormai era ora di pranzo e dopo aver scartato alcuni posti visti strada facendo, siamo stati attratti dal cartello della taverna “T'Aloni” e ci siamo fermati.

Beh, nulla da dire, come primo assaggio di Grecia io sono partita subito con la moussaka, qualcun altro con un insalata e così via. Abbiamo mangiato benissimo e speso il giusto!

Con il pancino pieno ci siamo poi diretti verso Vasiliki e dopo curve e salite, ecco finalmente la discesa verso la cittadina. Colpo d'occhio fantastico su tutta la baia piena di barchette a vela.

La nostra meta era sempre più vicina, e dopo aver attraversato l'unica via che porta al porto (si passa praticamente tra i tavolini dei ristoranti), l'abbiamo superato e siamo arrivati all'Apollo

  • 76707 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
, , ,
Commenti
  1. puccy
    , 7/5/2014 01:12
    Bellissimo!! Segnalo che sul blog MALDIGRECIA http://maldigrecia.blogspot.it/p/tutte-le-isole.html trovate la versione fotografica di questo bellissimo reportage.

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social