Via Francigena improvvisata

tratto laziale della Via Francigena a piedi, da Bolsena fino a Roma

  • di mickcev
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 3-4
    Spesa: Fino a 500 euro
 

Sono un ex scout e da tanti anni avrei voluto fare una vacanza simile, camminando in mezzo alla natura e in paesi sperduti, vivendo alcuni giorni in completa semplicità. Con queste poche idee ho reclutato mia cugina Francesca e il suo ragazzo Benè e abbiam deciso di fare un percorso a piedi in Italia; la scelta è caduta sull’ultimo tratto della Via Francigena, un po’ perché ci affascinava come percorso, e un po’ perchè l’abbiamo deciso in quattro e quattr’otto e avevamo bisogno di un percorso che fosse un minimo organizzato. 3 giorni prima della partenza abbiamo preso i biglietti del treno,abbiamo stampato un paio di informazioni (per il percorso: www.viafrancigena.eu; per dormire: http://www.camminafrancigena.it/it/resource/news/ospitalita-povera/), e via che si parte!

1 giorno: Bologna – Orvieto - Bolsena

Bologna-Orvieto in treno, dalle 9.12 alle 12.11 (26€). Orvieto è un piccolo gioiello; purtroppo però abbiamo potuto fare solo una visita lampo perché alle 13.30 partiva l’autobus per Bolsena (ce se sono solo due al giorno!). Arrivati a Bolsena abbiamo cercato un campeggio e in poco tempo l’abbiamo trovato: http://www.campingillago.it, ottima sistemazione perché è proprio sulla riva del lago ma è vicino al centro storico, e costa pochissimo (9€ a testa). A quel punto ci siamo rilassati un pò in spiaggia e poi abbiam fatto un’attività: avevam deciso di accompagnare ogni giorno di vacanza con alcuna attività fisiche (organizzate da Benè) e con alcune attività mentali (abbiam letto e discusso alcune parti di un libro di Galimberti “L’ospite inquietante. Il nichilismo e i giovani”, molto interessante, soprattutto nella parte iniziale). Siam andati al supermercato e abbiam comprato pane, formaggio, pomodori, vino e frutta e abbiam fatto una cena molto rustica sulle rive del lago! A quel punto siamo saliti al centro storico che ci è piaciuto molto: un po’ abbandonato, però molto suggestivo, sembrava di essere tornati nel medioevo! Siam andati a letto abbastanza presto perché il giorno successivo bisognava cominciare a camminare!

2 giorno: Bolsena- Montefiascone (18 + 5 km)

Dopo un breve bagno rinfrescante, si smonta la tenda e si parte! Cominciamo a camminare in riva al lago, scelta che si rivelerà errata: dopo 1-2km la strada si interrompe e dobbiam tornare in alto verso la statale Cassia, che percorriamo per un paio di km: bruttissimo! Fortunatamente dopo poco troviamo i cartelli della Via Francigena che ci indirizzano verso strade meno percorse. Passiamo per un bel bosco, ma dopo alcuni km dobbiamo tornare sulla strada statale. Arriviamo a Montefiascone abbastanza stanchi e accaldati (sono ormai le 14) e qua ci aspetta un’altra sorpresa: il campeggio è moooolto lontano dal centro (circa 5km)! Inoltre, i trasporti pubblici montefiascone-lago lasciano molto a desiderare,per cui non siamo riusciti più a salire in paese, nonostante ci fosse la fiera del vino L! Ci riposiamo un po’ in riva al lago ed andiamo a letto prestissimo. In conclusione, se potete, cercate alloggio in paese e non sul lungo lago!

3giorno: Montefiascone-Viterbo (18-20km)

Per tornare su a Montefiascone decidiamo di prendere l’autobus, cosa che fa sì che cominciamo a camminare dopo le 10…dopo un’ora era già caldissimo! La prima parte del percorso è molto bella, passiamo anche per alcuni pezzi dell’antica via Cassia, quella costruita dai Romani svariati secoli fa! Il problema maggiore è il caldo e la mancanza d’ombra: ad un certo punto giungiamo a delle piscine termali ma siamo così stanchi e accaldati che decidiamo di tirare dritto per arrivare a Viterbo il prima possibile! La periferia di Viterbo è abbastanza squallida e pericolosa per chi ci si avventuri a piedi; fortunatamente non dura molto ed arriviamo in centro. All’ufficio turistico ci indirizzano verso la parrochia di Sant’Andrea, dove regolarmente ospitano pellegrini. Qua ci siam trovati molto bene, don Cento è stato molto disponibile e così quello che credo fosse il diacono, un ragazzo indiano di nome John. Qua abbiamo conosciuto i primi nostri “colleghi” pellegrini: un padovano che viaggiava a 35km/dì partendo alle 5 di mattina (!), due ragazze danesi, e due romani 20enni all’avventura! Abbiam scambiato due chiacchere, siamo usciti a bere e mangiare qual cosina e a visitare un po’ il centro storico (carino, ma non eccezionale), e poi a letto presto anche stavolta!

4giorno: Viterbo-Vetralla (20km)

Questa volta abbiam deciso di partire presto: sveglia alle 7 e via! La prima parte della strada è stata molto bella, una via asfaltata racchiusa tra due pareti di tufo! Arriviamo a Vetralla verso le 13 e all’inizio non ci fa una grande impressione: è tutto chiuso, in giro ci sono solo due vigili urbani e gli unici negozi aperti sono svariate parrucchiere! Cercando un alloggio per dormire facciamo conoscenza di Janus, un personaggio ungherese che fa il fact-totum del prete locale. Ci trova una stanza nell’oratorio della Chiesa dove facciamo conoscenza degli altri ospiti di Don Luigi: Gaetano, un ragazzo palermitano di 19anni, Valerio ex ultras della Lazio molto simpatico e Giovanni. Abbiamo cenato insieme a loro ed è stato bello (e divertente!) conoscere realtà molto diverse dalla nostra! Prima della cena girovagando per il centro abbiam fatto la conoscenza di Fulvio, vetrallese doc, e di Mary Jane, una signora di origini irlandesi che già da molto tempo vive da queste parti; sono stati molto gentili ad accompagnarci all’interno del Comune e a spiegarci un po’ di storia di Vetralla! Mary Jane ha anche un blog e un sito in cui racconta la sua storia e le attività che organizza per far conoscere meglio questa zona : http://50yearsinitaly.blogspot.com/; http://www.elegantetruria.com/

  • 4454 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social