Meravigliosa Lanzarote

Una settimana nell'isola delle Canarie, gioiello ancora sconosciuto ai più...

  • di cla4902
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Viaggio acquistato con la promo “Metti in valigia le tue vacanze 2014” di Phone & Go, destinazione: Lanzarote. La prima notte, come previsto, rimaniamo a Fuerteventura poiché l'ultima partenza del traghetto non coincide con il nostro arrivo in aeroporto. Finalmente arriviamo a Lanzarote con il traghetto Fred Olsen e il profilo dell’isola si staglia ai nostri occhi, entrambi cominciamo già ad innamorarcene. Montagne, palme, giochi di ombre creati dalle nuvole, casette bianche con imposte verdi, in una parola meravigliosa.

Il pullman ci accompagna in albergo e dopo pranzo finalmente ci fiondiamo fuori dall’albergo per noleggiare l’auto e girare l’isola in tutta autonomia.

Il turismo di Lanzarote dà la possibilità di acquistare un biglietto cumulativo chiamato “Bono” che si acquista direttamente in una delle attrazioni comprese.

C’è il Bono da 3 o da 4 centros (ovvero attrazioni) che dura 7 giorni e il Bono 6 centros che dura 14 giorni, cambiano il prezzo, la durata e le attrazioni incluse, per maggiori informazioni visitate questo sito: www.turismolanzarote.com/centros-de-arte--cultura-y-turismo-de-lanzarote.

Aiutati da un navigatore (anche se le indicazioni stradali sono molto semplici da seguire), la prima cosa che visitiamo è il Jardin de Cactus (creazione dell’architetto César Manrique così come la maggior parte delle attrazioni presenti sull’isola). Qui acquistiamo subito il nostro Bono 6 centros al costo di 30€ a persona, essendo un biglietto cumulativo sicuramente fa risparmiare a chi, come noi, ha intenzione di girarsi l’isola per bene.

Si tratta di un giardino circolare che presenta più di 7200 esemplari di oltre 100 specie di cactus provenienti da diverse nazioni. All’interno del giardino c’è anche un ristorante ed un negozietto di souvenirs. Sul lato destro del ristorante c’è una piccola scalinata che porta su un’altura dalla quale si vede il giardino dall’alto. Questo è il paradiso di Gabry, lui adora i cactus!

Nel pomeriggio visitiamo una spiaggia, Playa La Garita che però non ci ha attirato particolarmente. La prima parte è tutta di sassi neri e grossi, poi di sabbia, ma con l’alta marea c’è poco spazio per stendere gli asciugamani. Comunque l’acqua, una volta entrati a fare il bagno, è limpidissima e pulita. Cena e a nanna.

Oggi visitiamo uno dei posti più belli dell’isola: Parco Nazionale del Timanfaya. E’ un grande parco vulcanico, compreso nel Bono 6 centros raggiungibile solo in macchina o con il pullman. Una volta fatto timbrare il Bono, c’è un sentiero da seguire (è l’unico quindi non ci si può perdere) e una volta arrivati in cima bisogna parcheggiare la macchina e dei grandi pullman raccolgono tutti i turisti per fare il giro del parco che non si può girare autonomamente. Sul pullman una registrazione spiega in diverse lingue (spagnolo, inglese, tedesco) la storia del parco, è stupendo vedere come le eruzioni del vulcano (ormai non più attivo) abbiano lasciato il segno sull’isola. Si riconoscono benissimo le colate e i diversi strati di lava, ormai pietrificati. Il paesaggio è talmente straordinario e suggestivo che è stato utilizzato come set del film “2001 odissea nello Spazio” per la sua particolarità, sembra infatti di stare su un altro pianeta.

César Manrique ha realizzato la statua El Diablo che è il simbolo del parco. Questo diavoletto, secondo gli antichi, determinava le eruzioni vulcaniche dell’isola.

Ha realizzato inoltre un ristorante panoramico a 360 gradi. Il ristorante è particolare (a parte la vista mozzafiato) poiché la carne e le verdure vengono cotte su una griglia sfruttando il calore del sottosuolo (Vulkan Grill), purtroppo però non abbiamo avuto il piacere di mangiare qui

  • 34691 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. cla4902
    , 25/2/2015 19:26
    Ciao a tutti, se volete vedere tutte le foto del mio viaggio e tanti altri diari potete visitare il mio blog: http://iloveviaggi.blogspot.com

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social