Lanzarote on the road

Alla scoperta dell'isola di Cesar Manrique

  • di GP14
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 500 a 1000 euro
 

Arrivate in aeroporto al mattino prestissimo abbiamo atteso un pochino il bagaglio e ci siamo immediatamente recate allo sportello della Cicar x ritirare l'auto, pratica velocissima. Tra l'altro potete chiedere il secondo conducente senza pagare nulla. Dall'aeroporto al nostro appartamento abbiamo impiegato circa 10 min (tenete presente che l'isola si gira in lungo e in largo in pochissimo tempo). Giusto il tempo di lasciare le valigie nell'appartamento e ci siamo dirette a Mirador del Rio, prendendo la strada per Haria. Arriviamo in circa 45 minuti. Le strade sono perfette, asfaltate, e la segnaletica perfetta ma senza parapetti lungo i percorsi in salita con strapiombi e paesaggi che definirei lunari. Vi consiglio di andare piano e di fare un bel respiro se soffrite di vertigini. Una volta parcheggiata l'auto abbiamo fatto il biglietto (2.85 euro a persona ma quel giorno c'era il 40% di sconto).

Mirador del Rio è un'attrazione come tutte le altre costruite da Cesar Manrique. Si trova a 500 mt di altitudine. C'è un bar ristorante dotato di una grande vetrata per ammirare il panorama e di fronte si scorge Isla Graciosa. Potete ammirare lo stesso panorama da fuori lungo un sentiero. A 5 min di strada, seguendo le indicazioni stradali, siamo arrivate a Cueva De Los Verdes (qui abbiamo optato per l'acquisto del ticket x 3 attrazioni a 21 euro per persona), una serie di grotte sovrapposte e cunicoli, a tratti molto strette e molto basse di circa 8 km, ma non si percorrono tutti. Nella parte più profonda c'è un anfiteatro dove si svolgono eventi e musica. Qui vi è un'enorme grotta dove è nascosta la sorpresa che rimarrà un segreto anche nel mio racconto. Una pecca è stata la guida, parla solo inglese e spagnolo. A un minuto dal parcheggio c'è Jameos dell'Agua, grotte sotterranee trasformate da Manrique in centro culturale. Scendendo la scalinata, superando il bar-ristorante c'è una piscina naturale dove vedrete i famosi granchi albini. I il resto niente di attrattivo almeno per i nostri gusti. A 9 km e con ottime indicazioni stradali si arriva a Jardin De Cactus che è un grande giardino creato da Manrique con oltre 1500 cactus provenienti da tutto il mondo,ordinato e pulito se non sei particolarmente un'appassionata in un oretta visiti l'attrazione salendo anche sul mulino a vento per ammirare il paesaggio.

2° giorno

Da Puerto Del Carmen, percorrendo la strada per Yaiza e seguendo le indicazioni (arrivate presto per evitare le code) in mezz'ora siamo arrivate al Parco del Timanfaya. Il biglietto costa 10 euro a persona e si paga rimanendo in auto perché si deve proseguire fino al parcheggio salendo delle ripide strade. Una volta arrivate al parcheggio siamo salite sul bus che ci ha condotte per 50 min in un tour di circa 14 km. Mette i brividi per le strade strette, per il panorama unico nel suo genere. Solo crateri e paesaggi lunari. Terminato il tour si assiste alla dimostrazione del calore del sottosuolo (400 gradi) dapprima facendoci tenere in mano dei sassolini caldissimi raccolti da terra, poi accendendo della paglia, appoggiandola in un cratere sotterraneo e poi attivando dei geyser. Infine, ti fanno visitare il bar-ristorante El Diablo, costruito da Manrique. Su una grossa griglia posta al centro di un cratere cuociono pollo e patate solo con il calore del vulcano. Anche qui la guida parla solo inglese e spagnolo

  • 1335 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social