Tour tra Langhe e Roero

Un rilassante viaggio attraverso la natura, la cultura e l'opera dell'uomo che ha creato le immense distese di vigneti pregiati

  • di girovaga54
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 3
    Spesa: Fino a 500 euro
 

Un viaggio nelle Langhe non è solo una vacanza in uno dei posti più belli d’Italia, ma un coinvolgimento di tutti i sensi; la vista, per i panorami spettacolari, soprattutto in autunno quando tutto è rosso e oro; il gusto, per i sapori della cucina piemontese; l’olfatto, perché è il momento del tartufo e del fungo porcino. Che altro dire? È una visita sicuramente da mettere in programma.

Venerdì 13 ottobre

Partiamo per Torino con il Freccia 1000 delle ore 9:15 da Roma Tiburtina ed arriviamo in perfetto orario a Porta Susa alle 13:40, accolti da una splendida giornata di sole. Ci dirigiamo subito all’agenzia AVIS, in Via Giuseppe Giusti (a pochissimi passi dalla stazione), presso la quale abbiamo prenotato un’auto a noleggio: ci assegnano una nuovissima Fiat 500X che per tre persone va benissimo. Mentre ci preparano l’auto, approfittiamo per rifocillarci in un grazioso locale sotto i portici di Corso Vinzaglio. Inizia così la nostra nuova avventura, con lo stesso entusiasmo di sempre, avidi di conoscenza e di nuove esperienze. Usciamo da una trafficata Torino e in breve il paesaggio muta, dalla vasta pianura a dolci colline che caratterizzano la zona. Intorno alle 16:00 siamo già a Dogliani, il paese natale del presidente Luigi Einaudi, (la famiglia ancora oggi è proprietaria di una immensa azienda agricola e produttrice di vini) e con facilità troviamo l’Agriturismo Barbarossa (www.agriturismobarbarossa.it), in Borgata Gombe 60. Che dire? Il vero, perfetto agriturismo, quello senza la televisione in camera, per intenderci, immerso nei vigneti e nei noccioleti. Veniamo accolti da Vilma e dalla sua deliziosa mamma, una signora dai modi di altri tempi, che dopo averci mostrato le nostre camere, ci preparano il caffè e ci fanno gustare le nocciole di loro produzione. Mi sento subito a casa e quando avverto questa sensazione all’arrivo, capisco che è stata la scelta giusta. Ci riposiamo un po’ e dopo aver ammirato i vigneti incendiati dal sole, ci dirigiamo a Monforte, un delizioso piccolo paese a circa dieci chilometri da Dogliani, attraversando un paesaggio incantevole. Visitiamo il paese con pacatezza, soffermandoci a ogni affaccio sulla valle che cambia continuamente colore avvicinandosi il tramonto. E questa è sicuramente una peculiarità delle Langhe: il senso di tranquillità che infondono, come se il tempo non passasse, sospeso tra le vecchie case medievali dei borghi, la natura circostante e l’opera dell’uomo che ha saputo creare le infinite distese dei filari di viti.

Torniamo a Dogliani che è già buio, ci addentriamo nei vicoli e nelle piazzette che si aprono di fronte all’imponente mole della ottocentesca parrocchiale dei Santi Quirico e Paolo e poi, ascoltando i preziosi suggerimenti di Vilma, ci spostiamo a Murazzano, un piccolo borgo a pochi chilometri, per cenare da “Lele”, una trattoria con cucina tipica regionale che troviamo affollatissima: buon segno! Infatti, una vera sorpresa ci attende. Viene servito solo il menu degustazione che comprende non so più quante portate di antipasto, due primi tipici (i tajarin con i funghi e i plin, ripieni di verdure), carne, formaggi, dolci e liquori. Da non potersi più alzare dalla tavola, tutto eccezionale e a un costo molto contenuto per la gran quantità e varietà di portate, € 33,00 a persona. Non possiamo far altro che complimentarci con la cuoca e con tutta la gestione del locale (Lele, il fratello della cuoca è ineccepibile come padrone di casa). Abbiamo bisogno di riprendere fiato e, così, prima di rientrare in agriturismo, passeggiamo nel borgo in una serata quasi più primaverile che autunnale

  • 821 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Parole chiave
, , ,
Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social