Quel ramo del Lago di Garda

Weekend tra la rocca di Sirmione, una passeggiata a Peschiera, una visita al Vittoriale degli Italiani di Gardone e tappa al Parco Giardino Sigurtà

  • di hummin
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Fino a 500 euro
 

Mi sono sempre posto un traguardo, trascorrere il mio compleanno in vacanza, molti di voi penseranno giustamente che non è questa gran difficoltà basta organizzarsi prima, è anche vero però che non ci sono mai riuscito per vari motivi, finendo sempre col passarli al lavoro o a scuola che forse è pure peggio.

Quest’anno, alla soglia degli anta, ho realizzato il mio proposito nonostante qualche inconveniente lavorativo dell’ultimo minuto si sia messo di traverso sul percorso. Tralasciando particolari poco interessanti, decidiamo di rimanere in Italia avendo a disposizione solo un paio di giorni da attaccare al week-end e come meta, dopo una lunga meditazione, la decisione cade sul Lago di Garda. Strano ma vero non ci siamo mai stati, abbiamo girovagato in lungo e in largo per l’Europa ma sappiamo poco o niente delle bellezze di casa nostra, è arrivato il momento di colmare anche queste lacune.

Per così pochi giorni non occorre cambiare più volte alloggio, dovendo quindi scegliere un base Sirmione ci sembra l’ideale. Da casa dista neppure 300 km e partendo il sabato mattina in un periodo per giunta neppure troppo turistico ci impieghiamo ad arrivare due ore e mezza circa, non incontrando praticamente mai traffico.

La scelta della sistemazione merita un breve discorso a parte, scegliamo un hotel poco fuori Sirmione per evitare la confusione, attraverso Booking troviamo l’Hotel Bolero a Lugana di Sirmione, 240 euro per tre notti con colazione inclusa.

La posizione è ottima, in una zona piena di ristoranti, locali di vario genere e vicino al lungolago a 5 minuti d’auto di distanza dal centro medievale della cittadina, sull’hotel ci sarebbe molto da dire. È un posto un po’ retrò, gli arredamenti sono particolari e possono non piacere a tutti, carta da parati molto scura, poca luce e pareti stracariche di quadri e foto d’epoca, richiami neppure troppo velati al Ventennio di cui anch’io non mi accorgo subito (per fortuna), quindi se da questo punto di vista siete particolarmente sensibili meglio evitare.

Le stanze sono carine e molto pulite, buffo il bagno totalmente in plastica, per capirci ricorda quello che si trova sulle navi da crociera, chi ha già fatto questa esperienza si sentirà come a casa.

Citazione a parte per i proprietari, molto gentili e disponibili (ci regalano una bottiglia al momento del commiato) ma un po’ invadenti anche se è un termine che non amo molto, in breve aspettatevi di dover sostenere per forza delle conversazioni (o forse sarebbe meglio dire piccoli interrogatori) in qualsiasi momento decidiate di scendere le scale. Qualche problema per i nottambuli visto che ad ogni uscita dovrete lasciare le chiavi nelle mani dei titolari, la cosa buffa è che li abbiamo trovati in piedi ad attenderci praticamente a qualsiasi ora.

Citazioni di merito per la colazione e il contesto in cui l’hotel è inserito, bellissimo giardino con piscina e biciclette gratuitamente a disposizione della clientela.

primo giorno

Sabato 9 aprile arriviamo in tarda mattinata e la camera è già pronta, lasciamo i pochi bagagli che ci siamo portati, sosteniamo il primo interrogatorio per capire o meno se siamo tipi loschi e di cui ci si può fidare e con molta fatica riusciamo ad uscire per andare a visitare il centro di Sirmione.

Ci si arriva in auto, il vero problema è il parcheggio. Ce ne sono parecchi ma quelli più vicini alle mura che segnano l’ingresso della città vecchia sono i primi a riempirsi nelle giornate topiche, noi per questo la lasciamo più lontano ma alla fine dei giochi ci impieghiamo una buona mezz’ora per arrivare a destinazione

  • 10711 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Fabio L.
    , 2/5/2016 10:38
    Buongiorno a tutti e grazie per la segnalazione. Purtroppo quando l’autore del diario di viaggio non invia almeno una foto relativa al suo racconto, dobbiamo comunque inserirne una come abbiamo dovuto fare in questo caso :)
    Siccome la selezione delle foto avviene mediante tag… anche a noi può capitare di sbagliare e me ne scuso.
    La foto di copertina è stata sostituita... l’immagine è del Tpc Frank_84
    Grazie
    Fabio
  2. hummin
    , 1/5/2016 10:00
    La foto è stata scelta dalla redazione e non da me, io non ho potuto ancora inviarne, ti consiglierei pertanto di segnalare la questione direttamente contattando gli amministratori del sito. Ho già avuto modo di evidenziare come sia sul sito e soprattutto nella pubblicazione cartacea dei diari, nonostante si venga invitati ad inviare le proprie foto, spesso queste non vengono tenute in considerazione e ne vengono utilizzate altre che a questo punto so essere di altri utenti
  3. Effe04
    , 28/4/2016 14:20
    Potrei risultare una guastafeste, ma tengo a precisare che la foto scelta come copertina del diario è stata caricata da me utente Effe04 e si tratta di Castelletto frazione Torri del Benaco sul lago di Garda provincia di Verona e non si tratta certo di Sirmione e tanto meno di Peschiera.

    Saluti
    Effe04

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social