Sul lago di Garda per caso

Due giorni tra Peschiera, Sirmione e Lazise

  • di Frank_84
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Fino a 500 euro
 

Grazie alle offerte di Trenitalia siamo andati da Mestre a Peschiera del Garda con soli 18 euro a/r e un’ora e un quarto di viaggio!

Peschiera, che si trova sulla sponda sud orientale del lago, è una vera e propria città fortezza infatti il centro storico è delimitato dalla cinta muraria di epoca veneziana e racchiusa dalle acque del lago e del fiume Mincio. Ci avviamo verso il centro e attraversiamo Porta Verona, l’ingresso monumentale cinquecentesco della città. Attraversiamo il centro fino a Porta Brescia, seconda entrata del forte bastionato da dove ha inizio la pista ciclabile che, costeggiando il Mincio, conduce fino a Mantova. A Peschiera ci sono anche delle belle e lunghissime spiagge attrezzate e degli scavi romani che conservano la struttura di una casa.

Vista la bella giornata decidiamo di prendere l’autobus diretti a Sirmione, una lunga e stretta striscia di terra che si protende verso l’interno del Lago di Garda. Scendiamo a Largo Faselo proprio all’ingresso del centro storico che si trova all’estremità settentrionale della penisola. L’unico punto di accesso è un piccolo ponte vicino al castello scaligero dalla cui torre si può godere di un meraviglioso panorama della città. Il centro è un bellissimo borgo medievale pieno di negozi di ogni genere e lungo le rive ci sono delle piccole spiaggette di sassi, spesso frequentate da cigni, dove potersi rilassare e anche fare un bagno. A Sirmione, inoltre, ci sono le famose terme e un parco archeologico dove si trovano i resti di una villa romana meglio conosciuta come le grotte di Catullo.

La sera, tornati a Peschiera, decidiamo di provare un tipico pesce di lago, il lavarello, alla trattoria Al Combattente in strada Bergamini 60, consigliata!

Il giorno dopo abbiamo preso il battello alle 9.30 per Lazise, un altro borgo medievale sulla sponda veronese.

Arrivando dal lago si possono subito ammirare i monumenti più importanti del paese. Il castello scaligero, ora privato e quindi non visitabile e, a ridosso dell’antico porticciolo, la dogana veneta dalla quale la Repubblica di Venezia ha dominato per secoli il commercio sul lago di Garda, ora sede di prestigiosi eventi culturali. Il centro storico di Lazise è incantevole: racchiuso dalle mura scaligere, i vicoli medievali pieni di negozi, bar e ristoranti, la piazza principale con la pavimentazione a scacchiera e lo splendido lungolago pavimentato a onde.

Alla fine della passeggiata lungolago c’è anche una piccola spiaggia di sassi in cui potersi rilassare. A pranzo abbiamo provato un ottimo risotto all’amarone e brie, specialità del posto, all’osteria La Vita, vicolo Gafforini 4.

Inoltre, su questa parte di lago non mancano i divertimenti: da Lazise, infatti, è possibile raggiungere facilmente i più famosi parchi a tema come Gardaland, Canevaworld, Movieland e lo zoo safari Parco natura viva.

  • 10146 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social