India del Nord: culture & trekking (seconda parte)

Tra città ed escursioni in Ladakh

  • di lacrima81
    pubblicato il
  • Partenza il
    Ritorno il
  • Viaggiatori: 2
    Spesa: Da 1000 a 2000 euro
 

Ci risiamo... l’India ci ha richiamato a sé. Lanno scorso è stato amore a prima vista e non potevamo tradirla!

05\08\16

Dopo un piacevole, confortevole, comodo, viaggio in upgrade in economy plus, atterriamo a Delhi; Namastè India!! Ritornano i ricordi della scorsa estate:stessi profumi, stessi simpatici visi.. ma questa volta nuovi posti da scoprire.

Ci fermiamo in hotel molto vicino all’aeroporto Ibis Hotel (non fatevi organizzare il transfer dall’hotel troppo caro, ma utilizzate la metro all’interno dell’aeroporto e scendete alla prima fermata a 5 minuti a piedi dall’Ibis), giusto il tempo per sistemare le valigie (infatti lasceremo nella struttura alberghiera una parte dei vestiti non necessari per i nostri primi dieci giorni di viaggio), una doccia e un riposino.

06\08\2016

La mattina prendiamo un volo interno per Jodhpur, la città blu, il colore delle famiglie dei brahmini (colore che predomina sui tetti delle case).

Con un tuc tuc percorriamo delle stradine medioevali e attraversiamo il caotico mercato della città, dove i colori degli abiti delle donne, i profumi delle spezie e i forti odori ci fanno da compagnia e raggiungiamo la Guesthouse prenotata dall’Italia (Shahai Guest house), situata nella città vecchia. Una simpatica e ospitale famiglia ci accoglie, ci mostra la nostra bellissima stanza e la terrazza dalla quale si apre un panorama mozzafiato sul forte. Vi consigliamo di cenare in questa struttura, cucina semplice, tradizionale. Approfittiamo della connessione wi fi per acquistare i biglietti del treno notturno per Jaisalmer ma scopriamo che il sito indiano delle prenotazioni “rifiuta” le carte di credito internazionali, e, senza parole, il padre di famiglia che ci ospita ci consegna la sua carta di credito permettendoci l’acquisto.

07\08\2016

Intera giornata dedicata alla visita della città: la mattina la dedichiamo alla visita del Mehrangarh, il maestoso forte che domina Jodhpur e lo raggiungiamo attraverso un ripido sentiero, composto da grandi scalini che conducono poi ad un percorso praticamente nascosto dal verde della vegetazione e sudati arriviamo all’ingresso.

Nel pomeriggio ci lasciamo trasportare dalle persone indaffarate a fare acquisti nei vari bazar situati nella città vecchia, che offrono oggetti antiquariati, spezie, tessuti… i colori vivaci, il caos richiamano il nostro sguardo, che spiazza da un banco all’altro con occhi spalancati, curiosi.

Anche l’olfatto vuole la sua parte: l’odore delle fogne lascia spazio ai profumi gradevoli delle spezie e degli incensi che si spargono nell’aria.

Ritorniamo alla nostra guest house e approfittiamo dell’ospitalità della famiglia per lasciare per due giorni i nostri bagagli e poter partire “leggeri” per il trasferimento notturno.

08\08\2016

Dopo sette piacevoli ore in treno in terza classe con a\c, arriviamo a Jaisalmer, la città d’oro e veniamo immediatamente circondati da procacciatori di alberghi, che abilmente riusciamo a dribblare.

Appare ai nostri occhi l’imponente castello di sabbia che sorge su di una arida pianura e la strada per raggiungerlo lascia immaginare le piste carovaniere di un tempo.

Una volta visitato il Palazzo Reale, i templi gianisti (in pietra arenaria) e le splendide haveli (palazzi tradizionali sontuosamente decorati) partecipiamo ad una escursione nel deserto del Thar

  • 9470 Visualizzazioni
  • Stampa
  • Invia ad un amico

Commenti
  1. Nessun utente ha ancora commentato. Se sei un utente registrato puoi usare questo form per dire la tua!

Per scrivere su Turisti Per Caso devi prima registrarti!


Entra con il tuo account social